Autorita’ Energia – arriva il decreto di proroga, ma c'e' rischio stop

Consiglio dei Ministri - Photo credit: jimmyweeeIl Consiglio dei Ministri approva il decreto legge che proroga il vertice dell’Autorità per l’Energia, già in regime di prorogatio da 45 giorni. Ma l’ipotesi della mancata conversione del testo potrebbe comportare alcuni problemi.

Legge Bilancio 2018 – Aeegsi diventa ARERA e si occupera’ anche di rifiuti

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del premier Paolo Gentiloni, ha approvato un decreto legge recante misure urgenti dirette ad assicurare la continuità nell’esercizio delle funzioni dell’Autorità di regolazione per energia reti e Ambiente (ARERA) nelle more del procedimento di nomina dei suoi componenti.

Arriva il decreto di proroga

Il provvedimento si è reso necessario alla luce della sostanziale coincidenza tra lo scioglimento delle Camere e il termine del mandato dei componenti dell’Autorità, che non ha consentito la ricostituzione dell’organo collegiale entro il termine del periodo di prorogatio.

Il decreto, dunque, dispone che gli attuali componenti dell’Autorità continuino ad esercitare le proprie funzioni, limitatamente agli atti di ordinaria amministrazione e a quelli indifferibili e urgenti, fino alla nomina dei nuovi componenti e, comunque, non oltre il novantesimo giorno dall’insediamento del primo Governo formato successivamente alla data di entrata in vigore del decreto medesimo.

Decreto biometano – ARERA avvia procedimento attuazione

L’attuale collegio, presieduto da Guido Bortoni, è scaduto l’11 febbraio scorso e per effetti del regime di prorogatio rimane al proprio posto fino all’11 aprile.

Il collegio è proposto dal Governo, in particolare dal ministro per lo Sviluppo economico, d’intesa con il ministro dell’Ambiente, ed è approvato dal CdM. Serve poi il parere vincolante delle commissioni parlamentari competenti (Industria e Attività produttive ed Ambiente) di Camera e Senato.

Ma è a rischio la conversione

Il decreto del Consiglio dei Ministri, approdato il giorno stesso (10 aprile) in Gazzetta ufficiale, arriva quindi all’ultimo momento, onde evitare che l’Autorità rimanesse "congelata" in attesa che il prossimo Governo designi il nuovo collegio.

Una proroga che fa guadagnare tempo ma che non risolve necessariamente il problema. Decisiva, infatti, sarà la conversione del decreto: l’ok del Parlamento deve arrivare entro due mesi, altrimenti il provvedimento decadrà.

In un’intervista a Staffetta Quotidiana, il deputato M5S Davide Crippa fa notare che, senza conversione in legge, “il rischio è che gli atti siano di fatto nulli” e che l’attività dell’Autorità resti bloccata fino al nuovo Governo.

Fra i temi più importanti sul tavolo dell’Autorithy, l’approvazione del parere sul mercato della capacità. All’ARERA spetta sostanzialmente il compito di definire il prezzo massimo oltre il quale si possono vendere nelle fasi di picco le forniture di energia garantite in anticipo a Terna per calmierare l’effetto delle intermittenze sulle bollette elettriche, spiega Il Sole 24 Ore.

> Decreto legge del 10 aprile 2018 - Misure urgenti per assicurare la continuita' delle funzioni dell'Autorita' di regolazione per energia, reti e ambiente (ARERA)

Photo credit: jimmyweee

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.