Lazio: L. 67-88, fondi per il Piano di edilizia sanitaria

AmbulanzaAmmontano a circa 628 milioni di euro le risorse destinate dalla Regione Lazio al Piano per l'edilizia sanitaria. I fondi permetteranno di ristrutturare i reparti ospedalieri, acquistare nuove ambulanze, realizzare case della salute, intervenire sulla rete psichiatrica e dotare le strutture di tecnologie innovative.

I fondi provengono per oltre 596,7 milioni di euro dai finanziamenti ex articolo 20 della legge n. 67/88 destinati al Lazio e non utilizzati nel periodo compreso tra il 1998 e il 2007 e per circa 31 milioni di euro dal bilancio regionale

Le risorse sono così ripartite:

  • Introdurre tecnologie più moderne innovative (110 milioni di euro);
  • Adeguare le strutture alle norme antincendio (191 milioni di euro);
  • Progetti per adeguamento antisismico (153 milioni di euro);
  • Potenziamento della rete dei servizi psichiatrici (6 milioni di euro);
  • Potenziamento della rete trasfusionale (4,5 milioni di euro);
  • Ristrutturazione e messa a norma del Policlinico Umberto I (49 milioni di euro);
  • Risparmio energetico, con impianti di riscaldamento più moderni (18 milioni di euro);
  • Fondi per le attrezzature del nuovo ospedale dei Castelli, in avanzata fase di costruzione (24 milioni di euro);
  • Potenziamento della rete dell’emergenza dei 20 Dipartimenti di emergenza e accettazione (DEA). In particolare, 10 milioni serviranno per ristrutturare e potenziare i 4 Dea di II Livello, 18,5 milioni per interventi di miglioramento strutturale sui 16 Dea di I livello e altri 5 milioni per potenziare le aree strategiche connesse ai Dea, come terapie intensive e stroke unit. (complessivamente 33,5 milioni di euro);
  • Risorse per l’apertura di nuove Case della salute, di cui:  16 milioni e 387mila euro per realizzare nuove strutture negli ospedali chiusi e 4 milioni e 400 per quelle che saranno attivate in complessi diversi (in tutto 20 milioni di euro);
  • Potenziamento dell’Ares 118, con 7 milioni e 650mila euro per rinnovare il parco ambulanze, 4 milioni per la rete delle superfici utili all’elisoccorso e 1 milione e 500 mila euro per la sede dell’Ares (in totale 13 milioni e 200 mila euro).

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.