La crisi di Governo rischia di mettere in standby ristori, bonus e assegno unico

Photocredit: pagina Facebook Giuseppe ConteSe il Governo non dovesse ottenere la fiducia in Senato si allungherebbero i tempi per i decreti anti-crisi e per alcuni dei dossier chiave della Manovra. 

Cosa sappiamo del decreto Ristori 5

Una crisi di Governo infatti non permetterebbe all’Esecutivo di esercitare pienamente le sue funzioni. Di conseguenza, non potrebbe chiedere al Parlamento il nuovo scostamento di bilancio necessario per far ripartire i contributi a fondo perduto per le imprese colpite dalle chiusure e rifinanziare la cassa integrazione. 

Ristori e cassa integrazione a rischio?

Il primo dossier in bilico sarebbe il decreto Ristori 5, che nelle intenzioni del Governo dovrebbe contare sui 25 miliardi messi a disposizione dallo scostamento di bilancio. Un duro colpo per le imprese e per i liberi professionisti già in crisi. 

Il rallentamento del Ristori 5 rischia di portare cattive notizie anche per i lavoratori: nel testo, infatti, è atteso il rifinanziamento della cassa integrazione.

In ballo c’è poi la riforma degli ammortizzatori da mettere a punto entro fine marzo, quando si sbloccheranno i licenziamenti, e quella delle pensioni in vista della scadenza di quota 100. 

Assegno unico e non solo: i pilastri della Manovra in standby

Se nel breve termine tengono banco le misure anti-crisi, nel lungo termine ci sono una serie di capitoli introdotti dalla Manovra 2021 e che attendono lo sblocco. 

Fra questi uno dei più attesi e importanti, l’assegno unico. Si tratta dell’assegno che le famiglie riceveranno per ciascun figlio dal settimo mese di gravidanza al ventunesimo anno di età. Attualmente, l'esame parlamentare del disegno di legge delega non è stato calendarizzato al Senato e con la crisi di Governo rischia un ulteriore rinvio.  

C’è poi il capitolo decreti attuativi: affinché la Manovra sia pienamente operativa, infatti, ne servono più di 170. Se ai ritardi già accumulati per approvare speditamente le misure anti-crisi si aggiunge la crisi di Governo, i tempi si prospettano ancora più lunghi. Ciò significa che tutta una serie di bonus, crediti d’imposta e aiuti dovranno attendere più del necessario per essere realmente fruibili. 

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.