Incentivi al reimpiego di personale: ripartiti i fondi per l'anno finanziario 2011

Euro banknotes - foto di Friedrich.KrombergPubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del 4 maggio 2011 del Ministero del lavoro e delle politiche sociali concernente la ripartizione dei fondi, ai sensi della legge 7 agosto 1997, n. 266, in materia di "Incentivi al reimpiego di personale con qualifica dirigenziale e sostegno alla piccola impresa". Quasi un milione di euro le risorse suddivise a livello regionale sulla base della distribuzione delle imprese che occupano fino a 249 dipendenti.

Secondo l'art. 20 della citata Legge, a tali imprese e ai consorzi tra di esse, che assumano, anche con contratto di lavoro a termine, dirigenti privi di occupazione, è concesso, per ciascuno dei predetti lavoratori, un contributo pari al 50% della contribuzione complessiva dovuta agli istituti di previdenza per una durata non superiore a dodici mesi e nei limiti dell'autorizzazione di spesa stabiliti per l'anno in questione.

Ai fini della concessione del beneficio vengono stipulate convenzioni tra l'agenzia per l'impiego, le associazioni rappresentative delle  imprese e le confederazioni sindacali dei dirigenti.

Le Regioni, attraverso la Agenzie regionali per il lavoro ove presenti, sono tenute a comunicare al Ministero del lavoro i decreti di ammissione delle aziende alla concessione del beneficio di cui alla legge n. 266/97 all'atto della loro emissione. In particolare, entro il prossimo 30 settembre, dovranno trasmettere una relazione sull'applicazione della norma nella quale saranno riportati:

  • il numero dei decreti emanati nei limiti delle risorse assegnate ad ogni singola Regione;
  • il numero e la denominazione delle imprese ammesse ai benefici di legge;
  • il numero dei dirigenti assunti;
  • il totale delle risorse impegnate a fronte delle risorse attribuite con decreto alle singole Regioni.

L'erogazione dei benefici avviene mediante conguaglio. Al termine di ciascun anno gli istituti previdenziali chiedono al ministero del Lavoro e della previdenza sociale il rimborso degli oneri sostenuti.

Di seguito la ripartizione delle risorse per l'anno in corso:

  • PIEMONTE 74.921,32 euro;
  • VALLE D'AOSTA  2.503,56 euro;
  • LOMBARDIA 170.520,17 euro;
  • PROV. DI BOLZANO 9.086,99 euro;
  • PROV. DI TRENTO 8.437,92 euro;
  • VENETO 85.399,17 euro;
  • FRIULI VENEZIA GIULIA 19.657,57 euro;
  • LIGURIA 28.373,67 euro;
  • EMILIA ROMAGNA 81.782,92 euro;
  • TOSCANA 71.119,61 euro;
  • UMBRIA 14.650,46 euro;
  • MARCHE 28.095,49 euro;
  • LAZIO 81.412,02 euro;
  • ABRUZZO 20.213,92 euro;
  • MOLISE 4.450,77 euro;
  • CAMPANIA 67.781,54 euro;
  • PUGLIA 51.091,14 euro;
  • BASILICATA 7.510,68 euro;
  • CALABRIA 22.439,30 euro;
  • SICILIA 56.005,54 euro;
  • SARDEGNA 21.790,23 euro,

per un totale complessivo di 927.244 euro.

Legge 7 agosto 1997, n. 266

Decreto Direttoriale del 4 maggio 2011 (Gazzetta Ufficiale n. 164 del 16 luglio 2011)

Warrant Group    Igea Banca  Cespim    Euradia  Tecla Studio Gallo

Metro  Edotto   innovazione2 AteneoWeb  Rinnovabili  TechEconomy   Professionisti

Unicom Ati  Anes  Cdo Roma e Lazio   ANA Lazio  PickCenter    Alpha Network    IAI   MET

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.