Legge di delegazione europea 2018: le misure per energia e ambiente

Economia circolare - Foto di Andrzej Rembowski da PixabayDall’economia circolare all’end of waste, passando per la prestazione energetica nell'edilizia e 'efficienza energetica. Sono fra i temi inclusi nella legge, approvata in Senato, con cui l’Italia recepisce le direttive e altri atti dell’UE.

Economia circolare: anche CDP nell’iniziativa europea da 10 miliardi

Una buona fetta della Legge di delegazione europea 2018, approvata in Senato, include una serie di misure per i settori energia e ambiente. Ecco cosa prevede il testo, che adesso passa all’esame della Camera. 

Economia circolare ed End of Waste: cosa prevede la legge di delegazione europea

L’articolo 15 del provvedimento riguarda una delle misure previste dal pacchetto sull'economia circolare, relativa ai criteri di ammissibilità in discarica dei rifiuti. La direttiva stabilisce che, entro il 2030, non siano ammessi in discarica rifiuti riciclabili e che, entro il 2035, sia ammesso in discarica solo il 10% del totale dei rifiuti urbani prodotti. 

La delega prevede anche l'adozione di una nuova disciplina organica in tema di utilizzazione dei fanghi. 

Interviene sempre sul tema rifiuti l’articolo successivo per l'attuazione delle direttive UE n. 851/2018 in materia di rifiuti, e  852/2018 in materia di imballaggi e rifiuti di imballaggio. L'articolo reca in particolare princìpi e criteri direttivi specifici, volti a favorire la riduzione del riciclaggio e il superamento del sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI). 

Tra i criteri di delega si prevede l'incentivazione di pratiche di compostaggio di prossimità come quello domestico e di comunità, al fine di garantire il raggiungimento dei nuovi obiettivi in materia di raccolta e di riciclo dei rifiuti urbani.

Proprio l’articolo 16 contiene un importante passaggio relativo all’End of Waste: si prevede infatti di riformare la disciplina della cessa­zione della qualifica di rifiuto.

Economia circolare - 140 milioni per progetti di ricerca e sviluppo

Le novità per RAEE e pannelli fotovoltaici 

L’articolo 14 interviene in materia di veicoli fuori uso, rifiuti di pile e accumulatori, e di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), prevedendo il miglioramento della gestione del ciclo dei rifiuti e, in particolare, della qualità del flusso informativo dagli Stati membri alle autorità europee. 

Oltre a prevedere misure per promuovere e semplificare tali sistemi, le legge di delegazione europea intende anche armonizzare il sistema di gestione dei rifiuti di pile e accumulatori con quello dei RAEE, valutando la possibilità di realizzare un sistema unico di gestione.

Inoltre, si delega il Governo a prevedere misure che favoriscano il ritiro, su base volontaria, "uno contro zero" dei piccolissimi rifiuti RAEE da parte di distributori che non vendono apparecchiature elettriche ed elettroniche, che solitamente vengono gettati nell'ambito dei rifiuti indifferenziati.

Lo stesso articolo include misure relative al fine vita dei pannelli fotovoltaici incentivati immessi sul mercato prima del 12 aprile 2014, prevedendo il coinvolgimento dei sistemi in­dividuali e collettivi.

EPBD ed efficienza energetica: verso il recepimento delle direttive UE

All’articolo 23 e all’allegato A del provvedimento approvato da Palazzo Madama figurano i criteri di attuazione di due direttive UE contenute nel cosiddetto Pacchetto Energia. Si tratta delle normative sulla prestazione energetica nell'edilizia e sull’efficienza energetica.

> Legge di delegazione europea 2018

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.