Sisma: prorogato il bando per sicurezza da Covid in cantieri ricostruzione

Sisma - photo credit: cristianaraffa - terremocentroitaliaRinviata a fine luglio la scadenza del bando INAIL per operare in sicurezza dal rischio Coronavirus nei cantieri della ricostruzione post sisma in Centro Italia.

Sisma 2016: sicurezza cantieri da Covid-19 e velocizzazione pratiche

A disposizione delle imprese operanti nella ricostruzione del sisma 2016 nelle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria ci sono 20 milioni di euro per mitigare il rischio di contagio da Covid-19 all'interno dei cantieri.

Fondi INAIL per sicurezza sul lavoro nell'area del sisma 2016

Le risorse per la sicurezza sanitaria nei cantieri, stanziate attraverso l'ordinanza n. 98 del 30 aprile 2020 del Commissario Straordinario alla ricostruzione dei territori colpiti dal sisma 2016, Giovanni Legnini, si aggiungono ai 10 milioni di euro destinati alla messa in sicurezza degli immobili produttivi situati nell'area del cratere.

I 30 milioni complessivi sono stati distribuiti tra le regioni in base all’entità dei danni subiti, nel dettaglio:

  • 3 milioni di euro alla regione Abruzzo, di cui 1 milione per la sicurezza nelle aziende e 2 milioni per i cantieri;
  • 4,2 milioni per il Lazio, di cui 1.386.000 euro per gli immobili produttivi e 2.814.000 euro per i cantieri;
  • 4,2 milioni per il territorio della regione Umbria, di cui 1.386.000 euro per la prima linea di intervento e 2.814.000 euro per la seconda;
  • 18,6 milioni di euro per le Marche, di cui 6.138.000 euro per gli immobili produttivi e 12.462.000 euro per i cantieri.

Per approfondire: Decreto rilancio: revocato il bando ISI INAIL 2019 per la sicurezza sul lavoro

I contributi anti Covid per i cantieri della ricostruzione

Le agevolazioni per il contenimento dei rischi di contagio da Coronavirus all’interno dei cantieri delle quattro regioni del Centro Italia sono concessi a copertura del 100% delle spese sostenute e documentate tra il 19 marzo 2020 ed il 30 giugno 2020, fino ad un massimo di 10mila euro per azienda.

I costi ammissibili comprendono:

  • apparecchiature e attrezzature per l’isolamento o il distanziamento dei lavoratori, compresi i relativi costi di installazione;
  • dispositivi elettronici e sensoristica per il distanziamento dei lavoratori;
  • apparecchiature per l’isolamento o il distanziamento dei lavoratori rispetto agli utenti esterni e rispetto agli addetti di aziende terze fornitrici di beni e servizi;
  • dispositivi per la sanificazione dei luoghi di lavoro; sistemi e strumentazione per il controllo degli accessi nei luoghi di lavoro utili a rilevare gli indicatori di un possibile stato di contagio;
  • dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale.

Le domande possono essere presentate attraverso il portale di Invitalia, che supporta la struttura del Commissario straordinario nella gestione dei contributi.

Per procedere all'invio delle istanze occorre quindi registrarsi ai servizi online di Invitalia, compilando il form per il rilascio delle credenziali di accesso, che potranno poi essere utilizzate per accedere all'apposita piattaforma informatica.

La scadenza del bando, inizialmente fissata al 30 giugno, è stata prorogata al 31 luglio 2020.

Per approfondire: Sisma 2016, ricostruzione: ok all'ordinanza su autocertificazione

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.