OCM Vino: via a contributi per la promozione in Paesi extra UE

OCM Vino - Photo credit: Foto di Klaus Böhm da Pixabay 100 milioni di euro per la promozione dei vini italiani nei Paesi extra UE nel quadro dell'OCM Vino 2021-2021, di cui circa 25 milioni per il bando Mipaaf dedicato ai progetti nazionali.

OCM Vino: come ottenere i contributi della misura Investimenti

Con il decreto direttoriale del 30 settembre il Ministero delle Politiche agricole ha infatti approvato le modalità di finanziamento dei progetti di promozione del vino italiano nei Paesi terzi e lanciato il nuovo bando per le iniziative nazionali, con una dotazione di oltre 24,7 milioni di euro. 

Le restanti risorse a disposizione dell'OCM Vino per la campagna 2020-21, che dispone di un budget complessivo di 100 milioni di euro, saranno assegnate tramite i bandi emanati dalle Regioni e dalle Provincie Autonome.

"Non c'è adeguata valorizzazione delle nostre produzioni vitivinicole e delle loro eccellenze senza una altrettanto adeguata strategia di promozione sui mercati internazionali. Si tratta di fondi decisivi che le aziende hanno dimostrato negli anni di saper utilizzare al meglio per rafforzare il loro posizionamento e la loro capacità espansiva verso nuovi mercati. E che, soprattutto nel post Covid, acquistano un ruolo ancora maggiore", ha commentato la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova.

Coronavirus, Bruxelles adotta misure eccezionali per il settore vino

Cosa finanzia il bando per la promozione in Paesi terzi

Il bando prevede la concessione di contributi con un'intensità massima pari al 60% delle spese sostenute per:

  • azioni in materia di relazioni pubbliche, promozione e pubblicità, che mettano in rilievo gli elevati standard dei prodotti dell'Unione, in particolare in termini di qualità, sicurezza alimentare o di ambiente;
  • la partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di importanza internazionale;
  • campagne di informazione, in particolare sui sistemi delle denominazioni di origine, delle indicazioni geografiche e della produzione biologica vigenti nell'Unione;
  • studi per valutare i risultati delle azioni di informazione e promozione (la spesa in questo caso non deve superare il 3% dell'importo complessivo del progetto presentato).

Le attività di promozione devono partire il 1° aprile 2021 e devono riguardare esclusivamente:

  • vini a denominazione di origine protetta;
  • vini ad indicazione geografica protetta;
  • vini spumanti di qualità;
  • vini spumanti di qualità aromatici;
  • vini con l'indicazione della varietà.

I beneficiari del bando OCM Vino

I progetti possono essere presentati da:

  • le organizzazioni di produttori di vino;
  • le associazioni di organizzazioni di produttori di vino;
  • le organizzazioni interprofessionali;
  • i consorzi di tutela riconosciuti;
  • i produttori di vino;
  • i soggetti pubblici con comprovata esperienza nel settore del vino e della promozione dei prodotti agricoli;
  • le associazioni di impresa e di scopo costituiti o costituende tra i soggetti di cui sopra;
  • i consorzi, le associazioni, le federazioni e le cooperative;
  • le reti di impresa composte da produttori di vino.

Le candidature per i progetti nazionali devono essere inviate al Mipaaf entro il 23 novembre 2020. Le domande di contributo a valere sui fondi di quota regionale e multiregionale, invece, dovranno pervenire agli indirizzi degli uffici delle Regioni e delle Province autonome entro i termini stabiliti dai rispettivi avvisi.

> Cosa prevede il Recovery Plan per l'agricoltura

Photo credit: Foto di Klaus Böhm da Pixabay 

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.