La ripresa UE parte dall’edilizia green: come sara’ Renovation Wave

Renovation Wave - Photo by Juhasz Imre from PexelsLa strategia europea che va sotto il nome di Renovation Wave è considerata essenziale per la ripresa post-Coronavirus. Al centro avrà l’edilizia sostenibile e le ristrutturazioni green. Per definirne accuratamente il profilo, la Commissione ha lanciato una consultazione aperta fino al 9 luglio.

> Il piano UE per la ripresa è green: al centro idrogeno, edilizia e trasporti

Intorno alla strategia Renovation Wave l’attenzione è crescente. Anche nel corso dell’ultimo incontro in videoconferenza, il 15 giugno, i ministri dell’Energia UE hanno sottolineato il ruolo chiave che gli investimenti nella ristrutturazione di edifici avranno per la ripresa economica, mostrando grande attesa per la presentazione della strategia da parte della Commissione. 

Perchè Recovery Plan e Green Deal puntano sull’edilizia?

La strategia che va sotto il nome di Renovation Wave è fra quelle considerate essenziali per la ripresa post-Coronavirus.

Aumentare le prestazioni energetiche degli edifici significa infatti consumare meno energia e risparmiare denaro, sostenendo al contempo un settore che pesa molto in termini occupazionali. 

Cardini dell'iniziativa saranno le soluzioni per l'energia rinnovabile, il riscaldamento e il raffreddamento avanzato, la gestione dei rifiuti, la mobilità sostenibile e la coesione sociale. 

Attraverso un duplice supporto, normativo e finanziario, Renovation Wave intende centrare obiettivo di raddoppiare il tasso di rinnovo annuale del parco immobiliare esistente. Obiettivo che, sotto il profilo finanziario, si intende centrare tramite il raddoppiamento della finestra "Infrastrutture sostenibili" di InvestEU

Gli Stati membri - si legge nella comunicazione europea sul piano di ripresa Next Generation EU - potranno utilizzare a tal fine anche i fondi del Recovery and resilience Facility, in linea con le priorità individuate nell'ambito del semestre europeo o dei Piani nazionali energia e clima. 

La tabella di marcia

In base alla tabella di marcia pubblicata dalla Commissione, Bruxelles pubblicherà una comunicazione e un piano d'azione su Renovation Wave nell'autunno 2020. 

Prima però è previsto un periodo di 4 settimane per il feedback pubblico: la Commissione ha infatti avviato una consultazione pubblica - che resterà aperta fino al 9 luglio - per raccogliere le opinioni degli stakeholder sull’iniziativa. 

Punti di vista e contributi possono essere inviati da una vasta gamma di parti interessate, tra cui autorità nazionali, regionali e locali, imprese, sindacati, organizzazioni della società civile, consumatori, rappresentanti del mondo dell’educazione, della ricerca e dell’innovazione, così come dai singoli cittadini.

> Consultazione pubblica sulla strategia Renovation Wave

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.