Umbria: contributi a favore degli inquilini morosi incolpevoli - 2015

Agevolazione
Regionale
Stanziamento
€ 1.135.176
Soggetto gestore
Regione Umbria

Descrizione

Bando per la concessione di contributi a favore degli inquilini morosi “incolpevoli”, anno 2015.

L’intervento viene realizzato nei Comuni ad alta tensione abitativa, e precisamente: Amelia, Città di Castello, Corciano, Foligno, Gubbio, Narni, Orvieto, Perugia, Spoleto, Terni, Todi e Umbertide. La gestione dell’intervento è affidata ai Comuni.

Beneficiari

Sono destinatari dell’intervento gli inquilini morosi “incolpevoli”, ovvero i nuclei familiari che, successivamente alla stipula del contratto di locazione, si sono trovati in una condizione di impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo, a causa della perdita o di una consistente riduzione della capacità reddituale, dovute esclusivamente ad una delle seguenti motivazioni:

  • licenziamento, escluso quello per giustificato motivo soggettivo e per dimissioni volontarie; x accordi sindacali o aziendali con consistente riduzione dell’orario di lavoro;
  • cassa integrazione ordinaria o straordinaria;
  • mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici;
  • collocazione in stato di mobilità;
  • cessazione di attività libero-professionali o di imprese registrate, derivanti da causa di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente;
  • malattia grave, infortunio o invalidità di uno dei componenti il nucleo familiare che abbia comportato o la consistente riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo o la necessità dell’impiego di parte notevole del reddito per fronteggiare rilevanti spese mediche o assistenziali;
  • decesso o trasferimento per separazione legale del componente il nucleo familiare unico percettore di reddito.

I nuclei familiari beneficiari devono:

  • essere titolari di un contratto di locazione regolarmente registrato per un’unità abitativa ad uso residenziale e risiedere nella stessa da almeno un anno alla data di pubblicazione del bando;
  • essere destinatari di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida.

Contenuto dell'intervento

L’intervento prevede l’erogazione di contributi qualora:

  • il proprietario formuli rinuncia allo sfratto e stipuli un nuovo contratto con l’inquilino (canone concordato);
  • l’inquilino individui un nuovo alloggio e stipuli il relativo contratto di locazione (canone concordato);
  • il proprietario dimostri la propria volontà a consentire il differimento dell’esecuzione dello sfratto di almeno 12 mesi.

Beneficiari e Finalitá

Beneficiari
Privato
Dimensione Beneficiari
Non Applicabile
Settore
Sociale - No Profit - Altro
Finalita'
Sociale - Cooperazione
Ubicazione Investimento
Regione:
  • Umbria

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo

Nel caso in cui il proprietario formuli rinuncia allo sfratto e stipuli un nuovo contratto con l’inquilino (canone concordato) il Comune corrisponde:

  • un contributo in un’unica soluzione, pari al 50% dell’importo complessivo della morosità maturata dall’inquilino e attestata nel provvedimento di sfratto, fino ad un massimo di € 5.000;
  • un contributo sul canone di locazione, pari a € 200/mese, per un periodo di 15 mesi, erogato con cadenza trimestrale posticipata.

Nel caso in cui l’inquilino individui un nuovo alloggio e stipuli il relativo contratto di locazione (canone concordato) il Comune corrisponde:

  • un contributo in un’unica soluzione, pari all’importo della caparra che l’inquilino è tenuto a versare, fino ad un massimo di € 800;
  • un contributo sul canone di locazione, pari a € 200\mese, per un periodo di 36 mesi, erogato con cadenza trimestrale posticipata.

Nel caso in cui il proprietario dimostri la propria volontà a consentire il differimento dell’esecuzione dello sfratto di almeno 12 mesi il Comune corrisponde:

  • un contributo in un’unica soluzione, pari al 50% dell’importo complessivo della morosità maturata dall’inquilino e attestata nel provvedimento di sfratto, fino ad un massimo di € 5.000;
  • un contributo sul canone di locazione, pari a € 200/mese, per il periodo di sospensione dello sfratto, con cadenza trimestrale posticipata, fino ad un massimo di € 3.000.

Tempistica investimento

Le domande possono essere inviate fino a esaurimento delle risorse disponibili al Comune via PEC, per raccomandata A/R o consegna a mano presso il competente ufficio comunale.

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.