Accesso Iscriviti

Accesso

Accedi con uno dei tuoi account social...

...o con il tuo account FASI.biz

FASI.biz

Laboratorio - foto di RIANbotDopo sette anni il 7° Programma quadro per la ricerca nell’Ue (7PQ) si avvia al suo termine. Gli ultimi bandi della programmazione 2007-2013 saranno presentati il prossimo 9 luglio: a Roma, la Rappresentanza in Italia della Commissione europea ha organizzato un evento di presentazione delle nuove call, con la partecipazione di rappresentanti delle istituzioni italiane ed europee e un collegamento video con la commissaria europea alla Ricerca Máire Geoghegan-Quinn e il ministro per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca Francesco Profumo.

Il 7PQ, lanciato nel 2007 con uno stanziamento di oltre 53 miliardi di euro, ha finanziato la politica europea per la ricerca, consolidando lo Spazio europeo della ricerca (SER).

Il programma prevede quattro articolazioni:

  1. Cooperazione, che mira a incentivare la cooperazione e a rafforzare i legami tra l’industria e la ricerca in un quadro transnazionale in 9 aree d’intervento (salute; prodotti alimentari, agricoltura e biotecnologie; tecnologie dell’informazione e della comunicazione; nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione; energia; ambiente; trasporti; scienze socioeconomiche e scienze umane; sicurezza e spazio);
  2. Idee, che promuove le ricerche di frontiera in Europa;
  3. Persone, che mobilita risorse finanziarie importanti per migliorare le prospettive di carriera dei ricercatori in Europa ed attirare un maggior numero di giovani ricercatori di qualità;
  4. Capacità, che fornisce ai ricercatori strumenti efficaci per rafforzare la qualità e la competitività della ricerca europea.

Il 7PQ finanzia anche le azioni dirette del Centro comune di ricerca (JRC) e le azioni previste dal programma quadro EURATOM per quanto riguarda:

  • la ricerca sull’energia di fusione;
  • la fissione nucleare e la radioprotezione.

A succedere il Settimo Programma Quadro sarà Horizon 2020, il nuovo programma europeo che dal 2014 al 2020 finanzierà con 80 miliardi di euro le attività di R&S e innovazione in tutta l'Ue.

Prima di allora, però, l'ultima tornata di bandi: circa 9 miliardi di euro, la più cospicua dotazione di risorse dell'intera programmazione.