Global Startup Program: ancora tempo per partecipare all'Erasmus per imprese innovative

Global Startup Program - Photo by Artem Bali from PexelsAperta fino al 22 giugno la seconda edizione del Global Startup Program: una sorta di Erasmus per le startup lanciato dal MISE in collaborazione con l’Agenzia ICE. Il bando, infatti, mette a disposizione un percorso di accelerazione all'estero della durata di otto settimane.

Decreto rilancio: le misure per startup e PMI innovative

Il Global Startup Program, iniziativa finanziata con i fondi del Piano per la promozione straordinaria del Made in Italy e le misure per l’attrazione degli investimenti per l’anno 2019, rappresenta un'occasione impertibile per 150 startup innovative italiane di conquistare i mercati esteri. 

150 startup innovative, 10 Paesi esteri

Le realtà imprenditoriali che potranno partecipare al programma sono: di stage 1), ossia che presentano un fatturato positivo fino a 100mila euro certificato nell’ultimo bilancio disponibile; di stage 2) il cui fatturato certificato da bilancio disponibile è superiore a 100mila euro.

Il progetto vuole mettere le imprese nella condizione di crescere all’estero, rafforzando le proprie capacità tecniche, organizzative e finanziarie per affrontare nuovi mercati, in particolare nei settori:

  • ICT ad esempio intelligenza artificiale, cyber security, fintech, blockchain, big data, ecommerce, realtà aumentata e virtuale, videogame, oltre a servizi, infrastrutture e componenti di telecomunicazione
  • Robotica e Industria 4.0;
  • Aerospazio;
  • Automotive con particolare riferimento a future mobility (veicoli elettrici e connessi e relativi servizi);
  • Life Sciences ad esempio attrezzature e applicazioni medicali e biotech;
  • Smart agriculture e foodtech;
  • Circular Economy ad esempio low carbon technologies, materiali sostenibili, energie rinnovabili;
  • Smart cities e domotica: ad esempio critical infrastructure, arredi urbani, IoT, servizi al cittadino, digital design.

Global Startup Program 2020 - photo credit: ICE

Dopo una prima fase di avviamento, il programma prevede un periodo di stage all’estero di 8 settimane presso incubatori selezionati di Argentina, Cina, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Giappone, India, Israele, Regno Unito, Stati Uniti d’America.

Salvo situazioni di emergenza dettate dalla situazione sanitaria internazionale che dovessero imporre slittamenti o annullamenti dell’iniziativa, la fase all’estero dovrà comunque concludersi entro il 30 novembre 2020.

L'agevolazione consiste nella copertura dei costi di trasferimento e permanenza all’estero (biglietto aereo A/R in classe economica, il costo di trasferimento e l’alloggio per il periodo da parte dell'Ice.

Le domande devono essere presentate online entro il 22 giugno 2020.

Decreto rilancio: come migliorare le misure per le startup

Photo by Artem Bali from Pexels

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.