Notizie

UE: la nuova strategia per il 2020

Strasburgo - Foto di JloganTre obiettivi prioritari e interconnessi al centro della strategia dell'Unione europea per il 2020: crescita intelligente, attraverso la promozione dell'innovazione, dell'istruzione e della società digitale, crescita sostenibile, attraverso un uso più efficiente delle risorse e rafforzando al contempo la competitività, crescita inclusiva, promuovendo l’occupazione e la coesione sociale e territoriale. Secondo la Commissione europea questi sono infatti i settori chiave per uscire dalla crisi e preparare l'economia dell'UE al prossimo decennio.

Sarkozy presenta un piano di rilancio dell'industria francese

SarkozyIn occasione degli stati generali dell'industria francese, che dopo circa tre mesi di dibattiti serrati si chiudono in questi giorni à Marignane, località nei pressi di Marsiglia, il numero uno dell'Eliseo ha annunciato il suo nuovo piano di politica industriale. Un piano che va ad aggiungersi a quanto Nicolas Sarkozy ha il merito di aver attuato dal 2007 ad oggi: tassa professionale, credito d'imposta per la ricerca, grandi prestiti, poli della competitività. In piena campagna elettorale per le regionali, che vedono la gauche in testa rispetto all'UMP, era necessario ribadirlo.

Emilia-Romagna: oltre 2 milioni di euro per la ricerca e la sperimentazione in campo agroalimentare

Paesaggio rurale - Foto di PetritapPubblicati due bandi nell'ambito del Programma poliennale dei servizi di sviluppo al sistema agro-alimentare, in attuazione delle azioni di ricerca, sperimentazione e assistenza tecnica trattate dalla Legge Regionale 28/1998. Per entrambe le misure, il termine per la presentazione delle domande è fissato al 31 marzo 2010 e le risorse complessive a disposizione ammontano a circa 2,4 milioni di euro.

Incentivi per il settore auto: sì, no, forse

Automobile - Fiat 500 - foto di Thomas doerferPer quest’anno l’auto dice definitivamente addio agli incentivi. Gli aiuti statali saranno destinati solo agli altri settori in crisi. A tornare nuovamente sull’argomento è stato il ministro per l'Innovazione e lo Sviluppo economico, Claudio Scajola, specificando che la decisione è stata presa in linea con l'Europa.  Per il ministro “é una strategia di uscita per liberarci da questo rischio di mercato drogato e anche alla luce di dati economici complessivi che sono di crescita seppur limitata”.

Tajani annuncia un piano per la nuova politica industriale europea

Antonio TajaniIl 2009 si conferma come l'annus horribilis delle pmi. In dodici mesi sono fallite 9 mila imprese italiane, il 23% in più rispetto al 2008. Ad affermarlo è una rilevazione effettuata da Cerved Group, secondo cui, tra ottobre e dicembre 2009 sono state aperte quasi 2.900 procedure fallimentari, il 15% in più rispetto allo stesso periodo del 2008, trimestre nel quale si era già registrato un aumento di fallimenti del 43% rispetto al 2007. Come spiega Cerved, Gruppo costituito nel 2009 dai fondi di private equity Bain Capital e Clessidra che opera nel campo della business information, dall'aprile del 2008 i fallimenti hanno iniziato una corsa che dura da sette trimestri consecutivi, con tassi di crescita a due cifre.

UE: oltre 123 milioni di euro per la ricerca e l'innovazione tecnologica

Ricerca - foto di Jem-4000exApprovati due inviti a presentare proposte per progetti di ricerca volti ad accrescere la competitività delle aziende europee attraverso lo sviluppo e l'applicazione di nuove tecnologie. Il primo invito rientra nel Programma Artemis Joint Undertaking e, con una dotazione complessiva di 93.340.000 euro, promuoverà l'introduzione di nuove tecnologie nei settori produttivi. Il secondo invito, invece, rientra nel Programma ENIAC Joint Undertaking e, con uno stanziamento di 30.140.000 euro, supporterà i programmi di ricerca nel campo della nano-elettronica.

MIUR - MIBAC: coordinamento a sostegno della Programmazione congiunta per la ricerca

David - Foto di David Gaya
Il Consiglio Competitività dell’UE, lo scorso 3 dicembre 2009, ha approvato le prime tre tematiche dell'iniziativa europea di Programmazione congiunta per la ricerca. Il ministro per i Beni e le Attività Culturali, Bondi, e dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Gelmini, hanno firmato una dichiarazione con cui manifestano la volontà di coordinare insieme, a livello europeo, l'attuazione dell’iniziativa di Programmazione congiunta in una di queste tematiche, ovvero nel settore della conservazione e la sicurezza del patrimonio culturale in un ambiente in cambiamento.

Emilia-Romagna: nuovi interventi a valere sul Programma delle attivita' produttive 2003 - 2005

Ferrara - Foto di MicrosoikosLa Regione ha approvato tre bandi nell'ambito del Programma triennale delle attività produttive 2003 - 2005, strumento a sostegno dei processi produttivi e delle imprese del territorio regionale. In particolare, il Programma prouove e favorisce la creazione di nuove imprese, l'attività nel lavoro autonomo e nelle professioni, le aziende in difficoltà, la realizzazione di interventi di innovazione nei prodotti e nei processi produttivi e tutte le iniziative volte a favorire l´esportazione e l´internazionalizzazione delle imprese.

Programmi Erasmus: opportunita' di formazione e lavoro nei Paesi dell'Unione europea

Erasmus - Foto di Abraham PisarekL'Unione europea promuove una serie di programmi, finalizzati a favorire gli scambi culturali tra i giovani europei, che rientrano nell'ambito del cosiddetto Progetto Erasmus, acronimo di European Community Action Scheme for the Mobility of University Students. Le iniziative spaziano dalla formazione universitaria e post-laurea alla possibilità per gli aspiranti imprenditori di effettuare stages per l'apprendimento delle competenze necessarie per avviare un'attivà imprenditoriale.

Formazione: si' della Cgil alla riforma Sacconi

Maurizio SacconiPer una volta un accordo che mette d’accordo esecutivo, sindacati di ogni bandiera e Confindustria. E’ stata raggiunta l’intesa tra le parti sociali, lo scorso 17 febbraio a Palazzo Chigi, sulle linee guida che rivoluzionano la formazione nel settore privato. Un nodo cruciale per venire incontro alle esigenze dei sempre più numerosi disoccupati e cassintegrati. Dall’inizio della crisi alla fine del 2010 i posti di lavoro persi, secondo le stime della Banca d’Italia, saranno circa 1 milione 500 mila. Sul piatto 2,5 miliardi di euro provenienti dal Fondo Sociale Europeo, dal fondo per l’occupazione del ministero del Lavoro e dal prelievo dello 0,30% sul monte salari.

Nominati i nuovi numeri uno della Commissione Europea

BerlaymontValzer di poltrone a palazzo Berlaymont: la Commissione Europea ha oggi comunicato alcune decisioni chiave che permettono il riordino dei portafogli dei commissari con l’avvio del Barroso bis. In concomitanza con la nomina dei nuovi commissari Günther Oettinger  (Energia) e Connie Hedegaard (Azione per il Clima), due nuove direzioni generali sono state pertanto create: la DG Energia e la DG Climate Action.

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.