Aree interne - 31 milioni per il finanziamento di nuove strategie

Aree interne Con l'approvazione di tre nuove strategie d'area, le risorse impegnate per rivitalizzare e garantire l'accesso ai servizi essenziali nelle Aree interne del Paese salgono a quasi 600 milioni di euro.

Strategia nazionale aree interne – a che punto siamo 

“Appennino Piacentino-Parmense” in Emilia-Romagna, “Valfino-Valvestina” in Abruzzo e “Gennargentu-Mandrolisai” in Sardegna. Sono le tre Aree interne che hanno appena ottenuto il via libera alle relative strategie.

Con l'ok ai tre provvedimenti diventano 37 i territori che hanno concluso la fase di elaborazione nell’ambito della Strategia nazionale Aree interne (SNAI), mentre i 31,5 milioni di euro impegnati dalle nuove strategie d'area portano a 597,2 milioni di euro il totale degli investimenti accordati.

Le risorse per l'attuazione della SNAI provengono sia da fondi nazionali previsti in legge di Bilancio, che dalla programmazione regionale dei fondi strutturali e di investimento europei (FESR, FSE, FEASR e FEAMP).

Aree Interne: linee guida per strategia d'area-progetto

Appennino Piacentino-Parmense

Composta da un’area progetto di 12 comuni e da un’area strategia di ulteriori 16 comuni, l'Area Interna Appennino Piacentino Parmense conta una popolazione residente di 21.990 abitanti, di cui un terzo over 65.

Obiettivo della strategia è applicare nuove idee per cambiare gli schemi d’azione e superare le criticità che vive il territorio, in particolare il declino demografico, l'invecchiamento della popolazione, l'indebolimento dei servizi scolastici, le difficoltà logistiche legate alla presenza di quattro vallate comunicanti solo allo sbocco della Pianura Padana.

Tra gli interventi previsti, a valere su risorse per 14.984.242 euro, ci sono l'introduzione della figura dell'infermiere di comunità, un servizio di baby caring, servizi flessibili di trasporto, oltre a investimenti nella banda larga e per il rafforzamento del presidio di Protezione Civile, così da affrontare al meglio i problemi legati al rischio idrogeologico.

Area Valfino-Valvestina

19 comuni, dislocati tra le province di Teramo e Pescara, costituiscono l'Area Valfino-Valvestina, in cui risiedono 25.489 persone, per il 30% di età superiore ai 65 anni.

Tra i problemi oggetto della strategia ci sono la scarsa efficienza dei sistemi di trasporto pubblico convenzionali, l’intervallo allarme-target dei mezzi di soccorso - pari 52 minuti, contro una media nazionale di 21 minuti - e la presenza di un unico istituto di scuola secondaria di secondo grado, con appena 47 allievi.

Gli investimenti, pari a 7.490.000 euro, saranno diretti, su fronte mobilità, all'attivazione di un servizio di trasporto a chiamata e alla realizzazione di una ciclo-ippovia, mentre in ambito socio-sanitario si punta al rafforzamento dei distretti sanitari e alla creazione di due ambulatori. Inoltre, è prevista la realizzazione di un Fab-Lab, che funzionerà anche come incubatore per nuove attività imprenditoriali legate alle specificità produttive del territorio.

Gennargentu-Mandrolisai

Il Gennargentu-Mandrolisai, infine, è costituito da 11 Comuni, nei quali vivono 14.351 abitanti.

Gli interventi della strategia, che può contare su risorse pari a 8.965.300 euro, sono legati anzitutto alla mobilità, con l'individuazione di una figura di Mobility Manager per la riorganizzazione del trasporto locale dell’area, l'istituzione di un nuovo sistema di Taxi Sharing Sociale e di un servizio per l'accesso degli studenti ai poli scolastici.

In tema di istruzione saranno attivati laboratori per l’innovazione e l’utilizzo delle nuove tecnologie, anche grazie all'invito di visiting professor, mentre per il sistema sanitario si punterà alla deospedalizzazione, attraverso infermieri e ostetriche di comunità, un maggiore protagonismo della rete delle farmacie e l'implementazione di servizi di telemedicina e teleassistenza.

Aree interne: l’Italia (e l’Europa) che sta affondando

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.