Rinnovabili: inizia l'era del fotovoltaico e la Cina guida gli investimenti

Rinnovabili - Photo credit: ASCOM Prefeitura de VotuporangaLe rinnovabili hanno assicurato i due terzi della nuova potenza elettrica installata a livello mondiale. Merito soprattutto della Cina.

Horizon - work programme 2018-2020 per il settore energia

Green e Digital - l'energia del futuro secondo i big italiani

Il Paese del dragone o, sarebbe il caso di dire, del Sole, traina gli investimenti nelle rinnovabili, in particolare nel fotovoltaico. A testimoniarlo, il rapporto Renewables 2017 dell'International Energy Agency e il Renewable Energy Country Attractiveness Index di Ernst & Young.

Siamo nell’era del fotovoltaico

Nel 2016 le fonti rinnovabili hanno generato i due terzi della nuova potenza elettrica installata a livello mondiale. A fare la parte del leone, il fotovoltaico, che lo scorso anno ha visto aumentare la propria capacità produttiva del 50% (raggiungendo i 74 GW ddi nuova potenza installata).

Cifre fornite dal rapporto Renewables 2017 dell'International Energy Agency (IEA).

Le rinnovabili sono già arrivate al 24% del totale dell'elettricità prodotta nel mondo, e nel 2022 raggiungeranno il 30%, preparandosi così a sorpassare il carbone. Nello specifico, in base alle stime elaborate dall’Agenzia, lo scenario relativo al periodo 2017-2022 vedrà la comparsa di nuova potenza elettrica per un ammontare di 920 GW.

“Le energie rinnovabili aumenteranno di 1.000 gigawatt entro il 2022: è circa la metà dell'attuale capacità che il carbone ha costruito in 80 anni”, dichiara il direttore esecutivo dell’agenzia, Fatih Birol.

“Quello a cui stiamo assistendo è la nascita di una nuova era nel fotovoltaico determinata dalla continua discesa dei prezzi”. Era che, sul fronte dell’energia elettrica, si è già aperta e che Paolo Frankl, responsabile del settore rinnovabili dell'IEA, definisce “irreversibile”.

Pechino guida la rimonta del fotovoltaico

Una rimonta, quella del solare, dovuta alle politiche cinesi: l’Agenzia riconosce il Paese del dragone come il leader indiscusso della crescita del fotovoltaico.

Il +50% di capacità registrata dal fotovoltaico a livello globale, infatti, è dovuta quasi unicamente alla Cina, che da sola ha contributo circa alla metà di tale crescita.

Segue l’India, che raddoppierà la sua dotazione di rinnovabili entro il 2022 sorpassando l'Unione europea come capacità produttiva di elettricità da fonti green.

Nelle stime fornite sempre dall’IEA al 2022, la Repubblica popolare cinese continuerà a dominare il mercato, insieme a India e Stati Uniti: entro quella data i tre Paesi, da soli, accentreranno i due terzi dell'espansione mondiale rinnovabile.

Va da sé che la superpotenza mondiale del fotovoltaico traini anche gli investimenti nelle rinnovabili. A dirlo il Renewable Energy Country Attractiveness Index di Ernst & Young, che in linea con i dati forniti dall’International Energy Agency pone al secondo posto tra i Paesi più attraenti per chi vuole investire nelle rinnovabili l’India, seguita dagli USA.

Per trovare l’Italia si deve scendere al 18esimo posto.

Renewable energy country attractiveness index

Anche Google punta sulle rinnovabili: entro l’anno sarà 100% green

Entro fine anno tutta l’energia utilizzata da Google per le proprie operazioni nel mondo, dagli uffici ai data center, verrà da fonti rinnovabili. A darne l’annuncio, in un tweet, l’ad Sundar Pichai condividendo il rapporto ambientale 2017 del colosso di Mountain View.

Dal 2010, si legge nel report, Google si è impegnata a investire quasi 2 miliardi e mezzo di dollari in progetti per le rinnovabili, per una capacità totale di 3,7 GW. Cifre non da poco se si pensa che i centri dati di Big G consumano in media la metà dell’energia di un normale data center.  

> International Energy Agency: Renewables 2017

Warrant Group    Igea Banca  Cespim    Euradia  Tecla Studio Gallo

Metro  Edotto   innovazione2 AteneoWeb  Rinnovabili  TechEconomy   Professionisti

Unicom Ati  Anes  Cdo Roma e Lazio   ANA Lazio  PickCenter    Alpha Network    IAI   MET

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.