Parlamento UE: agenda lavori settimana 16-22 dicembre 2019

Le conclusioni dell’ultimo Consiglio europeo, l’elezione del prossimo Mediatore europeo, ma anche misure per salvare le api e diversi appuntamenti sui diritti umani e sullo stato di diritto. Sono questi i temi che saranno affrontati la prossima settimana dall’Eurocamera.

Consiglio europeo: raggiungere la neutralita' climatica entro il 2050

Consiglio europeo: Il Parlamento discute le conclusioni

Mercoledì mattina 18 dicembre, i deputati discuteranno i risultati del Vertice UE del 12-13 dicembre con il Presidente del Consiglio europeo Michel e la Presidente della Commissione von der Leyen. Nel corso, infatti, dell’ultimo Vertice, il Consiglio europeo ha deciso di mettere a punto la sua posizione sulla strategia a lungo termine dell'UE per il clima, con l'obiettivo di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Durante il vertice, inoltre, i leader dell'UE hanno discusso anche il bilancio UE 2021-2027, la conferenza sul futuro dell'Europa, temi specifici di politica estera, nonchè gli sviluppi dell'Unione economica e monetaria (UEM). Non è mancato, infine, il tema Brexit e i preparativi per i negoziati sulle future relazioni UE-Regno Unito, alla luce dei risultati delle elezioni generali svoltesi nel Regno Unito il 12 dicembre.

Il Parlamento eleggerà il prossimo Mediatore europeo

Martedì 17 dicembre, il Parlamento eleggerà con un voto a scrutinio segreto il Mediatore europeo, scegliendolo tra uno dei cinque candidati (incluso l’italiano Giuseppe Fortunato). Il nuovo Mediatore avrà un mandato di cinque anni. All'inizio di ogni mandato, il Parlamento elegge il Mediatore europeo, quella figura prevista dall’ordinamento comunitario che svolge indagini sui casi di cattiva amministrazione nelle istituzioni, organi, uffici o agenzie dell'UE, agendo di propria iniziativa o sulla base di denunce da parte dei cittadini. Per essere eletto Mediatore, il candidato avrà bisogno della maggioranza dei voti espressi. Gli eventuali secondo e terzo scrutinio si terranno mercoledì. 

Consegna del Premio Sacharov 2019 a Ilham Tohti

Mercoledì 18 dicembre, si svolgerà la cerimonia di consegna del Premio Sacharov 2019 per la libertà di pensiero. Quest’anno il Premio è stato attribuito a Ilham Tohtio, studioso e attivista per i diritti umani uiguro, attualmente detenuto in carcere a vita in Cina con l’accusa di separatismo. Il Premio sarà ritirato dalla figlia, Jewher Ilham, che dopo la cerimonia terrà una conferenza stampa con il Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli. Il Premio Sacharov per la libertà di pensiero, intitolato al fisico sovietico e dissidente politico Andrei Sacharov, viene assegnato ogni anno dal Parlamento europeo. È stato istituito nel 1988 per onorare le persone e le organizzazioni che difendono i diritti umani e le libertà fondamentali. 

Trattato di Lisbona e Carta dei diritti fondamentali: 10 anni di riforme UE

Mercoledì 18 dicembre, in occasione del decimo anniversario dell'entrata in vigore del Trattato di Lisbona, i deputati celebreranno le riforme che hanno rafforzato la democrazia e il Parlamento e, al tempo stesso, ampliato i diritti dei cittadini europei.

Pesticidi: ridurne l’utilizzo per salvare le api

Martedì 17 dicembre sarà discussa l'iniziativa UE per gli impollinatori - la strategia della Commissione per proteggere gli impollinatori come api, farfalle e altri insetti, che sarà poi votata mercoledì. In quell’occasione i deputati dovrebbero chiedere un'ulteriore riduzione dell'uso di pesticidi, maggiori fondi per la ricerca e un monitoraggio più efficace per salvare le api in Europa.

Malta: Stato di diritto e assassinio di Daphne Caruana Galizia

Le indagini in corso sull’omicidio di Daphne Caruana Galizia - la giornalista, scrittrice e attivista anti-corruzione uccisa nel 2017 - e gli eventi politici recenti a Malta saranno discussi martedì. Una risoluzione sarà votata giovedì.

Il Parlamento condanna l’istituzione di “zone franche LGBTI” in Polonia

Mercoledì 18 dicembre, i deputati voteranno una risoluzione sulla discriminazione pubblica e sui discorsi di odio contro le persone LGBTI in alcuni Paesi UE, in particolare in Polonia. C’è preoccupazione, infatti, per le "zone franche LGBTI" in Polonia. Quest'autunno, infatti, in vista delle elezioni parlamentari, decine di comuni, contee e province della parte sudorientale del Paese si sono dichiarati "liberi dall'ideologia LGBTI", attraverso risoluzioni simboliche che non hanno modificato o influenzato alcuna legislazione, ma hanno contribuito a stigmatizzare ed escludere le persone LGBTI.

I deputati denunciano le violazioni dei diritti umani in Nicaragua

I deputati dovrebbero condannare la repressione degli oppositori politici, le violazioni dei diritti umani e le violazioni dello Stato di diritto da parte del governo nicaraguense. Il dibattito si terrà mercoledì sera, mentre una risoluzione sarà votata giovedì. Le organizzazioni internazionali per i diritti umani riferiscono che più di 80mila persone sono state costrette a lasciare il Nicaragua dall'aprile 2018, con lo scoppio delle proteste contro il governo in tutto il paese. Secondo l’UNHCR, più di 100 tra giornalisti e operatori dei media hanno dovuto lasciare il Nicaragua.

Migliorare il benessere degli animali durante il trasporto

Martedì 17 dicembre i deputati discuteranno come proteggere più efficacemente gli animali trasportati nei paesi extra UE. Il dibattito si è reso necessario in seguito all'incidente del 24 novembre scorso, quando una nave da carico diretta in Arabia Saudita si è capovolta nei pressi del porto rumeno di Midia, uccidendo quasi tutte le 14.600 pecore a bordo.

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.