ICE: per le PMI servizi gratis per l’export

Servizi ICE gratis sull'export: Photocredit: Michael Gaida da PixabayDal 1° aprile molti dei servizi per l’export erogati dall’ICE diventano gratuiti. Una scelta decisa nei mesi passati, ma resa ancora più urgente dalla crisi economica causata dal Coronavirus. Ecco come cambia il catalogo ICE e quali servizi diventano gratis.

Coronavirus: cosa prevede il decreto Cura Italia per l'export

L’ICE cambia faccia e mette gratuitamente a disposizione delle imprese molti dei suoi servizi prima a pagamento. Il cambio di paradigma era stato annunciato già lo scorso dicembre ma, con l’esplosione della pandemia da coronavirus, la scelta è diventata un passaggio obbligato per cercare di sostenere l’export italiano, duramente colpito dalla crisi.

Piano promozione Made in Italy 2020: in arrivo 716 milioni di euro

20 “Servizi per Conoscere” tutti gratis

Il nuovo catalogo è il risultato di una grande operazione di restyling dei servizi ICE che sono stati semplificati e in parte anche accorpati per evitare inutili duplicazioni. Il nuovo catalogo ICE, quindi, adesso prevede in tutto 28 servizi, articolati in due sole sezioni.

La prima riguarda i “Servizi per Conoscere”. Si tratta di 20 tipologie di attività che includono sia servizi che erano già gratuiti, sia alcuni che prima erano a pagamento e ora non lo sono più, tra cui: 

  • La realizzazione di un dossier di base sulle potenzialità di un dato prodotto/servizio in uno specifico mercato; 
  • L'individuazione di operatori locali; 
  • La fornitura di elenchi di professionisti locali, generalmente iscritti ad albi professionali (come interpreti, traduttori, avvocati, commercialisti, tecnici, etc.); 
  • Elaborazioni statistiche con grado intermedio di personalizzazione in funzione delle specifiche esigenze e caratteristiche del cliente; 
  • Elaborazione di informazioni su dazi doganali, certificazioni obbligatorie, normative fiscali, requisiti di etichettatura dei prodotti, norme sul lavoro nel paese d’interesse del cliente; 
  • La ricerca di mercato elaborata in funzione delle esigenze e caratteristiche dell’azienda; 
  • L’assistenza e la ricerca di una soluzione amichevole e stragiudiziale per le controversie di natura commerciale tra aziende italiane ed estere; 
  • La partecipazione a gare tramite il reperimento di bandi di gara; l’individuazione - ove possibile - delle aziende partecipanti al bando ed aggiudicatarie; l’organizzazione di incontri con le stesse; la segnalazione di professionisti locali per gli aspetti contrattuali.

3 “Servizi per Crescere” sono gratis per le imprese fino a 100 dipendenti

Alla sezione “Servizi per Conoscere”, si affianca quella che prevede 8 servizi che, in linea di massima, restano invece a pagamento. Si tratta di quei personalizzati a valore aggiunto, che l'ICE' già eroga da tempo a pagamento e che continuano a restare tali.

Tuttavia, per le imprese che hanno fino a 100 dipendenti, 3 di questi 8 servizi diventano gratis. Si tratta di: 

  • La ricerca di clienti e partner esteri; 
  • La ricerca di investitore estero;
  • L’utilizzo delle strutture ICE, per massimo tre giorni all’anno.

Tuttavia, per poter accedere gratuitamente a questi servizi, le imprese dovranno confermare di essere le utilizzatrici finali del servizio, con l'esclusione di consulenti/intermediari e conseguente divieto di cessione a terzi.

Le misure del gruppo CDP contro il coronavirus: dall’accesso al credito all’export

I flying desk

La decisione di estendere la gratuità dei servizi per le imprese medio-piccole conferma la strategia dell’ICE di rimettere al centro le imprese, va letta assieme alla recente creazione dei desk regionali.

Nei mesi passati, infatti, l’ICE ha inaugurato 16 Flying Export Desk. Si tratta di un'iniziativa promossa in collaborazione con partner territoriali come le Regioni, Gruppo CDP e Sistema camerale che garantisce, una volta a settimana, assistenza in loco alle imprese sulle tematiche dell’export.

I Flying Desk sono presenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto, e rappresentano anche un collegamento diretto con i 79 uffici ICE all’estero. Il servizio è accessibile su prenotazione.

Nasce l’Italian business register, per favorire l’export italiano

Photocredit: Michael Gaida da Pixabay

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.