PSR Campania – contributi per investimenti nelle imprese agricole

PSR - Photo credit: Foter.com64 milioni di euro per migliorare la competitività del settore agricolo attraverso il finanziamento di investimenti nelle aziende.

Mezzogiorno - Svimez: bene Pil nel 2016, ma ripresa lenta

Campania - imprese, contributi per eventi calamitosi 2015

La Regione Campania ha approvato il bando di attuazione della tipologia di intervento 4.1.1 del PSR 2014-2020, destinata a sostenere gli investimenti nelle imprese agricole

Finalità bando e investimenti ammissibili

Con uno stanziamento di 64 milioni di euro, il bando ha la finalità generale di favorire l’affermazione di un settore agricolo “forte, giovane e competitivo”, con “filiere meglio organizzate” e caratterizzato da aziende dinamiche “nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale”.

Il sostegno è rivolto agli investimenti aziendali (produttivi e non direttamente produttivi) che:

  • migliorano le performance economiche del comparto agricolo;
  • favoriscono una migliore organizzazione delle filiere agroalimentari;
  • migliorano e valorizzano le qualità delle produzioni agricole alimentari;
  • favoriscono una più efficiente gestione energetica;
  • contribuiscono a migliorare il contributo delle attività agricole al bilancio energetico regionale.

Patto Campania - fondi e interventi prioritari per 2017

Sono, in particolare, ammissibili gli interventi di:

  • costruzione/ristrutturazione, compresi gli interventi finalizzati al risparmio energetico, di immobili produttivi (strutture di allevamento, opifici, locali per la vendita diretta, serre e depositi) con esclusione di quelli per uso abitativo;
  • acquisto di macchinari e attrezzature per la realizzazione delle produzioni aziendali e la loro prima lavorazione, trasformazione e commercializzazione, compresi gli impianti di irrigazione a servizio di nuove serre e nuovi impianti arborei;
  • miglioramenti fondiari,
  • realizzazioni di impianti anti-cracking, impianti di ombreggiamento per la tutela delle caratteriste merceologiche ed organolettiche delle produzioni vegetali;
  • impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili dimensionati esclusivamente in riferimento alle esigenze energetiche aziendali e comunque di potenza inferiore a 1MW;
  • acquisto di programmi informatici e di brevetti/licenze,
  • investimenti non direttamente produttivi, depositi, uffici, impianti di illuminazione, strade poderali, aree di servizio, etc.

Importo contributo e modalità di partecipazione

La spesa ammessa per la realizzazione del piano sviluppo aziendale dovrà risultare pari almeno a: 

  • 15mila euro per le aziende localizzate nelle macroaree C (aree rurali intermedie) e D (aree rurali con problemi complessivi di sviluppo),
  • 25mila euro per quelle ricadenti nelle macroaree A (aree urbane e periurbane) e B (aree rurali ad agricoltura intensiva).

Le domande di partecipazione devono essere presentate tramite il portale SIAN entrro il 31ottobre 2017.

Photo credit: Foter.com

Warrant Group    Igea Banca  Cespim    Euradia  Tecla Studio Gallo

Metro  Edotto   innovazione2 AteneoWeb  Rinnovabili  TechEconomy   Professionisti

Unicom Ati  Anes  Cdo Roma e Lazio   ANA Lazio  PickCenter    Alpha Network    IAI   MET

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.