MSE-MFE: il decreto sul Fondo per lo sviluppo degli idrocarburi

Ministero dello Sviluppo economico - foto di LalupaApprovato il decreto interministeriale che istituisce il Fondo per gli interventi infrastrutturali nei territori interessati da attività di ricerca e produzione di idrocarburi.

  • Idrocarburi: ok a decreto MFE-MSE per Fondo ricerca e produzione

Il provvedimento, previsto dal decreto Liberalizzazioni (decreto-legge n. 1 del 24 gennaio 2012), intende favorire gli investimenti infrastrutturali e di ricerca nel campo delle risorse energetiche nazionali di idrocarburi, con particolare riferimento al Mezzogiorno e soprattutto alla Basilicata.

Il 30% delle entrate fiscali generate dalle attività di coltivazione degli idrocarburi, se di importo non superiore a 130 milioni di euro, e il 15% per gli importi più elevati, saranno infatti destinati a un Fondo che finanzierà progetti di rilievo regionale, provinciale o locale per lo sviluppo infrastrutturale e la creazione di nuova occupazione.

Entro il mese di marzo di ciascun anno, l'Agenzia delle entrate comunicherà ai Ministeri dell'Economia e delle Finanze e dello Sviluppo economico l'ammontare dei versamenti IRES e delle compensazioni di crediti IRES effettuati. Il Ministero dello Sviluppo economico provvederà poi, entro il mese di ottobre, a trasmettere al Tesoro l'elenco degli interventi da finanziare, in modo da procedere alla ripartizione delle risorse del Fondo. I contributi saranno trasferiti ai soggetti assegnatari in relazione allo stato di avanzamento della spesa.

Il decreto, fa sapere il Mse in una nota, è coerente con l’obiettivo fissato dalla Strategia Energetica Nazionale di aumentare il contributo della produzione di idrocarburi alla copertura del fabbisogno energetico dell'Italia dal 7% al 14%. Gli investimenti attesi sono stimati in 17 miliardi di euro, mentre i posti di lavoro previsti sono oltre 100 mila.

Links

Decreto del 12 settembre 2013 - Sviluppo di risorse energetiche e minerarie nazionali strategiche

 

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.