Finanza digitale: passi avanti verso la strategia fintech UE

Strategia finanza digitale: proposta Commissione UEIn vista della presentazione della strategia per la finanza digitale prevista in autunno, la Commissione europea compie una serie di passi in avanti per definire il piano europeo sul tema fintech. Concluso il ciclo di eventi di sensibilizzazione e in chiusura la consultazione pubblica. 

Digital Europe: finanziamenti per la trasformazione digitale

In considerazione degli effetti che la pandemia di coronavirus ha avuto su vari settori economici e sulle abitudini di consumo, definire una strategia per la finanza digitale appare sempre più come una priorità per le istituzioni e gli Stati membri dell'UE.

"La pandemia ci ha dimostrato quanto dipendiamo dalle tecnologie digitali e questo è vero anche per i servizi finanziari. Con clienti e impiegati delle istituzioni finanziarie obbligati a stare a casa, fare transazioni online è rapidamente diventato da convenienza a necessità" e "questo processo non si fermerà. Il digitale è il futuro della finanza", ha affermato il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis.

Questa dichiarazione si colloca nel quadro della conferenza di chiusura del Digital Finance Outreach (DFO) 2020: una serie di incontri e iniziative sul tema della finanza digitale. 

Strategia fintech: quali passi sono stati fatti?

La conferenza conclusiva del DFO 2020 è la tappa finale di un complesso di 19 eventi nazionali organizzati insieme agli Stati membri, che si sono tenuti tra febbraio e giugno 2020 e hanno richiamato più di 2mila partecipanti nei settori delle tecnologie finanziarie e dell'innovazione digitale nel settore finanziario.

Questi eventi, che hanno offerto l'opportunità di riunire i principali protagonisti della finanza digitale provenienti da tutta l'UE, hanno contribuito a far conoscere i lavori in corso e quelli futuri della Commissione in tema di finanza digitale.

"Siamo all'ascolto di un gran numero di persone diverse nel mondo delle fintech, per aiutarci a definire la nostra prossima strategia per la finanza digitale. Le tecnologie digitali saranno essenziali nei prossimi anni per integrare ulteriormente i nostri mercati, finanziare politiche chiave come il Green Deal europeo, costruire un'autentica Unione dei mercati dei capitali e sostenere il forte ruolo internazionale dell'Europa e dell'euro", ha spiegato Dombrovskis.

Parallelamente nell'aprile 2020 la Commissione europea ha:

  • avviato una consultazione pubblica, che si concluderà il 26 giugno, per definire la strategia per la finanza digitale;
  • ospitato un hackathon paneuropeo, in collaborazione con gli Stati membri, per collegare innovatori, partner e acquirenti in tutta Europa al fine di sviluppare soluzioni innovative per le sfide connesse al coronavirus.

Fintech e coronavirus 

A proposito dell'importanza del ruolo delle tecnologie finanziarie nella società ai tempi del Covid-19, il vicepresidente Dombrovskis ha dichiarato che il digitale "ha aiutato le persone a fare gli acquisti essenziali mantenendo la distanza sociale. I mercati dei capitali hanno continuato a funzionare. La digitalizzazione è stata vitale per la continuità dei business in quarantena".

Dombrovskis si dice fermamente convinto a proposito dell'"abbracciare la finanza digitale e renderla popolare" come strumento di supporto per l'occupazione e la crescita in Europa. Per fare questo, però, bisogna superare ancora "molti ostacoli", come ad esempio quelli che impediscono alle start up di sfruttare il potenziale del mercato interno per via delle licenze che restano nazionali.

Per rimuovere molte delle barriere regolatorie tra Paesi, la Commissione UE prevede di presentare la proposta definitiva della strategia per la finanza digitale in autunno.

Servizi digitali, via alla consultazione sulla normativa UE

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.