Aiuti di Stato

Aiuti di Stato - © European Union, 2015La concessione di agevolazioni dipende dalle regole UE sugli aiuti di Stato, vale a dire il trasferimento di risorse pubbliche a favore di alcune imprese o produzioni che, attribuendo un vantaggio economico selettivo, falsa o minaccia di falsare la concorrenza.

Gli aiuti di stato possono riguardare dal sostegno agli investimenti delle PMI agli incentivi per la realizzazione di infrastrutture sportive e ricreative, dai contributi alla cultura e all'audiovisivo a quelli per i settori dell'energia e dell'ambiente.

Gli aiuti di Stato (concessi per via amministrativa o per legge) possono determinare distorsioni della concorrenza, favorendo determinate imprese o produzioni. Possono essere compatibili con il Trattato di Lisbona, solo se realizzano obiettivi di comune interesse chiaramente definiti.

  • Carbosulcis - foto di CarbosulcisLa Commissione europea dà il via a due indagini approfondite sul sostegno italiano nella regione sarda del Sulcis-Iglesiente. Da un lato, l'Esecutivo comunitario intende valutare la conformità con le norme Ue in materia di aiuti di stato delle misure di sostegno superiori a 400 milioni di euro concesse dall'Italia dal 1998 a favore di Carbosulcis, l'impresa che gestisce la miniera di carbone di Nuraxi Figus. Dall'altro, Bruxelles vuole verificare se le sovvenzioni che l'Italia intende concedere al "progetto Sulcis" siano in linea con le normative comunitarie.

  • Modem - foto di Aravind SivarajA seguito di una denuncia, la Commissione europea ha avviato un'indagine sulla joint venture tra la Provincia di Trento e Telecom Italia per la costruzione di un’infrastruttura in fibra ottica. Obiettivo dell'inchiesta è verificare che il progetto sia compatibile con la normativa comunitaria sugli Aiuti di Stato. Sotto la lente dell'Esecutivo Ue c'è il conferimento, da parte della Provincia di Trento, di 50 milioni di euro alla joint venture Trentino NGN, cui Telecom dovrebbe contribuire con il trasferimento dei diritti relativi alla sua infrastruttura in rame esistente.

  • EuroNell'ambito della sua iniziativa di modernizzazione delle norme sugli aiuti di Stato, la Commissione europea intende presentare, entro la fine del 2013, una proposta di revisione del regolamento per gli aiuti di importanza minore o de minimis. Per farlo Bruxelles ha lanciato una consultazione pubblica aperta alle autorità pubbliche e a tutti i soggetti interessati.

  • Consultazione pubblicaAl via una consultazione pubblica sugli Aiuti di Stato. A lanciarla, la Commissione europea, che intende così individuare i casi in cui queste forme di finanziamento possono creare distorsioni del mercato, minandone la competitività. Commenti e suggerimenti sul tema possono essere inviati fino al prossimo 5 ottobre. Sulla base delle indicazioni ricevute, l'esecutivo comunitario definirà, a fine anno, una nuova regolamentazione, che verrà poi proposta a Consiglio e Parlamento Ue.

  • Materiali metallici - foto di SpejoBlancoNegroLa Commissione europea ha adottato i criteri cui gli stati devono fare riferimento per la concessione di aiuti alle industrie energivore, diretti a compensare l'incremento dei prezzi dell'energia elettrica derivante dall'integrazione dei costi delle emissioni di gas serra in applicazione del sistema ETS. Produzione di rame, acciaio e alluminio, ma anche carta, cotone, prodotti chimici, fertilizzanti e materie plastiche, i settori ammissibili alla compensazione.

  • Pollution - foto di racineurL'Esecutivo comunitario intende aiutare i settori industriali più esposti all'aumento dei costi dell'elettricità - causato dal sistema europeo di scambio delle emissioni, Emission Trading System - ammettendoli ad aiuti di stato speciali. Secondo una bozza visionata dal portale di informazione europea EurActiv, il nuovo regime riguarderà 14 comparti.

  • Joaquín Almunia - Credit © European Union, 2012Un uso più efficiente delle risorse pubbliche, evitando distorsioni della concorrenza nel mercato interno. Questi gli obiettivi della comunicazione sulla riforma degli aiuti di Stato volta a favorire una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, proposta oggi dalla Commissione europea.

  • vasco errani, foto di Regione Emilia-RomagnaLa conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome ha approvato nei giorni scorsi un documento sulla “revisione degli orientamenti sugli aiuti di stato a finalità regionale”. Nel testo stilato dalla conferenza, presieduta da Vasco Errani, le Regioni hanno esposto alla Commissione la loro posizione, appellandosi allo Stato affinché si impegni attivamente nel negoziato per la revisione degli orientamenti 2007-2013.

  • audiovisual service ecPiù concorrenza e trasparenza, costi minori per gli utenti. Sono alcuni dei benefici per imprese e cittadini contenuti nel pacchetto sugli aiuti di stato nei servizi di interesse economico generale adottato dalla Commissione europea a fine dicembre, operativo da fine gennaio nel nostro paese. Un corpus di norme che sostituisce il “Monti-Kroes” del 2005. Su questo tema, la presidenza del Consiglio dei Ministri, dipartimento delle Politiche comunitarie – d’intesa con Assonime - ha promosso un dibattito, mercoledì 7 marzo.

  • Europa - fonte: NASAIn vista della scadenza degli orientamenti e del regolamento generale in materia di Aiuti di Stato a finalità regionale, fissata al 31 dicembre 2013, la Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica sulla revisionedelle attuali normative. Fino al prossimo 26 aprile, dunque, le parti interessate potranno segnalare se, ed entro quali limiti, sia necessario apportare variazioni alle regole vigenti. In Italia, amministrazioni centrali e regionali, rappresentanti delle autorità locali e delle parti economiche e sociali hanno già cominciato a riunirsi per fissare la posizione del paese in risposta al sondaggio Ue.

  • Cantiere navale - foto di Dr.Conati“E' essenziale incoraggiare l’innovazione nella costruzione navale per favorire la competitività di questa industria”. Queste le parole del vicepresidente e Commissario per la concorrenza, Joaquin Almunia, quando, lo scorso dicembre, ha annunciato l'adozione, da parte della Commissione Europea, di una revisione delle norme per la valutazione degli aiuti di stato nel settore della cantieristica, in vigore dal primo gennaio 2012, fino al 31 dicembre 2013.

  • Justice icon - immagine di Erasoft24Gli Stati membri non possono erogare Aiuti di Stato prima che questi siano stati notificati alla Commissione europea e da questa autorizzati, altrimenti vengono considerati illegali. E' quanto stabilisce l'articolo 108, paragrafo 3, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE). Sia l'esecutivo comunitario che i giudici nazionali provvedono a mettere in atto le relative azioni di controllo.

  • Money - photo by Julien JorgeIn arrivo nuove norme sugli aiuti di Stato. Presentato dal vicepresidente della Commissione europea e responsabile della concorrenza Joaquìn Almunia il nuovo pacchetto normativo per la valutazione della compensazione pubblica per i servizi di interesse economico generale (SIEG), che introduce un approccio più proporzionato agli aiuti pubblici e una maggiore attenzione alla concorrenza.

  • Cinema - foto di GobeirneCi sarà tempo fino al prossimo 30 settembreper presentare osservazioni nell'ambito del riesame dei criteri utilizzati per applicare le norme UE,in materia di aiuti di Stato, al sostegno finanziario che i Paesi membri concedono per la produzione e la distribuzione dei film. Questo il tema della consultazione pubblica organizzata dalla Commissione. E' stato pubblicato, inoltre, un documento nel quale vengono individuati alcuni punti su cui riflettere come la competizione per attirare grandi produzioni cinematografiche mediante aiuti di Stato e il finanziamento di attività diverse dalla produzione.

  • European Commission - Credit © European Union, 2011A novembre 2011 terminerà la validità del quadro legislativo che disciplina la concessione degli aiuti di Stato per i servizi di interesse economico generale (SIEG), il cosiddetto State aid Package on Services of General Economic Interest, noto anche come "pacchetto post-Altmark". La Commissione europea ha lanciato una comunicazione per discutere come migliorare le regole esistenti, in vista della riforma della materia prevista per la fine dell'anno in corso.

  • Help icons - immagine di Sasa Stefanovic Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 dicembre 2010 rivolta alle Pubbliche Amministrazioni che intendono concedere Aiuti di Stato alle imprese, dando attuazione alla Comunicazione della Commissione europea del 1° dicembre 2010, recante il «Quadro temporaneo dell'Unione per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'accesso al finanziamento nell'attuale situazione di crisi economica e finanziaria».

  • Shipbuilding - Foto di Yoshi CanopusGli aiuti di Stato al settore della costruzione navale sono stati disciplinati nel 2004 da una normativa specifica che, a seguito di due proroghe, una nel 2006 e l'altra nel 2008, giungerà a scadenza nel 2011. A questo proposito la Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica per raccogliere i pareri delle parti interessate alla discussione circa l’eventuale modifica o abrogazione della disciplina esistente.

  • Commissione europea - Credit © European Union, 2010Con la Comunicazione della Commissione europea 2009/C 83/01 "Quadro temporaneo per gli aiuti di Stato destinati a favorire l'accesso al finanziamento nel contesto della crisi economica e finanziaria attuale" gli Stati UE sono stati autorizzati ad adottare aiuti temporanei nei confronti delle imprese che non risultassero in difficoltà alla data del 1 luglio 2008. Salvo deroghe la scadenza di queste misure è fissata al 31 dicembre 2010.

  • Repubblica Italiana - immagine di FlankerPubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13 maggio 2010 con cui si apportano modifiche al DPCM dello scorso 3 giugno 2009, recante: «Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea - Quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuti di Stato a sostegno dell'accesso al finanziamento nell'attuale situazione di crisi finanziaria ed economica».

  • Impresa - Immagine di SlashmeDi prossima pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il Decreto attuativo della Delibera CIPE n. 110 del 18/12/2008, recante criteri e modalità di funzionamento del Fondo per il finanziamento degli interventi consentiti dagli Orientamenti U.E. sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà.Il Fondo sarà operativo 10 giorni dopo la suddetta pubblicazione.

  • Fiat - foto di PlutzAmmonta a 16 milioni di euro l'aiuto di stato autorizzato dalla Commissione europea volto a supportare la produzione di cambi per automobili nello stabilimento piemontese dellaFiat Powertrain Technologies S.p.A.(FPT). La misura è stata proposta dalle autorità italiane che intendono investire nella FPT, contribuendo all'installazione dinuovi macchinari ed impianti.
  • WirelessApprovati gli aiuti di Stato per colmare il divario digitale in Lombardia, in linea con la normativa europeasulle reti a banda larga adottata lo scorso settembre. I finanziamenti pubblici saranno concessi agli investitori privati in seguito all'indizione di una gara pubblica, al fine di stimolare la competitività nel settore. L'aiuto sarà disponibile solo per supporti adeguati al passaggio di molteplici fibre, a cui avranno libero accesso gli operatori interessati, senza limiti di tempo.
  • Fibre OtticheLa Commissione europea ha emanato delle linee guida per l’applicazione delle norme in materia di aiuti di Stato al finanziamento pubblico delle reti a banda larga. Il documento aiuterà gli Stati membri ad accelerare e potenziare lo sviluppo delle broadband networks e contiene disposizioni specifiche per le reti d’accesso di nuova generazione.
  • ECUn Codice delle migliori prassi (Best Practice Code) e una procedura semplificata sono i due elementi di un pacchetto che la Commissione europea ha adottato per migliorare l’efficacia, la trasparenza e la prevedibilità delle procedure sugli aiuti di Stato, promuovendo anche la cooperazione volontaria tra Commissione e Stati membri.  Si raggiunge così una tappa importante del processo di riforma avviato nel 2005.
  • La Commissione europea ha adottato una Comunicazione che estende fino al 31 dicembre 2012 la validità dei criteri per valutare gli aiuti di Stato destinati alla produzione audiovisiva su cui si basano i regimi di sostegno nazionali, regionali e locali per l'industria cinematografica. Nell'UE si spendono annualmente circa 1,6 miliardi di euro per supportare il settore audiovisivo.
  • La Commissione europea ha adottato un nuovo regolamento per l'approvazione automatica di una serie di aiuti senza che gli Stati membri debbano notificarli alla Commissione stessa per concederli.  Questo nuovo regolamento generale di esenzione per categoria (RGEC) riunisce in un unico testo le norme precedentemente contenute in cinque distinti regolamenti e amplia le categorie di aiuti di Stato che beneficiano dell'esenzione, in favore delle PMI, dellla ricerca e innovazione, dello sviluppo regionale, della formazione, dell'occupazione, del capitale di rischio, della tutela dell'ambiente e delle misure di sostegno alla promozione dell'imprenditorialità.
  • L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare 42/E-2008 con cui fornisce istruzioni agli Uffici in ordine alle controversie per le quali trova applicazione il nuovo articolo 47-bis del D.Lgs. n. 546 del 1992, sul recupero di aiuti di Stato dichiarati incompatibili in esecuzione di una decisione adottata dalla Commissione europea ai sensi ell’articolo 14 del Regolamento (CE) n. 659/1999. Le istruzioni riguardano la sospensione degli atti volti al recupero dei suddetti aiuti e la definizione delle relative controversie.
  • La Commissione europea ha deciso di deferire l'Italia alla Corte di giustizia per mancato rispetto di una sua decisione del 14 dicembre 2004 che ha dichiarato incompatibili col mercato unico gli incentivi fiscali a favore di imprese partecipanti ad esposizioni all'estero. Ha chiesto inoltre il recupero di 123 milioni di euro da nove banche privatizzate derivanti dalla irregolare applicazione dell'imposta sostitutiva sulle plusvalenze latenti generate nel corso delle privatizzazione secondo quanto disposto dalla Finanziaria 2004.
  • Con decreto 7 dicembre 2007 del ministero dello Sviluppo economico, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di venerdì 21 dicembre, Supplemento ordinario n. 279, è stabilito l'elenco delle aree ammesse agli aiuti di Stato a finalità regionale per il periodo 2007-2013.

  • Corte CassazioneLe società in house non sono immuni dal recupero degli aiuti di Stato illegittimi da parte dell'Agenzia delle Entrate.

    Tutti i regolamenti UE su fondi strutturali e aiuti di Stato

    Aiuti Stato – Reg. 1084-2017, modifiche a Regolamento generale esenzione

  • Palazzo Chigi - photo credit: agenziamiTra le misure previste dal decreto Dignità per il contrasto alla delocalizzazione e la tutela dei posti di lavoro rientra la restituzione dei benefici ricevuti dalle imprese che nei cinque anni successivi all’ottenimento di un aiuto di Stato riducano l’occupazione di oltre il 10% senza giusta causa.

    Lavoro - cosa prevede il decreto dignita'

  • Incentivi assunzioni - photo credit: Amtec PhotosProrogati fino al 2020 gli incentivi alle imprese per le assunzioni di giovani under 35. E' una delle novità della legge n. 96-2018, conversione del decreto Dignità.

    Lavoro - cosa prevede il decreto dignita'

  • European Commission - photo credit: LIBER EuropeLa Commissione europea ha deciso di prorogare per due anni una serie di regolamenti e linee guida sugli aiuti di Stato in scadenza nel 2020 e ha avviato una valutazione circa l'opportunità di aggiornare queste e altre norme in materia in futuro.

    Modificato Regolamento UE per esoneri controlli su aiuti di stato

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.