UE: 60 milioni di euro per la promozione dei prodotti agricoli

Verdura - Foto di TamorlanOltre 60 milioni di euro, di cui 30 milioni di provenienza UE, e 19 programmi da attuare in 14 Stati membri in un periodo compreso tra uno e tre anni: così la Commissione europea si impegna a promuovere la conoscenza e la diffusione dei prodotti agricoli europei e ad affrontare la sfida della competizione internazionale.

I Paesi coinvolti nei programmi comunitari, i cui ambiti di azione spaziano da frutta e verdura a carne e latticini, dai prodotti DOP a quelli biologici, sono:

  • Austria;
  • Belgio;
  • Repubblica Ceca;
  • Danimarca;
  • Germania;
  • Francia;
  • Grecia;
  • Italia;
  • Irlanda;
  • Paesi Bassi;
  • Polonia;
  • Slovenia;
  • Spagna;
  • Regno Unito.

I programmi finanziano, fino al 50% del costo ammissibile, le seguenti iniziative:

  1. interventi promozionali o pubblicitari che illustrino i vantaggi dei prodotti comunitari in termini di qualità, igiene, sicurezza e rispetto dell'ambiente;
  2. la partecipazione a manifestazioni e fiere;
  3. la realizzazione di campagne di informazione su temi specifici, quali il sistema delle denominazioni di origine protette (DOP) e delle indicazioni geografiche protette (IGP), i sistemi di etichettatura e di agricoltura biologica, la produzione vitivinicola di qualità in regioni determinate (VQPRD).

L'elenco dei prodotti ammessi alle agevolazioni e le modalità di partecipazione sono disponibili nel Regolamento della Commissione n. 501/2008.

Le proposte possono essere sottoposte entro il 30 novembre di ogni anno agli Stati membri, che trasmettono i programmi selezionati alla Commissione, cui spetta il giudizio finale sull'ammissibilità all'aiuto.

Maggiori informazioni sulle misure di promozione destinate ai prodotti dell'agricoltura biologica sono reperibili nel Regolamento del Consiglio n. 3/2008, che raccoglie le normative precedenti.

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.