Nasce l’Italian business register, per favorire l’export italiano

Export: Photocredit: Gerd Altmann da PixabayDa questo mese le imprese italiane che operano sui mercati esteri hanno a disposizione uno strumento in più per dialogare con buyers e fornitori. Il sistema camerale, infatti, ha varato la versione in inglese del registro delle imprese che facilita la fruizione dei documenti ufficiali sulle aziende italiane.

Manovra 2020: ecco i fondi a sostegno dell’internazionalizzazione

Italianbusinessregister. Si chiama così la nuova piattaforma gestita dal sistema camerale che permette di consultare direttamente in inglese i dati del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio. Si tratta di un vero e proprio motore di ricerca che, d’ora in avanti, permetterà agli operatori esteri di ottenere direttamente in inglese i principali documenti e informazioni sulle imprese italiane.

Export - SACE e SIMEST lanciano il nuovo portale a misura di PMI

Quali informazioni sono consultabili sul sito?

La nuova piattaforma possiede funzionalità di ricerca avanzate che, con pochi passaggi, consentono di ottenere informazioni puntuali sui 6 milioni di aziende italiane e i 10 milioni di persone che le amministrano. Informazioni che variano da quelle più semplici (denominazioni, sedi etc.), a quelle più dettagliate. 

In particolare, consultando il portale, l’operatore estero (ma anche l’impresa italiana interessata ad avere in inglese i documenti che la riguardano) sarà in grado di ottenere agevolmente tre tipologie di informazioni:

  • Il Company report, con le informazioni personali, legali, economiche e fiscali di un'azienda, così come riportate nel Registro delle Imprese italiano (registrazione, nome, dettagli, contatti, indirizzo della sede legale, PEC, sede legale, uffici secondari e unità locali, codice fiscale/partita IVA, natura giuridica, data di fondazione, oggetto sociale, ripartizione del capitale sociale, attività svolte, eventuali certificati di qualità, certificazioni, posizioni amministrative, posizioni di controllo e qualifiche, organi sociali, proprietari e partner con quote, presenza in altri registri, possesso di ruoli e licenze);
  • Gli Annual Accounts, ovvero i bilanci, nonché i risultati economici dell'esercizio finanziario stesso;
  • Le “Lists of companies”. Attraverso l’uso di filtri, infatti, il portale permette di estrarre degli elenchi personalizzati di imprese, sia semplici (con informazioni solo sul nome dell'azienda e sui dati geografici), sia più strutturati in cui, in aggiunta ai dati di base, si possono ottenere anche informazioni su: dati economici, personale e ulteriori informazioni di contatto.

La versione in inglese del Registro delle imprese, infatti, possiede tutte le principali informazioni dell'originale italiano (realizzato fin dal 1996, anno di nascita, in modalità online) e rappresenta, pertanto, l’archivio ufficiale, completo e aggiornato, delle informazioni pubbliche relative alle imprese operanti in Italia, tenute per legge a iscriversi alle Camere di Commercio. 

Export: le iniziative ICE per il sistema moda e arredo

I vantaggi dell’Italian business register

La nuova piattaforma facilita molto il flusso di informazioni certificate tra le imprese italiane e le controparti estere. Tre, in particolare, sono i vantaggi offerti dal nuovo portale.

Il primo riguarda le imprese italiane coinvolte in attività di import-export. D’ora in avanti, infatti, per le aziende italiane diventa più semplice fornire la documentazione in inglese alle autorità straniere che ne facciano richiesta. Con il nuovo portale, infatti, è adesso possibile ottenere un rapporto di registrazione della società senza dover ottenere una traduzione giurata, con un considerevole risparmio sia in termini di tempo che di denaro. 

Ad essere avvantaggiati, poi, sono anche gli operatori esteri. Grazie al motore di ricerca, infatti, per le imprese estere diventa più semplice apprendere la situazione giuridica e le principali informazioni economiche di una società italiana. Con pochi passaggi online il sistema mette a disposizione un documento in inglese facilmente comprensibile, caratterizzato dall’affidabilità delle informazioni che provengono da una fonte ufficiale come è, appunto, il sistema camerale italiano.

Un ulteriore vantaggio offerto dall’Italian business register è quello relativo alla certezza delle informazioni scaricate. Sulla prima pagina dei documenti in inglese, infatti, è presente un "QR Code" che permette di verificare agevolmente che il documento in loro possesso corrisponda a quello in archivio presso il registro delle imprese al momento dell'estrazione. Il servizio è particolarmente economico, poiché non ci sono costi di traduzione: i rapporti di registrazione dell'azienda in inglese costano effettivamente quanto i rapporti in italiano.

ICE-Amazon: prorogata la deadline per aderire al progetto

Perchè un portale in inglese?

La necessità della versione inglese del registro delle imprese nasce anche dalla grande quantità di richieste di documenti in inglese sulle imprese italiane, che ogni anno sono avanzate sia dalle stesse società italiane che da operatori esteri.

Su quest’ultimo fronte i dati sono davvero significativi. Al 30 settembre scorso, infatti, il numero di richieste di questi documenti attraverso il portale nazionale ammontava a 360.000, provenienti da 112 paesi, con in testa alla classifica il Regno Unito (18% del totale) seguito da: Stati Uniti (11%), Germania (8%), India (6%) e Singapore (3%).

Brexit: ecco le misure di tutela del Parlamento UE in caso di no-deal

Grazie all’Italian business register, pertanto, il sistema camerale intende facilitare la circolazione di quelle informazioni necessarie a selezionare le imprese con cui operare e fare affari, sostenendo in ultima istanza la proiezione internazionale delle aziende italiane.

Photocredit: Gerd Altmann da Pixabay

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.