Pari Opportunita' – contributi per protezione vittime tratta e sfruttamento

Protezione vittime tratta22,5 milioni di euro per il finanziamento di progetti per la protezione delle vittime di tratta e sfruttamento.

Riforma Terzo Settore - il testo del ddl delega

Pari opportunita' – ripartite risorse per contrasto a violenza di genere 

Al via il bando 2017 del Dipartimento per le pari opportunità per il finanziamento dei progetti attuativi del Programma unico di emersione, assistenza e integrazione sociale delle vittime di tratta e grave sfruttamento, di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 16 maggio 2016.

MIUR – contributi PON Scuola per inclusione sociale e integrazione

A disposizione 22,5 milioni di euro, circa 8 milioni in più rispetto alla dotazione del bando 2016, anche alla luce dell'aumento dei flussi immigratori e delle necessità di assistenza per minori stranieri non accompagnati vittime di tratta. Particolare attenzione anche alle vittime di grave sfruttamento lavorativo, in base alla legge n. 199 del 2016 sul caporalato.

I contributi sono destinati a progetti attuati a livello territoriale che mirano ad assicurare alle vittime di tratta e sfruttamento, in via transitoria, adeguate condizioni di alloggio, vitto e assistenza sanitaria e, successivamente, la prosecuzione dell’assistenza e dell’integrazione sociale.

Le proposte possono essere presentate da:

  • Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano;
  • Comuni, Città metropolitane, Comunità montane, unioni di Comunità montane, unioni di Comuni e loro consorzi;
  • soggetti privati convenzionati iscritti nell'apposita sezione del Registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività a favore degli immigrati, di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 394 del 31 agosto 1999.

I progetti hanno una durata di 15 mesi e devono essere avviati il 1° dicembre 2017.

La richiesta di finanziamento per ciascun progetto deve essere compresa entro l'importo massimo previsto per ciascuna ambito territoriale individuato dal bando, come segue:

  • Piemonte e Valle D’Aosta 1.700.000 euro;
  • Liguria 850.000 euro;
  • Lombardia 1 (Monza Brianza, Varese, Sondrio, Como, Milano) 1.900.000 euro;
  • Lombardia 2 (Bergamo, Cremona, Mantova, Lecco, Lodi, Pavia, Brescia) 1.300.000 euro;
  • Prov. Trento e Bolzano 400.000 euro;
  • Veneto 1.700.000 euro;
  • Friuli Venezia Giulia 500.000 euro;
  • Emilia Romagna 1.600.000 euro;
  • Toscana 1.500.000 euro;
  • Marche 700.000 euro;
  • Umbria 650.000 euro;
  • Abruzzo e Molise 900.000 euro;
  • Lazio 1.750.000 euro;
  • Campania 1.350.000 euro;
  • Puglia 1.600.000 euro;
  • Basilicata 450.000 euro;
  • Calabria 1.000.000 euro;
  • Sicilia 1 (Ragusa, Siracusa, Caltanissetta, Enna, Agrigento) 1.000.000 euro;
  • Sicilia 2 (Messina, Catania) 750.000 euro;
  • Sicilia 3 (Palermo, Trapani) 400.000 euro;
  • Sardegna 500.000 euro.

La scadenza per la presentazione dei progetti è fissata al 25 settembre 2017.

Per fornire maggiori informazioni ai soggetti interessati sulle modalità di partecipazione al bando è stato organizzato un Info day, in programma l'11 luglio, alle ore 11:00, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Le registrazioni devono essere effettuate entro le ore 12.00 del 10 luglio inviando una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e indicando il/i nominativo/i del/i partecipante/i e la ragione sociale del soggetto pubblico o privato per cui si partecipa all’evento.

Photo credit: UK Department for International Development

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.