Piemonte: assegno di studio per iscrizione e frequenza - Anno 2011-2012

Data chiusura
31 Mag 2012
Agevolazione
Regionale
Soggetto gestore
Regione Piemonte

Descrizione

Il contributo regionale “assegno di studio per iscrizione e frequenza” è erogabile ad ogni studente residente in Piemonte frequentante nell’anno scolastico 2011/2012 la scuola primaria o secondaria di primo e secondo grado nelle Istituzioni scolastiche statali e paritarie facenti parte del sistema nazionale di istruzione.

Possono presentare la domanda :

  • uno dei genitori del figlio studente residente in Piemonte;
  • in caso di assenza dei genitori chi esercita la patria potestà sullo studente residente in Piemonte;
  • lo studente maggiorenne, residente in Piemonte.

I requisiti necessari per l’ammissibilità all’assegno sono i seguenti:

  • frequenza di Istituzione scolastica statale o paritaria (in possesso del riconoscimento per l’anno scolastico 2011/2012);
  • residenza dello studente nella Regione Piemonte;
  • indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.) in corso di validità, alla data di presentazione della domanda, non superiore a €. 40.000;
  • coordinate bancarie – Codice IBAN – per effettuare il pagamento del contributo concesso con bonifico sul conto corrente bancario o postale o sulla carta prepagata del richiedente.

La situazione reddituale è determinata secondo le disposizioni di cui al decreto legislativo 31 marzo 1998 n. 109 e successive modificazioni e integrazioni (I.S.E.E.) Per accedere al beneficio, l’indicatore I.S.E.E. del nucleo familiare, in corso di validità, non deve essere superiore a €. 40.000.

Beneficiari e Finalitá

Beneficiari
Privato
Dimensione Beneficiari
Non Applicabile
Settore
Sociale - No Profit - Altro
Finalita'
Formazione, Sociale - Cooperazione
Ubicazione Investimento
Regione:
  • Piemonte

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo

L’importo massimo erogabile dell’assegno di studio per iscrizione e frequenza, che non può essere superiore alle spese effettivamente sostenute, riferito ad ogni studente avente diritto, distinto per fasce di reddito ed ordine di scuola, è il seguente:

  • I.S.E.E. Minore o uguale a €. 10.000: contributo massimo erogabile per figlio ammonta a 1.500 euro (scuola primaria), 1.800 euro (scuola secondaria di 1° grado), 2.300 euro (scuola secondaria di 2° grado),
  • I.S.E.E. da €. 10.000,01 a €. 26.000: contributo massimo erogabile per figlio ammonta a 1.200 euro (scuola primaria), 1.500 euro (scuola secondaria di 1° grado), 2.000 euro (scuola secondaria di 2° grado),
  • I.S.E.E. da €. 26.000,01 a €. 29.000: contributo massimo erogabile per figlio ammonta a 830 euro (scuola primaria), 1.100 euro (scuola secondaria di 1° grado), 1.470 euro (scuola secondaria di 2° grado),
  • I.S.E.E. da €. 29.000,01 a €. 40.000: contributo massimo erogabile per figlio ammonta a 550 euro (scuola primaria), 740 euro (scuola secondaria di 1° grado), 980 euro (scuola secondaria di 2° grado).

Per la determinazione del contributo assegnabile:

  • se uno o più membri del nucleo anagrafico familiare, nel primo trimestre 2012 è stato prevalentemente in cassa integrazione oppure ha perso il lavoro e percepisce l’indennità di disoccupazione ordinaria , l’I.S.E.E. dichiarata viene abbattuta del 20%;
  • se ha perso il lavoro e non percepisce l’indennità di disoccupazione ordinaria, l’I.S.E.E. dichiarata viene abbattuta del 35%.

Il contributo massimo erogabile è elevato dell’80% nel caso di studenti disabili certificati ai sensi della Legge n. 104/1992 o con disturbi specifici di apprendimento (DSA) o con esigenze educative speciali (EES) certificati dal S.S.N. entro il 31/12/2011, in base alla normativa vigente per i quali sono stati attivati percorsi specifici.

L’ammontare dell’assegno erogato, compresa l’eventuale maggiorazione di cui sopra, non potrà comunque superare l’importo delle spese effettivamente sostenute.

In relazione agli oneri amministrativi, l’assegno erogabile per ogni studente non può essere inferiore a Euro 25.

Tempistica investimento

Le domande devono essere presentate con le modalità definite da ogni Comune sede di Istituzione scolastica, entro il 31 maggio 2012, al Comune sede dell’Istituzione scolastica autonoma della scuola frequentata dallo studente per il quale si chiede il contributo.

Nel caso in cui il Comune di cui sopra non abbia provveduto ad indicare le modalità di raccolta delle domande, le stesse devono essere trasmesse con raccomandata entro il termine perentorio del 31 maggio 2012.

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.