PPP e concessioni: alla ricerca di punti fermi

InfrastruttureL'Istituto Grandi Infrastrutture organizza un convegno sulle PPP per affrontare un tema fondamentale per la crescita e lo sviluppo del Paese: colmare il grave gap infrastrutturale dell'Italia attraverso il concorso del capitale privato. 

PPP - cresce mercato in Italia, ma servono competenze

Il 25 ottobre, alle ore 15.30, presso l'Università LUMSA, si terrà il convegno IGI "PPP e concessioni: alla ricerca di punti fermi"

L'idea di organizzare un incontro sulla tematica nasce a seguito del convegno che si è svolto il 18 luglio scorso presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze

Mentre la Ragioneria Generale dello Stato ha lanciato una consultazione estesa ai vari stakeholder pubblici e privati sulla nuova versione del contratto-tipo per le PPP, l'Istituto Grandi Infrastrutture ha voluto organizzare un convegno centrato sulle debolezze dimostrate dal Codice degli Appalti nell'affrontare lo scenario di grande arretratezza infrastrutturale del Paese. 

PPP - consultazione MEF su schema di contratto standard

Il convegno verterà su alcuni temi cruciali tra cui, a titolo esemplicativo e non esaustivo:  

  • il ventaglio di configurazione con cui il Codice, in modo confuso, esplora gli strumenti applicativi PPP, quindi il Project Financing, le concessioni, il leasing, il PPP propriamente detto, fino ad arrivare alle concessioni di servizi;
  • gli attori, di parte privata delle operazioni in PPP, che non possono essere limitati alla sola figura del costruttore, configurando il PF come un sottoprodotto del regime degli appalti, cosí come è sin dalla Merloni ter;
  • maggiore attenzione alla figura del 'gestore', che svolge un ruolo chiave nel periodo di una concessione e che ad oggi, in Italia, rappresenta una categoria imprenditoriale quasi assente e poco regolamentata;
  • il "Rischio amministrativo", cioè l'intricato meccanismo di norme e di responsabilità delle varie pubbliche amministrazioni che, irrimediabilmente, scoraggia la finanza privata dall’intervenire in Italia.

Codice Appalti - a novembre entra nel vivo la riforma

I temi, dunque, sono molto ampi e trasversali e sarà un qualificato panel di specialisti a trattarli. I membri del panel appartengono sia alla sfera pubblica che alla sfera privata.

In definitiva l'ormai prossimo convegno, sulla base del lavoro svolto dal 2015 al 2018 dalla Ragioneria Generale dello Stato e sull’onda delle tanto attese nuove modifiche al Codice degli Appalti, drammaticamente tornate alla ribalta con i tragici fatti di Genova del 14 agosto 2018, si propone di stimolare una serie di interrogativi per permettere al Paese, dopo più di 20 anni di stagnamento, di attrarre capitale privato per l'infrastrutturazione

Infrastrutture e tecnologia - le priorita' nei Paesi in via di sviluppo

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.