Fondi europei – rapporto Europe Direct su Politica Coesione e Piano Juncker

Un rapporto dello Europe Direct di Terni illustra le principali novità della Politica di Coesione 2014-2020, anche in relazione al Piano Juncker

Corina Cretu - © European Union, 2016/Source: EC - Audiovisual Service /Photo: Anthony Dehez

Fondi Ue - Bruxelles valuta Politica Coesione 2007-2013

Fondi Ue: guida per l'accesso ai finanziamenti

Una panoramica delle opportunità offerte dai fondi strutturali e di investimento europei (FESR, Fondo di Coesione, FSE, FEASR, FEAMP) e dalla loro combinazione con i principali programmi gestiti dalla Commissione europea e con il Piano Juncker. E' quanto proposto dal report 'Politiche di coesione 2014-2020. Tra sostenibilità e Piano per gli Investimenti per l'Europa', a cura dello Europe Direct di Terni.

Dopo aver passato in rassegna le principali innovazioni della nuova programmazione - dalle condizionalità ex-ante ed ex post al Quadro strategico comune per tutti i cinque fondi SIE, dalla regola del disimpegno automatico (n+2) alla nuova classificazione delle aree regionali europee - il report si concentra sull'inedita attenzione riservata nel ciclo 2014-2020 al tema dello sviluppo urbano sostenibile.

Si tratta di una novità che apre a un maggior coinvolgimento delle città quali possibili organismi intermedi di gestione e implementazione di interventi e finanziamenti, attraverso la riserva del 5% delle risorse PO FESR per le azioni urbane integrate innovative e mediante il Programma europeo Urban Innovative Actions che finanzia studi e progetti pilota per l'identificazione o il test di nuove soluzioni rientranti nello sviluppo sostenibile e di rilevanza a livello dell' Unione.

URBACT III - bando Ue per best practice di sviluppo urbano

Il report affronta poi il tema delle sinergie tra i fondi SIE e il Piano Juncker per gli investimenti e il ruolo degli strumenti finanziari, che mirano a sostenere attività in grado di generare ritorni di capitale, nella logica rotativa, e ad attirare capitali privati in aggiunta a quelli pubblici.

Infine, il rapporto illustra l'opportunità di combinare i fondi strutturali e di investimento europei con altri programmi Ue, in particolare Horizon 2020, Cosme, Erasmus ed Europa Creativa, attraverso finanziamenti a valere sui fondi SIE alternativi, paralleli/complementari, sequenziali o simultanei/cumulativi a quelli assegnati direttamente dalla Commissione europea.

Le Politiche di Coesione 2014-2020

© European Union, 2016/Source: EC - Audiovisual Service /Photo: Anthony Dehez

      

             

                   

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.