Horizon Europe: le 5 mission per la ricerca UE post 2020

Horizon EuropeQuali saranno le priorità di ricerca di Horizon Europe per il periodo 2021-27? I 5 mission board - lanciati nel 2019 dalla Commissione UE - svelano il lavoro condotto in questi mesi per individuare i temi di ricerca post-2020: cambiamento climatico, cancro, oceani, città intelligenti, suolo e alimentazione.

Horizon Europe - al via 5 board per definire le missioni di ricerca

Le ‘missioni’, che andranno a sostituire le ‘sfide sociali’ di Horizon 2020, sono programmate nell’ambito del II pilastro “Sfide globali e competitività industriale” di Horizon Europe, e hanno il compito di delineare le priorità di ricerca del programma.

Nel dettaglio le mission proposte per il prossimo settennato riguardano 5 aree tematiche:

  • adattamento ai cambiamenti climatici, inclusa la trasformazione sociale;
  • cancro;
  • oceani sani, mari, acque costiere e interne;
  • città intelligenti e clima;
  • salute del suolo e cibo.

Gli esperti dei 5 mission board - individuati lo scorso anno dalla Commissione UE - hanno realizzato dei report intermedi in cui definiscono le priorità strategiche per ciascuna mission. A settembre i 5 mission board presenteranno le proprie raccomandazioni durante gli ‘European Research & Innovation Days’ al Collegio dei commissari, che entro la fine dell'anno comunicherà le missioni selezionate in vista del lancio di Horizon Europe nel 2021.

Horizon Europe: ecco gli esperti che definiranno le mission

Cambiamento climatico, verso un'Europa resiliente

Resilienza, innovazione verde e adattamento sono i temi chiave al centro della mission 'accelerating the transition to a climate prepared and resilient europe, che - in linea con gli obiettivi del Green deal europeo - intende preparare l'UE ad affrontare i cambiamenti climatici, in un'ottica di cooperazione con i cittadini, le comunità e le regioni.

La visione di un'Europa resiliente in ambito climatico interessa tre dimensioni: quella ambientale, quella socio-economica e quella politica. L'obiettivo della mission è stimolare l'innovazione in tutte e tre le dimensioni allo scopo di: rigenerare l'infrastruttura sociale, proteggere il benessere e la salute delle persone, tutelare la biodiversità e gli ecosistemi, ripensare la gestione delle risorse idriche, ravvivare i paesaggi rurali e i sistemi alimentari sostenibili.

> Consulta il report

Cancro, una missione possibile

La mission dedicata al cancro si concentra su vari aspetti della malattia, dalla prevenzione dei fattori di rischio al supporto dei pazienti, con particolare attenzione ai tumori meno conosciuti. L'obiettivo fissato per il 2030 è salvare 3 milioni di vite, attraverso una serie di interventi, articolati su tre pilastri:

  • prevenzione
  • diagnosi e trattamento del cancro
  • qualità di vita dei pazienti e delle loro famiglie.

> Consulta il report

Rigenerare oceani e mari entro il 2030

Inquinamento, cambiamento climatico, pesca e sfruttamento insostenibile delle risorse stanno mettendo in serio pericolo non solo gli ecosistemi acquatici, ma anche la capacità degli oceani e dei mari di regolare il clima della Terra. Per far fronte a queste sfide è prevista una mission ad hoc, il cui obiettivo è assicurare entro il 2030 il pieno recupero e la rigenerazione degli ecosistemi marini e di acqua dolce europei.

Per raggiungere questo scopo gli esperti propongono un approccio olistico (per mari, oceani, acque interne e coste) che tenga conto di 5 priorità: zero emissioni, decarbonizzazione, un'adeguata governance europea e internazionale, rigenerazione degli habitat degradati, sensibilizzazione dei cittadini.

> Consulta il report

Neutralità climatica delle città europee

In linea con gli obiettivi del Green deal europeo, questa mission intende sostenere la transizione di 100 città europee verso la neutralità climatica entro il 2030. Questi centri urbani diventeranno dei veri e propri innovation hub cui potranno fare riferimento tutte le altre città dell'UE.

Per affrontare la sfida della neutralità climatica, la mission propone un processo di governance multi-livello con l'introduzione del Climate City Contract, in cui enti pubblici e stakeholder definiranno gli obiettivi, gli impegni e la strategia da adottare per la transizione verso sistemi urbani green.

> Consulta il report

La salute del suolo

Entro il 2030 almeno il 75% dei terreni in ogni Stato membro dovrà essere in salute per il bene delle persone e della natura. Con questo obiettivo ben in mente la mission si concentra su una serie di interventi prioritari, tra cui: la riduzione del degrado e dell'inquinamento del suolo, la prevenzione dell'erosione e il miglioramento della qualità dei terreni.

"La salute del suolo può essere persa rapidamente, ma è lenta da ripristinare e il tempo per intervenire è già stato ritardato troppo a lungo. È tempo di agire. È nostra la responsabilità di  garantire che le generazioni future ereditino terreni puliti, produttivi e resilienti", scrivono gli esperti del report.

> Consulta il report

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.