Export - le iniziative ICE per l’agroalimentare

Fiere ICE Agroalimentare: photocredit Rudy and Peter SkitteriansGiappone e Romania. Sono queste le destinazioni delle iniziative dell’ICE per la promozione del food&wine italiano nel mondo, a cui è possibile aderire tra settembre e ottobre.

Decreto Crescita - credito d'imposta per le fiere internazionali

All’interno del Piano Ordinario di promozione del Made in Italy 2019, i fondi destinati all’internazionalizzazione del comparto dell'agroalimentare ammontano a 4,6 milioni di euro, pari al 26,6% della dotazione complessiva. Grazie a queste risorse l’ICE, l'Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, sta realizzando iniziative prioritariamente nei paesi europei e asiatici ed incentrate sulla partecipazione ai più importanti eventi promozionali del settore.

Export Italia: Presentato il nuovo rapporto ICE-ISTAT

Missione imprenditoriale in Giappone

Promossa dall’ICE in collaborazione con Confindustria e sotto l’egida del Ministero dello Sviluppo economico, la missione imprenditoriale che avrà come tappa Tokyo e Osaka si svolgerà dal 10 al 14 novembre 2019.

L'iniziativa, rivolta alle PMI italiane, intende sostenere la penetrazione commerciale dei prodotti del Made in Italy di alta gamma che, con l’entrata in vigore il 1 febbraio 2019 dell’Accordo di Partenariato Economico (EPA) tra l’Unione Europea e il Giappone, potranno usufruire della quasi totale eliminazione di dazi.

UE-Giappone - entra in vigore l’accordo di partenariato economico

Allo stato attuale l’Italia si colloca al diciasettesimo posto tra i paesi fornitori di prodotti alimentari e bevande del Giappone, con una quota pari al 1,7% sul totale delle importazioni.

Alla missione possono partecipare le aziende italiane dei seguenti prodotti:

  • Pasta, pane, cereali, farine, prodotti da forno;
  • Salumi (solo se già muniti di certificazione per l’importazione in Giappone);
  • Formaggi;
  • Olio d’oliva, altri oli;
  • Sali, aceti, specie, condimenti;
  • Zuccheri, marmellate, miele;
  • Vegetali e frutta trasformata e conservata in scatola, sottolio, sottaceti, salse;
  • Prodotti ittici trasformati e conservati in scatola, sottolio, sottaceti, salse;
  • Dolci, snack;
  • Caffè.

In particolare l'iniziativa è indirizzata sia alle imprese che ancora non operano in Giappone ma che, grazie alla missione, possono esplorare nuove opportunità di business, sia a quelle aziende che già esportano sul mercato nipponico ma che intendono consolidare e ampliare la propria attività nel Paese.

Ad oggi il programma, sia per Tokyo che per Osaka, prevede attività di degustazione ed incontri con operatori selezionati dall’ufficio ICE di Tokyo e un calendario di visite a realtà locali.

Oltre alle aziende del comparto agroalimentare, la missione è aperta anche alle imprese del settore “moda - donna”.

Per aderire c’è tempo fino al 13 settembre 2019. Al fine di preparare le aziende italiane alla missione, soprattutto quelle nuove al mercato nipponico, l’ICE ha redatto un’utile guida contenente le principali informazioni su consumi e abitudini alimentari giapponesi, dazi, dogane ed etichettatura, nonché sul marketing e sui principali formati dei prodotti venduti.

Fondo Rotativo 394-81: nuovi finanziamenti per internazionalizzazione

> Consulta la guida

> Consulta la circolare

Degusta Italia 2019 - L’evento ICE in Romania

Giunta alla sua terza edizione, l'iniziativa “Degusta Italia - Bucarest” quest’anno si svolgerà il 19 novembre, nell'ambito della IV edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo.

L'evento mira, in particolare, a mettere in contatto le aziende italiane con la domanda romena e moldava di prodotti Made in Italy, attraverso la realizzazione di una giornata di promozione delle eccellenze italiane del settore food&wine, destinate sia al retail che al settore horeca

L'iniziativa, che prevede un massimo di 25 partecipanti, è indirizzata sia ad aziende che ad enti e consorzi italiani, attivi nei settori:

  • Prodotti agroalimentari: salumi, formaggi, olive, conserve pesce e ortaggi, prodotti di panificazione e da forno, pasta, sughi, condimenti, salse; piatti pronti, surgelati, caffè, dolciumi (sia per il food service, che per GDO e negozi gastronomia);
  • Vini e bevande alcoliche in bottiglie di capacità inferiore o uguale a 0,75 cl. 

Nel 2018 sono state 19 le aziende italiane partecipanti all’evento e che hanno avuto la possibilità di incontrare oltre 80 operatori romeni tra aziende, importatori, distributori, buyers di grandi reti di vendita al dettaglio, Ho.Re.Ca. e negozi di gastronomia, wine-bar.

La Romania rappresenta un interessante mercato di sbocco per i prodotti agroalimentari italiani, attestandosi al 18 posto tra i mercati di destinazione delle nostre merci. Nel 2018 l'export agroalimentare italiano nel Paese ha raggiunto i 371 milioni di euro, mentre nei primi tre mesi del 2019 ha toccato i 64 milioni di euro.

L’Italia è il quinto partner commerciale delle aziende romene nel settore agroalimentare, con una quota del 6,8%, dopo Germania, Ungheria, Polonia e Paesi Bassi.

Per aderire all’evento c’è tempo fino al 20 ottobre 2019. I posti disponibili saranno assegnati in base all’ordine cronologico di arrivo delle domande.

Agroalimentare - come ridurre l’impronta ambientale delle filiere?

> Consulta la circolare

Agevolazioni per partecipare alla Basler Weinmesse

Grazie all’accordo di rappresentanza siglato con l'ente fieristico MCH Messe Basel l’11 giugno scorso, inoltre, l'Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane (ICE) offre alle imprese italiane del comparto vino e agli enti di promozione territoriale come le Aziende Speciali o le Regioni, di partecipare alla manifestazione fieristica a costi ridotti.

L'offerta si rivolge principalmente ad aziende speciali di promozione e consorzi, oltre che naturalmente ad aziende vitivinicole medio-grandi

L’accordo siglato da ICE prevede che i soggetti italiani che manifestano all’Agenzia il proprio interesse a prender parte all’evento che si svolgerà a Basilea, in Svizzera, dal 26 ottobre al 3 novembre 2019, possano usufruire delle scontistiche ottenute da ICE.

La fiera del vino di Basilea è l’evento enologico più rilevante della regione collocata sul Reno e situata al confine tra Svizzera, Germania e Francia. Con i suoi 30 mila visitatori e in virtù della sua posizione geografica, la Basel Weinmesse può quindi costituire per le aziende italiane un’importante occasione di business e networking.

Collocata al centro di 3 paesi grandi importatori di vino, infatti, alla fiera prendono parte, ogni anno, importatori, distributori, newcomers, ma anche decisori del settore della ristorazione che colgono l’opportunità offerta dalla fiera per approfondire i nuovi trend, le novità in termini di prodotti e per effettuare gli ordini.

In particolare, ai soggetti italiani che prenderanno parte all’evento, si applicherà uno sconto del 15% sull’affitto della superficie espositiva e sul pacchetto di servizi, che varia dalla comunicazione all'organizzazione pratica dello stand.

ICE ha previsto, inoltre, la presenza di uno Stand Collettivo Piccoli Produttori.

Per aderire all’evento tramite ICE e usufruire delle scontistiche riservate alle aziende e consorzi italiani, c’è tempo fino al 31 agosto 2019.

OCM Vino - i fondi per la campagna vitivinicola 2019

> Consulta la circolare informativa ICE

Photocredit: Rudy and Peter Skitterians da Pixabay 

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.