Fare ricerca in Italia: MIUR a caccia di vincitori di borse ERC

Finanziamenti ricercaDal MIUR 6,5 milioni di euro per attrarre i ricercatori vincitori di borse ERC nelle Università e negli enti pubblici di ricerca italiani.

ERC - Consolidator grant, bando UE per ricercatori esperti

Si aprono alle 12.00 di oggi, 6 novembre, i termini per partecipare alla seconda edizione del bando “FARE Ricerca in Italia: Framework per l'attrazione e il rafforzamento delle eccellenze per la ricerca in Italia”, che permette a Università ed Enti pubblici di ricerca di garantire un finanziamento aggiuntivo a favore dei ricercatori che abbiano vinto bandi del Consiglio Europeo per la Ricerca (ERC) e che abbiano scelto come sede principale di svolgimento della loro ricerca l'istituzione italiana beneficiaria.

ERC - work programme 2019, fondi UE per ricercatori d'eccellenza

I soggetti ammessi a presentare la proposta progettuale sono i Principal Investigator vincitori di grants ERC (Starting grant, Consolidator grant o Advanced grant), nell'ambito del programma di finanziamento UE per la ricerca e l'innovazione Horizon 2020, che abbiano scelto una host Institution italiana. I beneficiari del contributo, invece, sono le Università e le Istituzioni universitarie con sede operativa in tutto il territorio nazionale.

I progetti presentati devono avere un carattere di aggiuntività rispetto alle attività finanziate dall'ERC e prevedere un investimento che abbia una consistenza finanziaria pari ad un massimo del 20% della sovvenzione riconosciuta dal Consiglio Europeo per la Ricerca, riproporzionato in funzione del tempo residuo del progetto ERC, e comunque non oltre l'importo di 600mila euro.

Il contributo a fondo perduto può essere concesso fino ad un massimo del 100% delle spese totali ammissibili dei progetti, che dovranno riguardare i costi effettivamente sostenuti dal beneficiario per la realizzazione dell'iniziativa proposta.

Il termine ultimo per presentare i progetti è fissato alle ore 12.00 del 9 gennaio 2019.

Le risorse disponibili ammontano complessivamente a 6,5 milioni di euro, al lordo del 3% per le attività di monitoraggio e valutazioni dei progetti, a valere sul Fondo investimenti ricerca scientifica e tecnologica (FIRST).

La quota maggiore, pari a oltre 5,1 milioni di euro, è destinata a soggetti che alla data di pubblicazione del bando non abbiano ancora compiuto 40 anni di età, mentre la quota residua, pari a oltre 1,3 milioni di euro, è riservata ai progetti presentati da soggetti che abbiano già compiuto 40 anni.

Horizon 2020 - le universita' italiane che hanno ricevuto fondi UE

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.