MIT: firmato il decreto Olimpiadi. 1 miliardo per investimenti infrastrutturali

Investimenti infrastrutturali Olimpiadi Cortina-Milano: Photocredit: skeeze da Pixabay La ministra De Micheli ha firmato il decreto Olimpiadi Milano-Cortina, che stanzia un miliardo di euro per la realizzazione delle infrastrutture necessarie allo svolgimento del giochi olimpici invernali del 2026, come strade e ferrovie.

Recovery fund, De Micheli: per i progetti si peschera' da Italia Veloce

Inizia a prendere forma il grande appuntamento internazionale delle Olimpiadi invernali del 2026, che l’Italia si è accaparrata lo scorso anno, battendo la candidatura svedese di Stoccolma-Are.

Oltre che a Milano e a Cortina d’Ampezzo - città assegnatarie della manifestazione in forma congiunta - le gare si svolgeranno anche in Valtellina, in Val di Fiemme e ad Anterselva/Antholz, su un territorio che coinvolge quindi la Lombardia, il Veneto ed il Trentino Alto Adige e dove devono essere completati gli interventi infrastrutturali necessari per accogliere le squadre e il pubblico che prenderanno parte ai giochi.

MIT: 1 miliardo alle infrastrutture per Olimpiadi Milano-Cortina 2026

Per questo la firma del decreto Olimpiadi da parte della ministra alle infrastrutture e trasporti, Paola De Micheli, segna una tappa strategica per la riuscita dell’evento sportivo.

Il decreto Olimpiadi, infatti, stanzia 1 miliardo di euro con cui saranno realizzate e completate le opere stradali e ferroviarie che consentiranno di migliorare l’accessibilità, i collegamenti e la dotazione infrastrutturale dei territori delle Regioni Lombardia e Veneto, e delle Province Autonome di Trento e di Bolzano.

I fondi del decreto Olimpiadi sono quelli previsti dalla legge di Bilancio del 2020 e per i quali era appunto necessario il decreto ministeriale, firmato il 4 novembre da De Micheli. 

> Appalti, cosa prevede il decreto Semplificazioni

Niente cattedrali nel deserto, ma opere utili ai cittadini che resteranno anche dopo i giochi

“Con il decreto Olimpiadi faremo compiere un salto di qualità infrastrutturale – ha spiegato la ministra – a una delle aree più sviluppate del Paese con una ricaduta importante per la qualità della vita delle persone e anche un miglioramento competitivo per le imprese. Le opere finanziate  - ha specificato infatti De Micheli- servono a potenziare l’accessibilità e i collegamenti in vista del grande appuntamento internazionale, ma sono state concepite per mantenere la loro utilità nel tempo, anche dopo il 2026, e verranno realizzate nel segno della piena sostenibilità ambientale”.

“Il provvedimento - fanno sapere dal MIT - è il frutto di un percorso di confronto avviato nei mesi passati con le Regioni e gli enti locali per individuare gli interventi essenziali da realizzare per garantire la sostenibilità delle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026, disponendo per ciascuno di essi il relativo finanziamento”.

Il decreto Olimpiadi infatti stanzia risorse per le singole opere individuate per la riuscita dei giochi, ripartendole tra le Regioni e le province coinvolte. In tale contesto, alla Lombardia sono assegnati 473 milioni di euro, mentre al Veneto ne arriveranno 325

Per quanto riguarda invece il Trentino Alto Adige, alla Provincia Autonoma di Bolzano spettano 82 milioni, mentre a quella di Trento 120 milioni di euro.

Tutti i cantieri, ovviamente, dovranno concludersi entro l’avvio delle Olimpiadi.

Investimenti pubblici: o si migliora la PA o i fondi UE non verranno spesi

Photocredit: skeeze da Pixabay 

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.