ISMEA – 70 milioni per insediamento giovani agricoltori

Agricoltura - Foto di PublicDomainImages da PixabayAl via l'edizione 2019 del bando ISMEA per il primo insediamento in agricoltura di giovani under 41. A disposizione 70 milioni di euro per l'acquisto della terra.

Bando Ismea - 100 milioni per finanziamenti a imprese agrifood

Il bando di ISMEA si articola in due lotti da 35mila euro ciascuno, il primo dedicato alle iniziative localizzate nelle Regioni del Centro Nord e il secondo destinato a Sud e Isole.

Le novita' del Piano di gestione dei rischi in agricoltura 2019

Come funziona il bando ISMEA per il primo insediamento

La partecipazione al bando è aperta ai giovani età compresa tra i 18 anni compiuti e i 41 anni non compiuti che intendono insediarsi per la prima volta in un'azienda agricola in qualità di capo azienda. Gli aspiranti agricoltori devono essere in possesso di adeguate conoscenze e competenze professionali, o impegnarsi ad acquisirle entro 36 mesi dalla data di adozione della determinazione di ammissione alle agevolazioni.

Le operazioni fondiarie oggetto del bando si realizzano attraverso l’acquisto a cancello aperto, con esclusione quindi delle scorte vive e morte, della struttura fondiaria agricola e la sua successiva vendita, con patto di riservato dominio.

Nell’ambito delle operazioni fondiarie, il bando prevede la concessione di un contributo in conto interessi nella misura massima attualizzata di 70mila euro erogabile per il 60% alla conclusione del periodo di preammortamento e dunque all’avvio dell’ammortamento dell’operazione e per il 40% all’esito della corretta attuazione del piano aziendale.

L’importo richiesto per l’operazione deve essere compreso tra 250mila e 2 milioni di euro. Laddove l’operazione fondiaria abbia un valore di stima superiore a tale soglia, questa si realizza attraverso la concessione di un mutuo ipotecario di 2 milioni di a garanzia del quale ISMEA acquisisce ipoteca di primo grado sul terreno oggetto dell’operazione per un valore pari al 120% del mutuo e, ove necessario, su altri beni fino a concorrenza del valore richiesto. La differenza tra il prezzo di vendita del terreno ed il mutuo erogato da ISMEA ai fini della stipula dell’atto di concessione delle agevolazioni deve essere coperta dal richiedente con il ricorso a mezzi propri o ad indebitamento.

Ammesse anche operazioni fondiarie di importo compreso tra 100mila e 250mila euro, qualora si inseriscano in un contesto di arrotondamento fondiario, ma anche in tali casi l’operazione è realizzata attraverso la concessione di un mutuo ipotecario a garanzia del quale ISMEA acquisisce ipoteca di primo grado sul terreno oggetto dell’operazione o su altri beni e comunque fino alla concorrenza di valore del 120% del mutuo. L’arrotondamento fondiario deve essere dimostrato con terreni da condurre con contratti di affitto registrati di durata almeno di 15 anni e relativa assunzione del fascicolo aziendale, da formalizzare prima della stipula dell’atto di concessione delle agevolazioni.

I termini per presentare la domanda di contributo scadono alle ore 12,00 del 27 maggio 2019.

Agroalimentare – come ottenere i finanziamenti ISMEA

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.