Dissesto idrogeologico: 25 milioni per la sicurezza dei fiumi

Fondi manutenzione fiumi: Photocredit: Photos_Marta da PixabaySi attestano sui 25 milioni di euro le risorse stanziate dal Ministero dell’Ambiente per la manutenzione dei corsi d’acqua. La ripartizione delle risorse è stata decisa nel corso dell’ultima riunione della Conferenza delle Autorità di bacino.

Dissesto idrogeologico - CdM, ok al ddl Cantiere Ambiente

Presieduta dal Ministro dell'Ambiente Sergio Costa, si è riunita ieri la Conferenza istituzionale permanente delle Autorità di bacino (CIP) che ha adottato i Programmi di manutenzione dei territori contro il pericolo rappresentato dal dissesto idrogeologico, per un totale di 25 milioni di euro di interventi.

Corte Conti: dissesto idrogeologico, scarso uso dei fondi

Dove si interverrà?

Alla presenza dei rappresentanti di Governo e Regioni, infatti, le cinque Autorità di bacino presenti (Appennino settentrionale, Alpi orientali, Fiume Po, Appennino centrale, Appennino meridionale) hanno deliberato l’adozione dei Programmi stralcio di manutenzione dei corsi idrici presenti nei rispettivi territori, prevedendo anche, in alcuni casi, una fase programmatica per il finanziamento di ulteriori interventi da realizzarsi con risorse che si dovessero rendere disponibili.

Tra le principali operazioni di manutenzione del territorio e dei corsi idrici figurano quelli sul:

  • Fiume Tagliamento, per il quale la CIP ha istituzionalizzato anche il tavolo tecnico di confronto tra gli attori principali per la messa in sicurezza del fiume;
  • Fiume Sarno per il quale è stato illustrato il Master Plan che si propone di definire ed attuare una serie di misure che diano una risposta alle molteplici criticità presenti su quel territorio.

Un tassello del piano complessivo contro il dissesto idrogeologico

In un territorio fragile come quello italiano, flagellato nell’ultima settimana da un'eccezionale ondata di maltempo che ha messo in ginocchio gran parte del Paese, la lotta programmatica e strutturale con il dissesto idrogeologico resta una priorità.

Nel corso degli anni, sul tema sono state varate una serie di azioni tra le quali, in ordine di tempo, figura anche l'adozione nel 2019 del Piano stralcio da 315 milioni di euro per la realizzazione degli oltre 260 interventi immediatamente cantierabili, individuati dal Ministero dell’Ambiente nell'ambito del Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico.

Dissesto idrogeologico: ecco il Piano stralcio 2019 da oltre 300 milioni

Adesso, si augura Costa, sarà fondamentale procedere con la rapida approvazione di Cantiere ambiente, il Piano Marshall per la riduzione dei rischi connessi al dissesto idrogeologico approvato a giugno 2019 dal Consiglio dei Ministri ed ora al vaglio del Parlamento.

Photocredit: Photos_Marta da Pixabay

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.