Coronavirus: contributi INPS sospesi, come e quando versarli

Contributi INPSL'INPS ha pubblicato le istruzioni per la ripresa dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali sospesi a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Ecco come e quando versarli.

Le misure fiscali del decreto Agosto

Dl Agosto e contributi sospesi

L'INPS ricorda che il dl Agosto ha introdotto un’ulteriore rateizzazione dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali sospesi a causa del coronavirus, prevedendo la possibilità per i contribuenti di effettuare i versamenti beneficiando di una diversa modulazione dell’adempimento rateale:

  • per un importo pari al 50% delle somme oggetto di sospensione, in un’unica soluzione o mediante rateizzazione, fino ad un massimo di quattro rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 settembre 2020;
  • il restante importo, pari al rimanente 50% delle somme dovute, può essere versato, senza applicazione di sanzioni e interessi, mediante rateizzazione, fino ad un massimo di 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 gennaio 2021.

Resta confermato che non si fa luogo al rimborso di quanto già versato.

> Le misure fiscali del decreto Rilancio

Le istruzioni dell'INPS per la ripresa dei versamenti

Nel messaggio n. 3274 del 9 settembre 2020 l'Istituto fornisce le indicazioni cui i contribuenti devono attenersi per adempiere al versamento dell’importo pari al 50% delle somme oggetto di sospensione qualora intendano effettuare il pagamento in modalità rateale, la prima delle quali da versare entro il 16 settembre 2020. Le ulteriori rate dovranno essere pagate entro il giorno 16 di ciascun mese successivo.

Le indicazioni sono differenziate per le diverse tipologie di aziende:

  • aziende con dipendenti, artigiani e commercianti, e committenti tenuti al versamento dei contributi alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335-1995
  • aziende agricole assuntrici di manodopera
  • lavoratori agricoli autonomi e concedenti a piccola colonia e compartecipazione familiare
  • aziende con natura giuridica privata con dipendenti iscritti alla Gestione pubblica.

Con successivo messaggio saranno fornite le istruzioni per il pagamento del restante importo, pari al residuo 50% delle somme dovute, il cui versamento della prima rata è da effettuarsi entro il 16 gennaio 2021.

Si conferma, inoltre, che i contribuenti aventi diritto alla sospensione in esame possono effettuare il versamento dell’intero importo entro il 16 settembre 2020 in unica soluzione o in 4 rate mensili di uguale importo, senza aggravio di sanzioni e interessi.

Resta ferma la scadenza del 16 settembre 2020 per la ripresa dei versamenti relativi ai piani di rateizzazione dei debiti contributivi in fase amministrativa già concessi dall’INPS. Le rate sospese dei piani di ammortamento già emessi, la cui scadenza sia ricaduta nel periodo temporale interessato dalla sospensione, dovranno essere versate, in unica soluzione, entro il 16 settembre 2020.

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.