Accesso Iscriviti

Accesso

Accedi con uno dei tuoi account social...

...o con il tuo account FASI.biz

FASI.biz

Electric wiring - foto di KriplozoikI ricercatori della Rice University (Houston, Texas) sono riusciti a realizzare cavi elettrici costituiti da nanotubi di carbonio in grado di trasportare lo stesso quantitativo di energia dei tradizionali fili di rame. La nuova tecnologia è un decisivo passo in avanti nell’utilizzo delle rinnovabili, da un lato, e nello sviluppo dell’efficienza energetica, dall’altro.

La realizzazione di impianti elettrici di questo tipo rappresenta un traguardo che gli scienziati delle nanotecnologie hanno tentato di raggiungere per circa trent’anni. I nanotubi di carbonio individuali, infatti, sono meccanicamente resistenti e dotati di un grado di conduzione maggiore di quello del rame. Tuttavia, tali proprietà tendono a disperdersi quando gli elementi sono collocati in strutture più grandi.

I ricercatori della Rice university, guidati da Pulickel Ajayan e Enrique Barrera, sono finalmente riusciti ad ottenere cavi elettrici resistenti ma, al tempo stesso, abbastanza flessibili da essere uniti tra loro e modellati, e in grado di trasportare la stessa quantità di ampere dei fili di rame ma con un sesto del peso.

La scoperta è stata accolta con grande entusiasmo nel mondo della ricerca. Come sottolineato da Ray Baughman, direttore del NanoTech Institute e professore all’University of Texas di Dallas, l’esiguità di peso dei cavi servirà a rendere più leggeri aerei e automobili e, di conseguenza, ad aumentare la loro efficienza. Inoltre, l’utilizzo dei nanotubi di carbonio renderà più pratico e efficace il trasporto di energia rinnovabile all’interno dei circuiti elettrici.