Elezioni Usa - vittoria Trump, invito a darsi alla politica

Più che Hillary Clinton ad essere sconfitta è una politica che negli ultimi anni non è riuscita ad avere progetti, visioni e a fare riforme in grado di assicurare benessere ai cittadini, pure in una nazione dove la disoccupazione è sotto il 5% e la ripresa economica è stata molto più veloce che in Europa.

Donald Trump

Dopo la Brexit e i risultati elettorali in diversi Paesi europei anche negli Usa trionfa quindi il populismo, insoddisfatto e attento solo a chi dà voce al crescente malessere anziché a chi potrebbe essere in grado di attivare iniziative politiche di rilievo.

E il problema sta proprio qui. La società non riesce più ad esprimere candidati di elevata statura, sembra impossibile trovare persone che possano davvero avere un impatto positivo sul governo dei Paesi.

La civiltà delle nazioni, soprattutto dell'Occidente, si misura anche con il livello culturale dei cittadini e di chi la rappresenta, e ormai pare molto difficile invertire il trend di degrado.

La rivoluzione digitale, Internet, i social network, con la loro pervasività, invece che contribuire ad alzare il livello culturale sembrano solo alimentare la spirale di messaggi centrati sull'imbarbarimento del dibattito e sull'annientamento dei ragionamenti. I classici sondaggi sono ormai spesso sbagliati, mentre chi monitora la rete riesce a presagire i risultati elettorali.

Si preclude così la via al progresso, termine di cui forse oggi molti hanno dimenticato il significato.

Dopo la caduta dell'Impero Romano il mondo ha vissuto 10 secoli di Medioevo, e per molte aree geografiche le barbarie non si sono mai concluse, basta vedere cosa succede in Siria o in tanti paesi africani.

Quale evoluzione della società industriale ci aspetta con l'attuale classe politica?

Negli anni è difficile ricordarsi di un candidato/a che si è votato con convinzione, ci si è sempre affidati al meno peggio, sperando di trovare una persona capace e onesta alla prossima tornata.

E' ora che questa speranza si converta in un invito - formale e concreto - a persone perbene e preparate a darsi alla politica, consapevoli che il termine significa arte del governare e che l'obiettivo è il progresso sociale e civile delle nazioni, il benessere dell'umanità, oltre che quello dei propri cittadini.

Photo credit: Gage Skidmore

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.