ICE: per le PMI servizi gratis per l’export

Servizi ICE gratis sull'export: Photocredit: Michael Gaida da PixabayDal prossimo aprile i servizi di avvio all’export erogati dall’ICE diventeranno gratuiti per le imprese fino a 100 dipendenti. Ecco come cambia il catalogo ICE dei servizi di sostegno all’export.

Dazi USA: ecco le misure ICE a sostegno delle imprese colpite

Tra circa quattro mesi, le piccole e medie imprese italiane potranno appoggiarsi all’ICE senza pagare nulla per ricevere assistenza su tutta una serie di servizi per l'apertura dei mercati esteri.

Secondo Carlo Ferro, Presidente dell’Agenzia ICE, si tratta di “una rivoluzione copernicana che rimette le imprese al centro del sistema di promozione all’export”.

Internazionalizzazione: le competenze passano agli Esteri

Quali saranno i servizi gratuiti dell’ICE per le PMI?

Il nuovo catalogo che è stato rivisto dal CdA dell’ICE offrirà servizi sia per “Conoscere” i nuovi mercati sia per “Crescere” all’estero, consolidando la propria presenza su mercati stranieri.

In questi due filoni, 20 servizi saranno gratis per tutte le imprese.

Per quelle, invece, che hanno fino a 100 dipendenti i servizi gratuiti saranno di più e includeranno una serie di attività propedeutiche sia all’apertura che al consolidamento di nuovi mercati esteri come:

  • l’accesso a servizi e informazioni generali e di primo orientamento;
  • ricerche di mercato;
  • statistiche personalizzate;
  • informazioni doganali, fiscali legali e valutarie;
  • assistenza nella soluzione di controversie o per la partecipazione a gare internazionali;
  • servizi di ricerca clienti, partner o investitori esteri.

Per un periodo di tempo determinato, inoltre, le imprese potranno anche usufruire delle strutture ICE all’estero.

Il nuovo catalogo dei servizi ICE sarà presto consultabile sul sito dell’Agenzia. Nel frattempo, però, è chiaro che per attività che vanno dal primo orientamento fino allo scouting di nuovi clienti, tra qualche mese le PMI italiane potranno avvalersi gratuitamente dei servizi ICE.

Nasce l’Italian business register, per favorire l’export italiano

I flying desk

Secondo Ferro la decisione di estendere la gratuità dei servizi per le imprese medio-piccole che conferma la strategia dell’ICE di rimettere “al centro le imprese”, va letta assieme alla recente creazione dei desk regionali.

Nei mesi passati, infatti, l’ICE ha inaugurato 16 Flying Export Desk. Si tratta di un'iniziativa promossa in collaborazione con partner territoriali come le Regioni, Gruppo CDP e Sistema camerale che garantisce, una volta a settimana, assistenza in loco alle imprese sulle tematiche dell’export.

I Flying Desk sono presenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto, e rappresentano anche un collegamento diretto con i 79 uffici ICE all’estero.  

Il servizio è accessibile su prenotazione.

Sace-Simest e Unicredit sostengono l’export su canali e-commerce

Photocredit: Michael Gaida da Pixabay

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.