Il successo della Green Deal Call e il futuro dei fondi europei per la sostenibilità in Horizon Europe

Green Deal call - Foto di Marshall Reyher da PexelsLa call Green Deal di Horizon 2020 ha ottenuto una risposta impressionante da parte della comunità della ricerca, con 1.550 progetti presentati. Un successo che segna la strada per i prossimi bandi per energia, clima e sostenibilità nel giorno del lancio ufficiale di Horizon Europe.

Tutti i work programme di Horizon Europe

Sul piatto Bruxelles aveva messo 1 miliardo di euro per trovare soluzioni capaci di affrontare la crisi climatica guidando la società verso una ripresa sostenibile. 

Nel dettaglio la call - che si è chiusa il 27 febbraio - era strutturata in 2 priorità trasversali (rafforzamento delle conoscenze e responsabilizzazione dei cittadini) e 8 aree tematiche, a loro volta strutturate in una serie di topic.

Green Deal call: un successo atteso

In tutto sono 1.550 i progetti presentati nell’ambito della call. Di questi, 479 riguardano le due priorità trasversali (106 progetti presentati nell’ambito del “rafforzamento delle conoscenze” e 373 per “ responsabilizzazione dei cittadini”). 

Interessante notare la partecipazione massiva ad alcune aree tematiche, come Farm to Fork, il cui bando era dedicato ad attività volte a testare e dimostrare innovazioni sistemiche per alimenti sostenibili.

Circa 300 progetti sono stati inviati sui temi energia e trasporti: complessivamente, il budget per questa parte della call è di 286 milioni di euro distribuiti su 5 temi, tutti gestiti da INEA. I risultati della valutazione, questo caso, sono attesi entro il 30 giugno.

Per tutte le aree tematiche, le proposte ammissibili saranno valutate da gruppi di esperti indipendenti ed i primi progetti selezionati inizieranno nell'autunno 2021.

Il valore aggiunto della Green Deal call: un approccio olistico ai temi che fa da apripista ai prossimi bandi europei

A contraddistinguere la call Green Deal non è solo il peso economico della call stessa, ma l’approccio olistico: i topic rispecchiano di fatto l'ossatura della strategia che va sotto il nome di Green Deal, che segna il presente e il futuro delle politiche e dei piani di investimento europeo per la prossima decade e oltre.

Un approccio che era richiesto anche alle proposte progettuali, cui era richiesta interdisciplinarità, e che contraddistingue l'intero impianto dei prossimi fondi europei per la ricerca e l'innovazione nell'ambito del programma Horizon Europe. 

Tra le grandi novità di Horizon Europe, infatti, c’è l’introduzione delle Mission per dare ai progetti una direzione chiara, con target e impatti misurabili, mirati e circoscritti, che stimoli l’attività in tutte le discipline, in tutti i settori e da parte di tutti gli attori.

Un approccio che ritroviamo anche nelle bozze di work programme: si veda l'esempio del programma di lavoro del Cluster 5, quello che maggiormente rispecchia gli obiettivi del Green Deal, che adotta un approccio tematico al centro di gravità "Clima, energia e mobilità" articolato in una struttura composta di 6 Destinations (cui corrispondono altrettanti Expected Impact), che a loro volta si sviluppano in una serie di call e topic. 

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.