Milleproroghe 2021: slittano i termini della lotteria degli scontrini

Lotteria scontrini: regole e premi dell’estrazione 2020Con il decreto Milleproroghe 2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, è stata ufficialmente rinviata la partenza della lotteria degli scontrini, prevista da calendario per il 1° gennaio 2021.

Bonus Befana e lotteria scontrini: le misure anti-contante in Manovra

Il Milleproroghe (D.L. n. 183 del 31 dicembre 2020) stabilisce quindi l'ulteriore rinvio della lotteria degli scontrini: misura prevista dalla precedente legge di Bilancio e confermata dalla Manovra 2021, legata a doppio filo con il provvedimento relativo allo scontrino elettronico e volta sia a incentivare i pagamenti cashless, che a contenere l’evasione fiscale.

Le resistenze espresse dai negozianti, che lamentavano lo scorso 10 dicembre di aver bisogno di più tempo per adeguare dal punto di vista tecnico la rete e i dispositivi necessari all'iniziativa, hanno avuto la meglio.

Si tratta, quindi, dell’ennesima proroga per il concorso a premi gratuito, programmato inizialmente per gennaio 2020, poi rinviato al luglio 2020 e infine posticipato al 1° gennaio 2021. 

Lotteria scontrini, quando si parte? 

La partenza della lotteria degli scontrini, secondo il decreto Milleproroghe, slitta di qualche settimana per concedere più tempo agli esercenti per adeguare i registratori di cassa. La data di avvio verrà definita da un provvedimento a doppia firma dei vertici dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e dell’Agenzia delle entrate, da adottare entro il 1° febbraio 2021

Inoltre, viene stabilito che nel caso in cui l'esercente al momento dell'acquisto rifiuti di acquisire il codice lotteria, il consumatore può segnalare la circostanza sul portale della lotteria (www.lotteriadegliscontrini.gov.it) a partire dal 1° marzo 2021. 

Sullo strumento che mette in palio 50 milioni di euro, per dare più forza al piano Italia Cashless insieme al cashback di Stato,  è intervenuta anche la Legge di Bilancio 2021. Quest'ultima, infatti, prevede di escludere dai premi i tagliandi relativi alle spese sostenute in contanti: validi, quindi, solo quelli che riguardano transazioni compiute attraverso vari sistemi elettronici, ad esclusione degli acquisti effettuati online.  

Legge n. 178 del 30 dicembre 2020, GU Serie Generale n.322 del 30 dicembre 2020 - Suppl. Ordinario n. 46

Lotteria scontrini: chi può partecipare e come?

Il gioco, introdotto dal Governo per incentivare gli acquisti, è aperto alle persone fisiche, maggiorenni e residenti anagraficamente in Italia che acquistano beni o servizi fuori dall’esercizio di attività d’impresa, arte o professione presso commercianti e artigiani che trasmettono telematicamente i corrispettivi al Fisco. 

Il primo step per poter partecipare alla riffa è esibire al negoziante, al momento dell’acquisto e senza obbligo di identificazione, il codice lotteria: una chiave di accesso alfanumerica di 8 caratteri che si potrà ottenere inserendo il proprio codice fiscale sul portale della lotteria; il servizio online produrrà il codice lotteria anche in formato barcode, cioè codice a barre. 

Già dal primo giorno di operatività del sistema per partecipare alla lotteria degli scontrini, ovvero lo scorso 1° dicembre, sono stati 427mila i cittadini che hanno scaricato il codice lotteria, tramite la sezione 'partecipa ora' del sito ufficiale.

Successivamente, il codice potrà essere stampato su carta o salvato sul proprio dispositivo mobile, come cellulari, smartphone e tablet ed essere facilmente esibito all’esercente che potrà acquisirlo tramite lettura ottica.

Come spiega la guida delle Entrate, il cittadino che intende giocare alla lotteria non ha l’obbligo di conservazione dello scontrino e questo sia per partecipare sia per riscuotere i premi. Lo scontrino resterà valido solo per cambi merce o per far valere la garanzia del prodotto acquistato.

Pagamenti: addio chiavetta, dal 14 settembre scatta l’Open Banking

I premi in palio nelle estrazioni della lotteria degli scontrini

Ogni scontrino valido per la partecipazione alla lotteria genera un numero di biglietti virtuali per la partecipazione all’estrazione, pari ad un biglietto per ogni euro di corrispettivo, con arrotondamento all’unità di euro superiore se la cifra decimale è superiore a 49 centesimi.

In sostanza, più alto sarà l’importo speso, maggiore sarà il numero di biglietti associati all’acquisto, fino a un massimo di 1.000 biglietti virtuali. Per scontrini pari o superiori a euro 1.000 il numero massimo di biglietti generati sarà, in ogni caso, pari a 1.000.

La lotteria degli scontrini prevede due tipi di estrazioni: estrazioni “ordinarie”, solo per i consumatori, ed estrazioni “zero contanti”, riservate sia ai consumatori che ai negozianti. La lotteria degli scontrini prevede estrazioni mensili, che si i terranno ogni secondo giovedì del mese, e annuali. Ci saranno anche estrazioni settimanali, secondo un calendario ancora da definire. Ogni contribuente può partecipare, con lo stesso scontrino, a una estrazione settimanale, a una mensile e a una annuale.

Per la fascia delle estrazioni "ordinarie" sono previsti:

  • un premio da 1 milione di euro per il vincitore dell’estrazione annuale;
  • 3 premi da 30mila euro ciascuno per i vincitori delle estrazioni mensili;
  • 7 premi da 5mila euro ciascuno per i vincitori delle estrazioni settimanali.

A proposito della fascia "zero contanti":

  • per l’estrazione annuale, il premio sarà di 5 milioni di euro per il cittadino e di un milione di euro per l’esercente;
  • per quelle mensili ci saranno ogni mese 10 premi da 100mila euro per i cittadini e 10 premi da 20mila euro per gli esercenti;
  • per le estrazioni settimanali sono previsti, infine, 15 premi da 25mila euro per i cittadini e 15 premi da 5mila euro per gli esercenti.

I vincitori sono informati della vincita tramite sms, e-mail o instant messaging se i relativi dettagli sono stati forniti nell’area riservata del portale lotteria. Le vincite vengono anche comunicate tramite Posta elettronica certificata (PEC) inviata all’indirizzo che il consumatore ha indicato sul portale lotteria, oppure tramite una raccomandata con ricevuta di ritorno che viene recapitata al domicilio fiscale conosciuto dall’Agenzia.

I premi devono essere reclamati entro 90 giorni dalla ricezione della comunicazione di vincita. Se non lo si farà le vincite non riscosse concorreranno alla formazione di eventuali altri premi da distribuire in occasione del concorso annuale. 

Consulta il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate e dell'Agenzia Dogane-Monopoli

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.