Fondi UE post 2020

Fondi europeiIl Quadro finanziario pluriennale (QFP) stabilisce i limiti dei bilanci generali annuali necessari all'Unione per attuare politiche comuni e affrontare numerose sfide, al suo interno e nel mondo.

Il QFP 2014-2020 rappresenta una piccola parte della spesa pubblica totale dell'Unione, pari a circa l'1% del reddito nazionale lordo (RNL) complessivo dei 28 Stati membri e solamente a circa il 2% della spesa pubblica dell'UE.

Per il prossimo QFP la Commissione europea ha presentato diverse alternative - e le relative conseguenze finanziarie - per predisporre un bilancio dell'UE a lungo termine nuovo e moderno, che consenta di realizzare in modo efficiente gli obiettivi prioritari dei cittadini europei dopo il 2020. Tali scelte determineranno la portata e l'ambizione del primo Quadro finanziario pluriennale dell'Unione a 27 e definiranno il livello di ambizione dell'Europa negli anni a venire.

Oltre a finanziare politiche tradizionali, come la Politica Agricola Comune (PAC) e la Politica di Coesione, e programmi a gestione diretta, quali il Meccanismo per collegare l'Europa, Erasmus, Europa Creativa, Life, Horizon, secondo la Commissione europea il prossimo QFP dovrebbe sostenere nuove politiche comuni, in materia di sicurezza, difesa, gestione delle frontiere esterne e digitalizzazione.

Le proposte della Commissione, attese per maggio 2018, verteranno anche sulle modalità di finanziamento del QFP, sulla base delle conclusioni del gruppo di alto livello sulle risorse proprie dell'Unione.

Photo credit: Thijs ter Haar

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.