Incentivi Energie Rinnovabili

Photo credit: Zereshk (uploader). Ali Madjfar (Photographer) / Foter / CC BY-SAIstituito per la prima volta in Italia nel 1992, il sistema di incentivi per la produzione di energia da fonti rinnovabili elettriche non fotovoltaiche (idroelettrico, geotermico, eolico, biomasse, biogas) attualmente in vigore è regolato dal decreto ministeriale del 6 luglio 2012, in attuazione dell’art. 24 del del d.lgs. 28/2011.

In base al decreto, il “costo indicativo cumulato annuo degli incentivi” non potrà superare i 5,8 miliardi di euro. Stando agli aggiornamenti forniti dal contatore GSE del “costo indicativo cumulato annuo degli incentivi” riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici, ci si avvicina al raggiungimento del tetto di spesa dei 5,8 miliardi. Il Ministero dello Sviluppo economico ha annunciato novità in tal senso a fine maggio 2015, nel corso di un'audizione in Senato: intenzione del dicastero è emanare un nuovo decreto per incentivare le rinnovabili diverse dal fotovoltaico.

  • Un pacchetto di opere del valore di 45milioni di euro, di cui 7,5 finanziati dalla Regione in tre anni, per interventi di viabilità e 3,1 milioni di euro per sostenere economicamente, con prestiti a tasso zero nell'ambito di un fondo rotativo, interventi che perseguono obiettivi di utilizzo dell'energia rinnovabile, con progetti a basso impatto ambientale.
  • Risparmio energetico - foto di WaglioneIl programma operativo multiregione “Energie rinnovabili e risparmio energetico” per le regioni italiane di Puglia, Campania, Calabria e Sicilia (2007-2013) rientra nel quadro dell'obiettivo Convergenza ed ha una dotazione complessiva di circa 1,6 miliardi di euro.
  • Le imprese con unità operativa ubicata in Piemonte, gli enti locali e le istituzioni pubbliche potranno accedere dal mese di aprile ai tre bandi dalla Regione per sostenere interventi per la produzione di beni strumentali per le energie rinnovabili e l'efficienza energetica, la produzione di energia da fonti rinnovabili e per il risparmio energetico. La dotazione finanziaria complessiva è di 140 milioni di euro.
  • La Regione Campania ha predisposto il documento "Linee guida per gli interventi a favore dell'impiego di fonti energetiche rinnovabili e per il risparmio energetico in agricoltura".  L'obiettivo è il contenimento dei consumi energetici ed un maggior ricorso a fonti rinnovabili di energia nel settore agricolo.

  • Il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha emanato il Bando Fonti Rinnovabili, Risparmio Energetico e Mobilità Sostenibile nelle Aree naturali Protette, per il quale sono stati stanziati 1.932.167,33 euro, di cui 1.352.517,131 euro destinati ad interventi relativi alle fonti rinnovabili e al risparmio energetico e 579.650,199 destinati ad interventi di mobilità sostenibile.
  • Un processo di collaborazione tra otto regioni europee per promuovere l’uso delle energie rinnovabili ha preso il via oggi a Bruxelles: Toscana, Navarra, Baden Wurttemberg, Nord Croazia, North West England, Malopolska, Poitou-Charantes e Wallonia hanno dato vita ad un coordinamento volontario per scambiarsi esperienze di piani e programmi volti al miglioramento delle performance dei rispettivi territori nel contesto degli obiettivi e delle opportunità europee.

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.