Finanziamenti startup e innovazione

Finanziamenti startup innovazione - Photo credit: Hampton Roads Partnership via Foter.com / CC BYAggiornato il 4 maggio 2018. Focus sui finanziamenti dedicati alle startup e all'innovazione.

Fondi europei - bandi Horizon 2020

Una selezione di bandi aperti dedicati a startup e innovazione.

Lombardia: linee Innovazione e Intraprendo

110 milioni di euro per la prima linea d'azione, volta a sostenere la valorizzazione economica dell’innovazione attraverso la sperimentazione e l’adozione di soluzioni innovative nei prodotti, nei processi e nell’organizzazione, anche attraverso il finanziamento dell’industrializzazione dei risultati della ricerca.

Possono presentare domanda le PMI e le grandi imprese con un organico inferiore a 3mila persone, con progetti realizzati nell’ambito di una delle aree individuate dalla “Strategia regionale di specializzazione intelligente per la ricerca e l’innovazione (S3)”: aerospazio, agroalimentare, eco-industria, industrie creative e culturali, industria della salute, manifatturiero avanzato, mobilità sostenibile.

Le domande possono essere presentate fino all'esaurimento delle risorse a disposizione e comunque entro il 31 dicembre 2019.

> Tutte le info sul bando

Intraprendo è l’azione con cui la Regione intende favorire e stimolare l’avvio e il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali e di autoimpiego.

Particolare attenzione sarà riservata alle iniziative intraprese da giovani o da soggetti maturi (over 50) usciti dal mondo del lavoro, da imprese caratterizzate da elevata innovatività e contenuto tecnologico o da imprese che hanno già un investitore, riducendo il tasso di mortalità e accrescendo le opportunità per la loro affermazione sul mercato.

I termini per partecipare all'avviso sono stati riaperti dal 4 ottobre 2017: le domande possono essere presentate fino all'esaurimento dei fondi.

> Tutte le info sul bando

Piemonte: nuove imprese nelle periferie torinesi 

Il bando mira a sostenere lo sviluppo di progetti imprenditoriali innovativi, creativi, generatori di impatti positivi sul versante sociale, culturale, ambientale in grado di generare processi di rivitalizzazione in aree colpite da situazioni di impoverimento del tessuto socio-economico e nuova occupazione sul territorio.

Il bando si rivolge ad aspiranti imprenditori, micro e piccole imprese, esistenti o di nuova costituzione.

Domande non oltre il 31 ottobre 2018.

> Tutte le info sul bando

Emilia-Romagna: soluzioni innovative delle PMI

Il bando, da quasi 12 milioni e mezzo di euro, punta alla valorizzazione economica dell’innovazione e all’adozione di soluzioni innovative nei processi, nei prodotti, nelle forme organizzative delle imprese relativamente alle funzioni aziendali complesse.

In particolare promuove l’attivazione di percorsi congiunti di sperimentazione e innovazione strategica che valorizzino la combinazione di competenze tecnologiche e produttive complementari tra le imprese, in modo da realizzare avanzamenti tecnologici di vantaggio comune nell’ambito delle diverse filiere come più avanti definiti. 

Ogni impresa partecipante deve possedere un codice ATECO (primario o secondario) appartenente agli ambiti produttivi della Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente. In particolare si fa riferimento ai seguenti ambiti:

  • Agroalimentare
  • Edilizia e delle costruzioni
  • Meccatronica e motoristica
  • Industrie della salute e del benessere
  • Industrie culturali e creative
  • Innovazione nei servizi

Possono presentare domanda aziende costituite in reti di PMI, con la partecipazione di almeno 3 PMI. C’è tempo dal 9 luglio al 3 agosto 2018 per inviare la domanda.

> Tutte le info sul bando

Lazio: infrastrutture di ricerca

35 milioni di euro per l’avviso, di prossima pubblicazione, per il potenziamento della capacità di sviluppare l’eccellenza nella ricerca e innovazione.

Operativamente, la procedura di attuazione del bando consiste in due fasi: una manifestazione d’interesse per la raccolta dei fabbisogni infrastrutturali, tecnologici e di innovazione, e una call for project per la selezione dei programmi d’investimento.

Possono accedere alle agevolazioni: imprese, organismi di ricerca e innovazione, altri soggetti pubblici e privati attivi nel campo della ricerca, dell’innovazione, del trasferimento tecnologico

Il bando sostiene in particolare la creazione e/o l'ammodernamento delle infrastrutture di ricerca. In particolare, saranno sostenuti gli investimenti materiali ed immateriali per la costruzione e/o l’ampliamento di infrastrutture di ricerca (laboratori di ricerca industriale e applicata, laboratori di prove/analisi, dimostratori tecnologici) che operano negli ambiti delle Aree di Specializzazione individuate nella S3 regionale ed in grado di generare ricadute evidenti per il settore industriale regionale e per il sistema delle imprese collegate.

I tempi per l'invio delle domande saranno indicati successivamente.

> Tutte le info sul bando

Umbria: creazione startup, aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni tangibili

Il primo bando si propone l’obiettivo di sostenere la creazione di start up innovative ad alta intensità di applicazione di conoscenza e le iniziative di spin-off della ricerca ai fini della valorizzazione economica dei risultati della ricerca e/o dello sviluppo di nuovi prodotti, processi e servizi ad alto contenuto innovativo negli ambiti di specializzazione dove maggiore appare il potenziale competitivo.

Possono presentare domanda le PMI costituite sotto forma di società di capitali e le società di capitali tra professionisti. Tali soggetti possono configurarsi in una delle seguenti tipologie: start-up ad alto contenuto tecnologico, spin-off aziendali ed accademici ad elevate competenze scientifiche.

Le domande possono essere presentate entro il 31 dicembre 2019.

> Tutte le info sul bando

Il secondo avviso, da 5 milioni, mira a fornire uno strumento per rilanciare le potenzialità del sistema produttivo regionale, supportando le Piccole e Medie Imprese (PMI) che vogliano realizzare investimenti innovativi conseguendo, congiuntamente l’ampliamento della capacità produttiva e dell’occupazione.

Possono accedere alle agevolazioni le PMI extra agricole.

Gli interventi finanziabili sono investimenti innovativi finalizzati all’introduzione in azienda di nuovi prodotti e/o processi produttivi e all’ampliamento della capacità produttiva dell’azienda medesima.

Domande entro il 22 giugno 2018.

> Tutte le info sul bando

Photo credit: Hampton Roads Partnership via Foter.com / CC BY

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.