Dalle Regioni ristori a professionisti, lavoratori autonomi e partite IVA

Ristori professionistiIn attesa dell'approvazione del dl Ristori 5 - che dovrebbe includere anche i professionisti tra i beneficiari - diverse Regioni italiane hanno lanciato misure ad hoc per aiutare lavoratori autonomi e partite IVA duramente colpiti dalla pandemia Covid-19. Ecco una panoramica.

Coronavirus: i contributi delle Regioni per famiglie e imprese

L'accesso agli interventi - che prevedono l'erogazione di contributi a fondo perduto ma anche di finanziamenti - è infatti regolamentato da appositi bandi regionali, di cui vi proponiamo una panoramica.

Intanto l'Agenzia delle Entrate ha fatto sapere - con la risposta n. 84 del 3 febbraio 2021 - che ai bonus regionali riconosciuti ai lavoratori autonomi non vanno applicate le ritenute fiscali.

Lombardia: ristori, capitale circolante e formazione

Fino al 26 febbraio i lavoratori autonomi con partita IVA individuale non iscritti al Registro delle Imprese possono richiedere un contributo a fondo perduto di mille euro, a titolo di indennizzo per la situazione di particolare disagio.

Il 1° febbraio in Lombardia ha riaperto la misura “Credito Adesso Evolution”, che finanzia il fabbisogno di capitale circolante non solo delle imprese ma anche di professionisti e studi associati della Lombardia, con la concessione di finanziamenti abbinati a contributi in conto interessi.

Dall'11 febbraio, invece, i lavoratori autonomi privi di partita IVA, con età compresa tra 15 e 65 anni, possono richiedere un contributo a fondo perduto - pari a mille euro lordi - per partecipare ad un percorso di politica attiva (per la ricerca del lavoro, la ricollocazione e la riqualificazione) nell’ambito della misura regionale Dote Unica Lavoro o Garanzia Giovani

Le domande devono essere presentate entro il 30 giugno 2021.

Piemonte: contributi alle partite IVA per l'accesso al credito

Il 1° febbraio è stato riattivato un bando che destina contributi a fondo perduto - fino a 5mila euro - ai lavoratori autonomi piemontesi per rafforzare la possibilità di accesso al credito, consentendo di far fronte agli oneri sostenuti per ottenere finanziamenti concessi da banche e da altri intermediari finanziari.

Sul suo sito Finpiemonte - che gestisce l'accesso al bando - precisa che "per lavoratori autonomi si intendono i soggetti (titolari di partita IVA) che possono svolgere la loro attività in tutti i settori merceologici e professionali compresi quelli privi di Albo o ordine professionale; sono esclusi soggetti che svolgono attività in forma occasionale o mediante contratti di collaborazione in assenza della partita IVA. Sono esclusi da tale ambito gli studi associati professionali e pertanto possono presentare domanda solo i singoli titolari di partita IVA".

Puglia: bonus per autonomi, partite IVA e professionisti

E' stato prorogato fino al 12 marzo il bando della Regione Puglia a sostegno dei lavoratori autonomi, titolari di partita IVA e professionisti a basso reddito.

Per i beneficiari è previsto un bonus del valore di 2mila euro per contrastare gli effetti negativi innescati dalla crisi epidemiologica Covid-19 nel contesto sociale e produttivo regionale.

Sardegna: sovvenzioni per le partite IVA

Fino al 25 febbraio i titolari di partita IVA residenti in Sardegna senza dipendenti possono presentare richiesta di contributo a valere sul Fondo (R)Esisto, che - grazie alle risorse del POR FSE 2014-2020 - intende attenuare l’impatto dello shock causato dalla pandemia Covid-19, salvaguardando i livelli occupazionali nella Regione.

Sicilia: ristori e prestiti per le partite IVA

In Sicilia si attende la pubblicazione del bando da 80,5 milioni di euro, rivolto non solo alle PMI, ma anche a liberi professionisti iscritti agli ordini professionali e titolari di partita IVA danneggiati dall’emergenza Covid-19.

La misura, in via di definizione, prevede la concessione di un finanziamento agevolato fino ad un massimo di 25mila euro; in alternativa per ogni finanziamento agevolato potrà essere concesso un contributo a fondo perduto per il sostegno alle spese di sanificazione e acquisito DPI.

Fisco: prorogate fino a fine febbraio le cartelle sospese

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.