Aiuti di stato, via libera di Bruxelles a modifiche regime italiano da 9 miliardi

Margrethe Vestager - Photographer: Aurore Martignoni/ European Union, 2020 / Source: EC - Audiovisual ServiceLa Commissione europea ha approvato le modifiche all'attuale regime "ombrello" italiano per supportare le aziende nel contesto dell'emergenza Covid-19. Secondo Bruxelles, le implementazioni allo schema rispettano le norme del Quadro temporaneo per gli aiuti di Stato.

Recovery Plan: come funziona il controllo sugli aiuti di Stato

Si compie un nuovo passo in avanti nell'ambito del quadro temporaneo degli aiuti di Stato: Bruxelles ha approvato le modifiche apportate al regime italiano "ombrello" da 9 miliardi di euro a sostegno dell'economia sullo sfondo dell'emergenza del coronavirus.

Lo schema originale è stato approvato dalla Commissione il 21 maggio 2020 con il documento SA.57021, mentre le sue successive modifiche sono state approvate dall'Esecutivo UE con i provvedimenti SA.58547, SA.59655 e SA.59827.

Quali sono le modifiche al regime "ombrello" italiano

L'Italia ha notificato le seguenti modifiche al regime:

  • la proroga della durata del regime fino al 31 dicembre 2021;
  • un aumento del bilancio del regime, di ulteriori 2,5 miliardi di euro, da 10 miliardi di euro a 12,5 miliardi di euro;
  • un aumento dei massimali per importi limitati di aiuto a 225mila euro per impresa attiva nella produzione primaria di prodotti agricoli (precedentemente 100mila euro); 270mila euro per azienda attiva nel settore della pesca e dell'acquacoltura (precedentemente 120mila euro) e 1,8 milioni di euro per azienda attiva in tutti gli altri settori (precedentemente 800mila euro) in linea con l'ultima modifica del quadro temporaneo;
  • un aumento del massimale di aiuto per sostenere i costi fissi non coperti, a 10 milioni di euro per beneficiario (precedentemente 3 milioni di euro).

Considerato questo regime implementato, Bruxelles ha concluso che lo stesso, così come modificato, risulta "necessario, appropriato e proporzionato" per porre rimedio a un grave turbamento dell'economia dello Stato membro, in linea con l'articolo 107, paragrafo 3, lettera b), e l'articolo 107, paragrafo 3, lettera c), TFUE e le condizioni stabilite nel quadro temporaneo.

UE estende Quadro temporaneo aiuti di Stato fino a dicembre 2021

L'originale regime "ombrello" italiano 

A maggio 2020, l'Italia ha notificato alla Commissione UE, nell'ambito del quadro temporaneo, un regime "ombrello" da 9 miliardi di euro che consente alle Regioni italiane, alle Province autonome, altri enti territoriali e alle Camere di commercio di fornire supporto alle aziende di tutte le dimensioni, compresi i lavoratori autonomi, le piccole e medie imprese (PMI) e le grandi aziende

Il sostegno pubblico può essere concesso tramite: 

  • sovvenzioni dirette, garanzie su prestiti e tassi di interesse agevolati per prestiti;
  • aiuti alla ricerca e allo sviluppo (R&S) relativi al coronavirus, volti alla costruzione e al potenziamento di strutture per lo sviluppo di test e prodotti quali medici, trattamenti e dispositivi di protezione correlati al Covid-19;
  • sussidi salariali per i dipendenti per evitare licenziamenti durante l'epidemia di coronavirus.

Il regime di aiuti vuole sostenere le aziende che incontrano difficoltà a causa della perdita di reddito e liquidità risultanti dall'impatto economico dell'epidemia di coronavirus. In particolare, aiuterà le imprese a coprire i bisogni immediati di capitale circolante o le esigenze di investimento.  Verranno anche promosse e sostenute la ricerca e la produzione di prodotti correlati al coronavirus.

In cosa consiste il regime italiano

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.