BEI – investimenti in aumento, ma pesa incertezza politica

Rapporto BEI sugli investimentiL'82% delle imprese italiane ha effettuato investimenti nel corso del 2017. Un dato inferiore alla media UE (84%), ma che segna un'inversione di tendenza rispetto agli anni della crisi, supportata anche da super iper ammortamento, Piano Industria 4.0 e fondi in legge di Bilancio.

BEI - Italia primo beneficiario per finanziamenti nel 2017

Efficienza energetica – Kyoto Club e EU-ASE, Italia cambi passo in UE

Efficienza energeticaIn una lettera al ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, Kyoto Club e EU-ASE chiedono di far prevalere la saggezza a tutela delle imprese, cambiando la posizione italiana in Europa in favore dell’efficienza energetica.

Il difficile negoziato UE su rinnovabili ed efficienza energetica

ISMEA - la gestione del rischio non decolla al Sud

Mercato assicurativo agricoloPiù giovane, strutturata e capitalizzata della media nazionale, è attiva nel Nord Italia e impiega personale con professionalità elevate. E' l'identikit dell'azienda assicurata tipo, secondo il rapporto ISMEA sulla gestione del rischio in agricoltura.

Piano assicurativo agricolo 2018 – contributi per la gestione del rischio

Startup – sono veramente innovative?

StartupSaranno pur definite startup innovative, ma non si può dire che siano digitali: meno della metà di quelle iscritte al Registro, infatti, possiede un sito funzionante. Un dato non solo "anacronistico", ma che pone un problema di trasparenza.

Incubatori – pochi investimenti in startup, e solo da privati

Una blockchain per la gestione dei Fondi UE post 2020

Blockchain processSemplificazione, trasparenza ed efficacia sono 3 termini che ricorrono sovente quando si parla di spesa pubblica. La gestione dei bilanci è sempre estremamente complessa e quello dell’Unione Europea non è da meno, con tutti gli interventi che prevede e il loro carattere transnazionale. Inoltre non si dimentichi che solo alcuni dei paesi membri usano l’euro, con ulteriori complicazioni.

Quale governance per la politica di coesione post 2020

Startup Day – un piano e 5 miliardi per rilanciare l'innovazione

Startup Day - Photo credit: Anna Gaudenzi, TwitterMettete attorno a un tavolo oltre 40 esponenti dell'innovazione italiana, tra startup, investitori e imprenditori e avrete una proposta per dare nuova linfa a un settore in crisi: un piano da 5 miliardi in 5 anni.

Incubatori – pochi investimenti in startup, e solo da privati

Terremoto: rapporto CRESME-ISI sulla sicurezza sismica in Italia

Terremoto ItaliaIncentivi e riduzione del rischio sismico in Italia: cosa fare, come fare. Dal Centro Ricerche Economiche Sociali e di Mercato nell’Edilizia (CRESME) e l'associazione Ingegneria Sismica Italiana (ISI) uno studio per migliorare la sicurezza sismica degli edifici sul territorio nazionale.

Legge Bilancio - aiuti per Enti, imprese e popolazioni in zone terremotate

Startup - quante sono e quanto valgono

Startup - Photo credit: faceless ekone via Foter.com / CC BY-NC-SA Aggiornato il 2 febbraio 2018 Quasi 1.000 startup iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese in sei mesi, toccando quota 8.391 a fine 2017. Milano si conferma capitale italiana delle neo-imprese.

Finanziamenti startup e innovazione

Politica Coesione: Comitato Regioni, priorita' semplificazione

Comitato Europeo RegioniSecondo il Comitato europeo delle Regioni il punto di vista delle autorità regionali e locali dovrebbe guidare il lavoro di semplificazione dei fondi europei post 2020.

Fondi europei – Politica Coesione, meno regole e piu' semplici

Fondi UE - Erasmus+ piace a giovani e professionisti

Programma ErasmusFinora sono 1,8 milioni le persone che hanno partecipato a progetti di mobilità finanziati dal programma Erasmus+. I dati della valutazione di medio termine pubblicata dalla Commissione UE.

Erasmus+: borse piu' ricche per studio e tirocinio all'estero 

Rinnovabili – Coordinamento FREE a Governo, urge emanazione decreti

Rinnovabili - Photo credit: Ceinturion Un ulteriore slittamento nell’emanazione dei decreti attuativi per lo sviluppo delle rinnovabili metterebbe a rischio l’industria del settore in Italia, vanificando gli sforzi fatti finora. E’ l’appello del Coordinamento FREE al ministro Calenda.

Il difficile negoziato UE su rinnovabili ed efficienza energetica

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.