CETA: Commissione UE, proposte su tribunale per risoluzione controversie

CETA: Photocredit: jessica45 da PixabayLa Commissione europea ha presentato al Consiglio quattro proposte di norme specifiche per il concreto funzionamento dell’Investment Court System (ISC), il tribunale per la risoluzione delle controversie previsto nell’accordo commerciale CETA. 

I bilanci sul CETA a due anni dall’entrata in vigore provvisoria

Dopo l’ok da parte della Corte di giustizia europea sulla compatibilità dell’Investment Court System con il diritto UE, arrivato a maggio 2019, la Commissione ha elaborato adesso quattro norme procedurali che, se approvate dal Consiglio, dagli Stati membri e poi dal Canada, permetteranno il funzionamento del meccanismo ISC.

CETA: Corte Giustizia UE, ok a tribunale per risoluzione controversie

Sebbene, infatti, i fondamenti dell’Investment Court System siano già stabiliti all’interno dell’accordo, lo strumento interpretativo comune sul CETA (Joint Interpretative Instrument) concordato tra le parti a ottobre 2016 prevede l'impegno a rendere operativo il sistema, non appena l'accordo entrerà in vigore.

E proprio a tal fine sono destinate le quattro proposte che la Commissione ha adesso sottoposto al Consiglio.

Ontario: in arrivo nuove gare per trasporti e ospedali

Le proposte della Commissione per il funzionamento dell’ISC

Le quattro proposte procedurali per garantire l’effettiva entrata in funzione dell’Investment Court System includono:

  • le norme che stabiliscono il funzionamento del Tribunale d'appello. In questo modo sarà garantita un'efficace funzione di ricorso - la prima del suo genere -  negli accordi di investimento internazionali;
  • un codice di condotta per i membri dell'ICS, con l’obiettivo di rafforzare  ulteriormente l’adozione dei più elevati standard etici, già contenuti nell'accordo;
  • le regole per la mediazione delle controversie in materia di investimenti, un'area che gli accordi di investimento tradizionali hanno finora ampiamente ignorato;
  • le regole relative alle interpretazioni vincolanti che permetteranno alle Parti firmatarie del CETA di mantenere il controllo sull'interpretazione dell'accordo.

Investimenti esteri - come funziona il primo quadro di screening UE

Quando entrerà in vigore l’Investment Court System?

Il tribunale per la risoluzione delle controversie entrerà in funzione solo quando tutti i paesi membri dell’UE avranno completato le procedure di ratifica del CETA, in linea con quanto previsto dalle singole normative nazionali (ad oggi sono 13 i paesi che hanno già ratificato l’accordo).

Sebbene, infatti, parte del CETA sia già in atto in modalità provvisoria, la parte relativa all’ISC è una di quelle che entrerà in funzione soltanto dopo che i parlamenti nazionali degli Stati membri si saranno espressi in maniera positiva sul testo.

Mercato appalti UE: linee guida sulla partecipazione di paesi terzi

Del resto, il sistema dell’Investment Court System rappresenta una novità assoluta nell’ambito degli accordi commerciali. Il tribunale, infatti, pone in essere il nuovo approccio dell'UE in materia di controversie sugli investimenti, con l’obiettivo di eliminare il rischio di abusi. Pertanto dopo il CETA, l’UE ha deciso di prevedere l’adozione dell’Investment Court System anche nell’ambito degli altri accordi commerciali che sta già negoziando con Singapore, Vietnam e Messico.

Commercio: con l'accordo UE-Singapore Bruxelles punta sul sudest asiatico

Photocredit: jessica45 da Pixabay

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.