Toscana: bando Investire in cultura, finanziamenti per 5 milioni di euro

Firenze - foto di pedro_qtcLa Toscana investe in cultura. Cinque milioni di euro. Obiettivo: valorizzare il patrimonio culturale regionale e dei siti Unesco. Il piano, dal titolo indicativo - Investire in cultura - si rivolge agli enti pubblici e privati e si sviluppa in quattro linee d'azione. C'è tempo fino al 30 novembre per presentare domanda di accesso ai contributi regionali.

Sostegno agli enti locali per interventi di investimento nella cultura: la prima lina d'azione intende incentivare investimenti per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico o di interesse culturale, dando priorità a quegli interventi che puntano al completamento e alla funzionalizzazione di progetti già finanziati dalla Regione. I progetti dovranno pevedere investimenti compresi fra 100.000 e 1 milione di euro.

Sostegno agli Enti pubblici e privati senza scopo di lucro per la realizzazione di progetti di valorizzazione del patrimonio culturale con particolare attenzione ai siti Unesco e a proposte di candidature nella "Lista Patrimonio dell’Umanità": fra i siti candidati, le ville e i giardini medicei. Tale linea d'azione prevede inoltre la partecipazione all’organizzazione dell’Assemblea generale dell’Icomos internazionale - ong che punta alla conservazione dei monumenti storici e dei siti mondiali, che farifeirmento all'Unesco - che si terrà a Firenze nel 2014 e la costituzione di un gruppo di lavoro cui prenderanno parte Regione Toscana, ministero per i Beni e le attività culturali, comune e provincia di Firenze, la fondazione Romualdo Del Bianco, Icomos nazionale.

Promozione di studi di fattibilità per la valorizzazione del patrimonio culturale, propedeutici a futuri investimenti

Monitoraggio sull’attuazione e sull’impatto degli investimenti nei beni culturali in Toscana: tale linea dazione prevede attività di monitoraggio degli interventi e supporto tecnico ai soggetti attuatori in collaborazione con Sviluppo Toscana e Artea, con particolare attenzione alle opere pubbliche strategiche.

Enti pubblici e privati possono presentare le proposte progettuali entro il 30 novembre 2012.

Warrant Group    Igea Banca  Cespim    Euradia  Tecla Studio Gallo

Metro  Edotto   innovazione2 AteneoWeb  Rinnovabili  TechEconomy   Professionisti

Unicom Ati  Anes  Cdo Roma e Lazio   ANA Lazio  PickCenter    Alpha Network    IAI   MET

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.