PAC - Politica Agricola Comune

Author: G.L.S. / photo on flickrLa PAC è una politica in materia di agricoltura comune a tutti gli Stati membri dell’Unione europea e gestita e finanziata con risorse del bilancio annuale dell’Ue.

Dei 52 miliardi di euro a disposizione dell'Italia nell'ambito della Politica agricola comune 2014-2020: 

Circa 27 miliardi di euro, a valere su fondi Ue, sono destinati ai pagamenti diretti del I pilastro;

Circa 21 miliardi di euro servono a finanziare le misure per lo sviluppo rurale del II pilastro, a valere per il 50% sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR), mentre il restante 50% è coperto dal cofinanziamento nazionale;

Circa 4 miliardi di euro sono diretti ai finanziamenti dell’OCM (Organizzazione comune di mercato).

  • Euro banknotes - Photo credit: comedy_nose / Foter / Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)Stanziati dalla Sicilia oltre 7 milioni di euro, a valere sul Programma di sviluppo rurale (PSR), destinati ai Gruppi di Azione Locale (GAL) per attività istituzionali e di marketing territoriale.

  • Recycle - Photo credit: Thomas Hawk / Foter / CC BY-NCIn arrivo 8 milioni di euro per il potenziamento del sistema di trattamento e compostaggio dei rifiuti e 4 milioni di euro per le indennità compensative nelle aree svantaggiate montane e non montane.

  • Imperia Oneglia - vegetables at the Wednesday marketAperti due inviti a manifestare interesse per la sotto-misura 6.3 del PSR 2014-2020 e le misure 121-123 del PSR 2007-2013.

  • Author: 2darkwings / photo on flickr L'Italia non ha ancora ricevuto le osservazioni di Bruxelles sul Programma di sviluppo rurale nazionale 2014-2020 presentato dal Mipaaf il 22 luglio scorso. Il rischio, secondo Fabio Tracagni di Confagricoltura, è che gli strumenti per la gestione del rischio, in particolare i contributi sui premi assicurativi, partano fuori tempo massimo.

  • Wheat head above fieldLa Giunta regionale ha approvato lo stanziamento di ulteriori 34,6 milioni di euro per i bandi 2014 delle misure 121 “Ammodernamento delle aziende agricole”, 123 “Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli” e 133 “Attività di informazione e promozione” del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013.

  • Author: francesco sgroi / photo on flickr Nell'ambito del Programma di sviluppo rurale nazionale 2014-2020 sono state previste alcune misure innovative per la gestione del rischio: i fondi di mutualizzazione e lo strumento per la stabilizzazione del reddito. Ne abbiamo parlato con Domenico Mastrogiovanni della CIA-Confederazione Italiana Agricoltori.

  • TomatoesLa Regione annuncia che nei prossimi giorni sarà lanciato il bando per l’accesso ai finanziamenti a valere sulla misura 6 del PSR 2014-2020 dedicata allo “Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese”.

  • UE FlagLa Regione Basilicata ha inviato a Bruxelles le bozze dei Programmi operativi (POR) a valere sulFondo europeo di sviluppo regionale e sulFondo sociale europeo e del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2020.

  • Agricoltura - Author: Alidada / photo on flickr Il Ministero delle Politiche agricole pubblica il rapporto ambientale del Programma di sviluppo rurale nazionale (PSRN), contenente l'analisi dell'impatto delle misure per la gestione delle acque e la tutela della biodiversità in vista della programmazione 2014-2020.

  • The EU Flag and Castor and PolluxLa Regione Piemonte ha inviato a Bruxelles le bozze relative ai programmi operativi a valere su Fondo europeo di sviluppo regionale e Fondo sociale europeo e al Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020. Gli stanziamenti proposti dalla Regione sono di 965 milioni e 844 mila euro per il POR FESR, 872 milioni e 290mila europer il POR FSE e 1 miliardo e 92 milioni di europer il PSR.

  • EuroLa Regione Sardegna ha approvato e inviato a Bruxelles i Programmi operativi regionali (POR) a valere sul Fondo Europeo Sviluppo Regionale e sul Fondo di Sviluppo Europeo e il Programma Di Sviluppo Rurale 2014-2020. In totale, ammontano a circa 2,7 miliardi di euro le risorse previste per l'attivazione dei programmi.

  • European Union FlagLa Regione Veneto ha inviato a Bruxelles le bozze relative ai programmi operativi regionali a valere su Fondo europeo di sviluppo regionalee Fondo sociale europeo e al Programma di Sviluppo Rurale per il periodo 2014-2020. Gli stanziamenti proposti dalla Regione sono di 600,3 milioni di euro per il POR FESR, 764 milioni e 31mila euro per il POR FSE e 1 miliardo 184 milioni di euro per il PSR.

  • Eu flag - Photo credit: rockcohen / Foter / Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)Ammontano a 55,2 milioni di euro le risorse a disposizione della Valle d'Aosta per l'attuazione del POR FSE 2014-2020E' invece di 64 milioni di euro la dotazione finanziaria del POR FESR 2014-2020, mentre il PSR 2014-2020 usufruisce di un contributo pubblico totale di 138.706.000 euro, tra fondi Ue, nazionali e regionali.

  • Euro - foto di ScriS - www.scris.it Nel periodo 2014-2020, la Provincia Autonoma di Trento disporrà di 108 milioni e 668mila euro per l'attuazione del Programma operativo regionale (POR) del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), altri 109 milioni e 979mila euro per l'attuazione del POR del Fondo sociale europeo (FSE) e 301 milioni e 482mila euro per il Programma di Sviluppo Rurale (PSR).

  • EU FahneNel periodo 2014-2020, la Lombardia avrà a disposizione 970 milioni e 474mila euro per l'attuazione del Programma operativo regionale (POR) del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), altri 970 milioni e 474mila euro  per l'attuazione del POR del Fondo sociale europeo (FSE) e un miliardo e 157 milioni di euro per il Programma di Sviluppo Rurale (PSR).

  • Kalypso Nikolaidis - EULa Regione Lazio ha approvato e inviato a Bruxelles i Programmi operativi regionali (POR) a valere sul Fondo Europeo Sviluppo Regionale, sul Fondo di Sviluppo Europeo e il Programma Di Sviluppo Rurale 2014-2020.

  • Ue - Photo credit: MPD01605 / Foter / Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)La Regione Toscana ha inviato a Bruxelles le bozze relative ai Programmi operativi regionali (POR) a valere su Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR)Fondo sociale europeo (FSE) e il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) per il periodo 2014-2020.

  • Kalypso Nikolaidis - EUIl Friuli Venezia Giulia ha inviato a Bruxelles le bozze relative ai Programmi operativi regionali (POR) a valere su Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e Fondo sociale europeo(FSE) e il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) per il periodo 2014-2020.

  • UE - Photo credit: theilr / Foter / Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)La Regione Marche ha inviato a Bruxelles le bozze relative ai programmi operativi regionali a valere su FESR e FSE e il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) per il periodo 2014-2020.

  • European Commission - Photo credit: tiseb / Foter / Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)La Regione Campania ha inviato a Bruxelles le bozze relative ai programmi operativi regionali (POR) a valere su FESR e FSE e il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) per il periodo 2014-2020.

  • Author: HockeyholicAZ / photo on flickr Per il periodo 2014/2020 la Regione Molise disporrà, nel complesso, di circa 780,5 milioni di euro, tra POR FSE e FESR, Programma di sviluppo rurale (PSR), risorse FEAMP e finanziamenti del Fondo di sviluppo e coesione.

  • Regione Umbria - foto di Consiglio Regione UmbriaLa Regione Umbria ha approvato e inviato a Bruxelles i Programmi operativi regionali (POR) a valere sul Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e sul Fondo sociale europeo (FSE) e il Programma di sviluppo rurale (PSR) 2014-2020. Le risorse complessive sono pari a circa 1,5 miliardi di euro.

  • Euro - Photo credit: micora / Foter / Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)Inviati a Bruxelles dalla Regione Abruzzo i Programmi Operativi Regionali (POR) del Fondo Sociale Europeo e del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale e il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) per il periodo 2014-2020.

  • Regione Emilia-Romagna - foto di Regione Emilia-RomagnaL'Emilia-Romagna ha approvato e inviato a Bruxelles i programmi operativi regionali (POR) a valere sul FESR e sul FSE e il PSR 2014-2020, con risorse complessive pari a circa 2 miliardi e 458mila euro.

  • Agricolture - Photo credit: canadianfamily / Foter / Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)Ammontano a circa 432 milioni di euro le risorse a disposizione del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Regione Abruzzo per il periodo 2014-2020. Dello stanziamento complessivo, 207 milioni di euro provengono dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR).

  • PSR - Photo credit: TexasEagle / Foter / Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic (CC BY-NC 2.0)La Regione Emilia-Romagna approva il nuovo Programma di sviluppo rurale, con una dotazione di un miliardo e 190 milioni di euro per il sostegno e la promozione delle attività agricole nel periodo 2014-2020.

  • Vegetables - foto di avrene Ammontano a un miliardo e 184 milioni di euro le risorse previste per il Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Veneto.

  • Photo credit: ScriS - www.scris.it / Foter / Creative Commons Attribution-NoDerivs 2.0 Generic (CC BY-ND 2.0)Approvati i primi tre programmi del quadro strategico regionale della Valle d’Aosta per il periodo 2014/2020: oltre al Programma di sviluppo rurale (PSR), i POR a valere sul Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e sul Fondo sociale europeo (FSE).

  • Campagna - Foto di Payal VoraAmmontano a 33 milioni di euro le risorse destinate dalla Regione a tre nuovi bandi del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 per l'innovazione delle aziende agricole e il turismo rurale.

  • Fields of gold - foto di djniksAmmontano a 34 milioni di euro le risorse stanziate dalla Regione per le misure 123 “Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli” e 133 “Attività di informazione e promozione” del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013.

  • Crop fields - foto di djniksAmmontano a 34 milioni di euro le risorse stanziate dalla Regione per le misure 123 “Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli” e 133 “Attività di informazione e promozione” del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013.

  • Campagna - Foto di FotoDutch Presentati i primi bandi del PSR, per la nuova programmazione 2014-2020, relativi all'Asse II "Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale". Le risorse stanziate ammontano a 31 milioni di euro.

  • Umbria - foto di Mauvilla1La Regione Umbria rifinanzia alcune misure del PSR per consentire, nel periodo di transizione fra la programmazione 2007-2013 e la PAC, il pieno utilizzo delle risorse.

  • Agricoltura - foto di Laura Fortunato (Archila')La Regione Toscana stanzia circa 110 milioni di euro da destinare alle imprese agricole e forestali che avevano presentato domanda d'accesso ai contributi a valere sul PSR 2007-2013, ma non li avevano ottenuti per carenza di risorse.

  • Agricoltura - foto di NightThreeNell'ambito del Programma di sviluppo rurale 2007-2013, la Regione Emilia-Romagna stanzia 2 milioni e 400mila euro per favorire il primo insediamento di imprenditori agricoli con meno di 40 anni di età.

  • Campi - foto di Martin SojkaLa Regione si prepara a stanziare 60 milioni di euro, a valere sul Programma di Sviluppo Rurale, per i giovani agricoltori, gli investimenti aziendali e le aziende agricole dislocate in montagna.

  • Euro - foto di Images_of_MoneyLa Regione Emilia-Romagna mette a disposizione circa 14 milioni di euro per sostenere la ripresa e rilanciare la competitività delle aziende agricole nelle aree colpite dal sisma del 2012.

  • Agricoltura - foto di Fondazione MachLa Regione Liguria stanzia oltre 49 milioni di euro a favore di imprese agricole ed enti pubblici attraverso la riapertura di 8 misure del Programma di sviluppo rurale (PSR). E sempre la Regione mette a disposizione 2 milioni di euro a valere sul POR FESR per sostenere le reti d'impresa.

  • Campi - foto di Ian Sane Per il periodo 2014-2020 il sistema agricolo veneto potrà contare su circa 3,5 miliardi di euro tra finanziamenti europei, nazionali e regionali.

  • Agricolture - foto di Earl-Wilkerson Il Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione Liguria godrà di 21 milioni di euro in più rispetto alla programmazione precedente. A disposizione per il settennato vi saranno, infatti, oltre 313,6 milioni di euro.

  • Campi - foto di B4beesPresentata a Milano una prima bozza del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) lombardo per il periodo 2014-2020, a valere su risorse pari a oltre 1,1 miliardi di euro.

  • Bosco - foto di Fulvio VaroneIn arrivo un bando da 4,2 milioni di euro per l'attuazione della Misura 227 del PSR 2007-2013 destinata agli investimenti non produttivi nel settore forestale.

  • Campi - foto di Colin-47Approvato il terzo riparto aggiuntivo, pari a circa 10 milioni di euro, per l'ammodernamento delle aziende agricole, nell’ambito della misura 121 del Programma di sviluppo rurale (PSR).

  • Agricoltura - foto di @glucaAgricoltura biologica, tutela della biodiversità e salvaguardia del paesaggio. Sono gli obiettivi per cui la Regione Emilia-Romagna stanzia oltre 10,8 milioni di euro, attraverso due bandi a valere sul PSR 2007-2013.

  • Agricoltura - foto di Hop-FrogLa Commissione europea pubblica una relazione sull'utilizzo dei fondi Ue per lo sviluppo rurale, pari nel settennato 2007-2013 a 96,3 miliardi di euro, circa il 20% del bilancio totale dell'attuale Politica agricola comune.

  • Agricoltura Il 25 settembre si è conclusa la prima fase della consultazione online sul futuro dello sviluppo rurale del Veneto. Sono stati inviati 416 contributi da parte di 30 degli 86 componenti del tavolo di partenariato.

  • Agriturismo - foto di TopruralNon è positivo il giudizio tracciato dalla Corte dei conti europea sull'utilizzo dei fondi comunitari per la diversificazione dell’economia rurale.

  • Campi Sostenere il sistema agricolo lombardo, evitando che la nuova Politica agricola comune(Pac) riduca i finanziamenti alle imprese del territorio. E’ questo l’impegno principale assunto dalla Regione con l’approvazione della proposta di risoluzione concernente la riforma della Pac 2014-2020.

  • Agricoltura - foto di Fon-TinaPer ora si tratta di anticipazioni ufficiose, ma l'11 settembre dovrebbe arrivare una proposta ufficiale: il commissario all'Agricoltura Dacian Ciolos vorrebbe concedere degli anticipi sugli aiuti diretti della Politica agricola comune agli agricoltori che rispettano determinate condizioni di produzione.

  • Agricoltura - foto di Giulia van PeltDalla definizione di agricoltore attivo al regime di aiuto per i piccoli operatori: un documento del Ministero delle Politiche agricole passa in rassegna tutte le scelte che - in base all'accordo sulla Politica agricola comune 2014-2020raggiunto a giugno dalla Commissione europea, dall'Europarlamento e dal Consiglio - gli Stati membri devono assumere per implementare la riforma.

  • Campi - foto di PudelekLa Giunta regionale ha approvato 32 domande dei Gruppi d'azione locale (Gal) nell'ambito del Programma di Sviluppo Rurale (Psr): le risorse assegnate ammontano a 2 milioni di euro, grazie ai quali sarà possibile finanziare i Piani di Sviluppo Locale (Psl) dei Gal e promuovere lo sviluppo rurale e del territorio attraverso il sostegno delle imprese e delle autorità pubbliche.

  • AgricolturaLa Commissione e il Parlamento europei e il Consiglio dell'Unione hanno raggiunto un accordo politico sulla riforma della Politica agricola comune. Fuori dall'intesa gli aspetti economici, che verranno discussi alla luce dell'accordo odierno sulle prospettive finanziarie 2014-2020. Soddisfatto il commissario all'Agricoltura Dacian Ciolos che, in conferenza stampa, ha dichiarato: "Gli orientamenti della Commissione, per un Pac più giusta e attenta alla sostenibilià ambientale, sono stati mantenuti".

  • Asiago - foto di Nordavind Favorire gli investimenti e gli interventi per la diffusione della banda larga nelle aree rurali. E' una delle proposte di modifica del Programma di sviluppo rurale del Veneto presentate dalla Regione alla Commissione europea in sede di Comitato di sorveglianza. Nei prossimi quattro mesi Bruxelles formulerà il proprio parere, in base al quale il PSRveneto potrà essere formalmente modificato.

  • AgricolturaAmmontano a 41 milioni di euro i fondi europei sbloccati oggi con una delibera della Giunta regionale nell'ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013. Le risorse sono destinate alla realizzazione di Progetti Integrati Territoriali (PIT) per la valorizzazione del comparto agricolo laziale.

  • Agricoltura - foto di Hop-FrogCon il decreto ministeriale firmato il 22 maggio, il ministro delle Politiche agricole Nunzia De Girolamo ha sbloccato i pagamenti dei Programmi di sviluppo rurale che erano stati sospesi a causa dell'esaurimento della quota di cofinanziamento regionale. Il decreto, dando attuazione alla delibera Cipe n. 82/2012 - che stabilisce la ripartizione di risorse aggiuntive del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) 2007-2013 per 693 milioni e 772mila euro - permette, infatti, alle regioni e alle province autonome di riprendere l'erogazione degli aiuti del Psr.

  • Green Economy - foto di Keoni CabralUno stanziamento di circa 7 milioni di euro destinato, da un lato, alla realizzazione di attività sociali in campo agricolo, servizi di piccolo commercio, artigianato locale e di servizi turistico-ricreativi e, dall'altro, alla realizzazione di impianti per la produzione, utilizzazione e vendita di energia da fonti rinnovabili per scopi sociali. E' quanto previsto dal provvedimento approvato nelle scorse ore dalla Giunta regionale. Gli interventi rientrano nelle Azioni 2 e 3 della Misura 311 del PSR 2007-2013 per la diversificazione verso attività non agricole.

  • Campagna - Foto di PkoA partire da oggi, privati, Comuni ed Enti pubblici locali potranno presentare la loro domanda per partecipare al nuovo bando del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013, che attua la Misura 227 "Sostegno agli investimenti non produttivi". Le risorse a disposizione del bando ammontano a 10 milioni di euro.

  • Campi - foto di MetocIn vista della scadenza del Programma di sviluppo rurale 2007-2013, la Regione si prepara alla prossima programmazione avviando il confronto con istituzioni, imprese, organizzazioni e associazioni di produttori sulle esigenze e le priorità dell’agricoltura veneta. In questo contesto il 15 maggio a Legnaro (Padova) si è svolto uno degli incontri finalizzati a definire il Psr 2014-2020.

  • Agricolture - foto di KevinLallierArriva dalla Corte dei conti europea un ammonimento per la gestione nazionale e regionale dei fondi destinati alla trasformazione dei prodotti alimentari in alcuni paesi dell'Ue. Presente nella lista nera anche l'Italia, con il Lazio, insieme alla regione spagnola di Castilla e León, alla Francia, alla Lituania, alla Polonia e alla Romania. Nei casi selezionati, avverte la Corte, non vi sono prove che i programmi di trasformazione apportino "valore aggiunto".

  • Agricoltura - foto di Hop-FrogAggiornamento del 18.04.2013 Sono i dossier sui pagamenti diretti e sull'organizzazione comune di mercato (Ocm unica) i protagonisti del primo trilogo tra Parlamento e Commissione europei e stati membri sulla riforma della Politica agricola comune per il settennato 2014-2020. La prima giornata di negoziati - fa sapere il presidente della commissione Agricoltura del Pe Paolo De Castro - ha fatto registrare un accordo di massimo tra eurodeputati e Consiglio sulla definizione del nuove regime di aiuto e sulla definizione di agricoltore attivo, ma la trattativa deve ancora entrare nel vivo, soprattutto sulle misure di mercato.

  • AgricolturaUna riduzione di circa il 5% da applicare a tutti i pagamenti diretti della Politica agricola comune, esentando dal taglio solo i primi 5mila euro di aiuti concessi agli agricoltori. E' la proposta presentata dalla Commissione Ue, dal momento che la previsione di spesa per i pagamenti diretti e per le misure di mercato della Pac, per l'esercizio finanziario 2014, superano il massimale di spesa provvisorio previsto dal Consiglio europeo del febbraio scorso. Proposta prontamente respinta dal Copa Cogeca, l'organizzazione degli agricoltori e delle cooperative dell'Ue.

  • AgricolturaLa Commissione europea pubblica la sua relazione annuale sulla distribuzione globale dei pagamenti diretti, per Stato membro, erogati nel 2011 alle imprese nell'ambito della Politica agricola comune. E rivela che gli aiuti diretti non sono ancora equamente distribuiti tra i beneficiari: in media, l'80% degli agricoltori riceve circa il 20% dei pagamenti (ma con importanti differenze tra i paesi Ue). Un dato in linea con le caratteristiche storiche del sostegno della Pac, che l'Esecutivo comunitario vorrebbe modificare con le sue proposte di riforma per il periodo 2014-2020.

  • Plenaria - PHOTO © European Union 2013Ok degli eurodeputati, riuniti in plenaria a Strasburgo, ai quattro dossier legislativi che compongono la riforma della Politica agricola comune per il periodo 2014-2020 - pagamenti diretti, sviluppo rurale, organizzazione di mercato e regolamento orizzontale su gestione, funzionamento e monitoraggio della Pac - e ai mandati negoziali per la trattativa con la Commissione europea e con gli Stati membri. L'inizio del negoziato è previsto intorno all’11 aprile.

  • EuroTorneranno al bilancio dell'Unione per inosservanza delle norme comunitarie o per inadempienze nelle procedure di controllo della spesa agricola: sono i 414 milioni di euro, indebitamente spesi da 22 Stati membri nell'ambito della Politica Agricola Comune (PAC), che la Commissione europea rivuole indietro dopo aver completato la cosiddetta procedura di liquidazione dei conti. Di questi, 66,2 milioni di euro sono a carico dell'Italia.

  • Frutta - foto di Onef9dayPromuovere la diffusione e la commercializzazione in Italia e all’estero delle produzioni a marchio Dop e Igp, come i vini a denominazione di origine protetta e i prodotti biologici. E’ questo l’obiettivo della misura 133 del Programma di Sviluppo Rurale (PSR 2007-2013), il cui bando attuativo sarà pubblicato sul Bollettino regionale il prossimo 1° marzo. Le risorse stanziate per il 2013 ammontano a 1,2 milioni di euro.

  • Agricolture - foto di davide - diploDUno stanziamento di oltre 5 milioni di euro è stato approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell'Assessore alle Politiche agricole, a valere sulla Misura 312 "Sostegno alla creazione e allo sviluppo di microimprese" del PSR 2007-2013. L'intervento, diretto alle imprese che occupano meno di 10 persone e con un fatturato annuo non superiore a 2 milioni di euro, mira a promuovere un miglioramento nella qualità della vita, nell'imprenditorialità e nell'occupazione.

  • AgricolturaIl Ministero delle Politiche agricole mette a disposizione le prime stime sulle risorse destinate alla Politica agricola comune nell'ambito dell'accordo sul bilancio pluriennale 2014-2020 raggiunto l'8 febbraio dai capi di Stato e di Governo riuniti a Bruxelles. Un accordo che vede diminuire i fondi per i pagamenti diretti - con l'aiuto medio che passa dai 404,7 euro per ettaro di oggi a 378 euro/ha – e aumentare, di un miliardo e 443 milioni di euro, quelli per lo sviluppo rurale.

  • Vigneti - foto di francesco sgroiVia libera dalla commissione Agricoltura del Parlamento europeo agli emendamenti ai quattro testi legislativi di riforma della Politica agricola comune. Le proposte in tema di pagamenti diretti, Ocm unica, sviluppo rurale e il regolamento finanziario della PAC - approvati dagli eurodeputati il 23 e il 24 gennaio - approderanno a marzo in plenaria.

  • Agricoltura - foto di BluemooseSaranno circa 35.000 le imprese agricole lombarde che beneficeranno dell’anticipo sul pagamento della Pac. Lo ha annunciato la Giunta regionale che con una delibera ha autorizzato l'Organismo pagatore regionale ad avviare tutte le procedure per garantire il versamento dell'acconto entro l'estate. L’anticipo ammonta a circa il 50% del premio Pac, ad eccezione delle imprese delle zone terremotate (circa 5.5000 aziende), che riceveranno un anticipo fino al 90% del premio unico.

  • Abruzzo - foto di DurindardaQuasi 5 milioni di euro destinati alla promozione e alla riqualificazione del patrimonio edilizio, della cultura e delle tradizioni del mondo rurale attraverso opportunità di sviluppo per le popolazioni locali. Si tratta del bando che attua la Misura 322 del PSR 2007-2013 dell'Abruzzo, "Sviluppo e rinnovamento dei villaggi", del quale si attende a giorni la pubblicazione sul BUR.

  • Agriturismo Sicilia - Foto di Flickr upload botA partire da oggi e fino al 15 aprile 2013, gli imprenditori agricoli, potranno presentare la loro domanda per partecipare ai due nuovi bandi di attuazione della Misura 311 "Diversificazione verso attività non agricole" - Azione A "Agriturismo", del PSR 20072013. Il sostegno, previsto dai due avvisi, è concesso ai sensi del regime de minimis e del regime di esenzione.

  • Campagna - foto di Lex vBPubblicato il bando generale del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013, che stanzia a favore delle imprese agricole venete circa 88 milioni di euro. Le risorse serviranno a finanziarie misure rientranti nell’Asse 1 e 3 del PSR e per il rilancio del settore agricolo ed agroindustriale nel territorio della provincia di Rovigo colpito dal sisma del maggio 2012. Per il Polesine, infatti, sono stati stanziati 21,9 milioni di euro.

  • AgricolturaNonostante la crisi, l'Italia è riuscita a evitare il disimpegno dei fondi per l'agricoltura (Psr) e la pesca (Fep) per il 2012, superando l'obiettivo di spesa stabilito dalle norme comunitarie. Ad annunciarlo è il ministro delle Politiche agricole Mario Catania, secondo cui questo risultato "consente da un lato di sostenere l'economia agricola e della pesca in una fase così delicata, dall'altro di proseguire con le carte in regola le trattative sulla riforma della Politica agricola comune e del Feamp 2014-2020 (il nuovo fondo per gli affari marittimi e la pesca) a Bruxelles".

  • Agricoltura - foto di Skiwalker79Dal 2 gennaio al 15 febbraio 2013, i giovani che si apprestano per la prima volta a svolgere un'attività agricola, potranno presentare domanda per partecipare al nuovo bando della Misura 112 del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013. Le risorse a disposizione ammontano a circa 13 milioni di euro.

  • Agricoltura - foto di Johann JaritzSostegno ai giovani, alle aziende terremotate del Polesine, alla competitività e alla diversificazione produttiva. Queste le priorità individuate dalla Regione per portare a termine il Programma di Sviluppo Rurale 2007 – 2013, stanziando le ultime risorse – 88 milioni di euro – tra gli Assi 1 e 2 del PSR. I bandi di finanziamento, approvati dalla Giunta nella seduta del 19 dicembre, riguardano le misure 112, 111, 114, 121, 123, 132 e 311.

  • Campi - foto di Jan UlrichDal 3 dicembre 2012 la Regione anticiperà alle aziende agricole il 90% dei fondi della Politica agricola comune per l'anno in corso. Obiettivo dell’intervento è sostenere la produzione agricola lombarda, impegnando al meglio i fondi europei. Per garantire la massima equità e trasparenza nella concessione dei contributi, l'Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea) - per conto della Commissione Ue - sta effettuando controlli sul territorio per verificare le reali estensioni dei terreni rurali e la loro corrispondenza con le superfici dichiarate, ai fini dell'accesso agli aiuti della Pac.

  • Galline - foto di Andreu AdroverIn arrivo un bando per l’ammodernamento degli allevamenti finalizzato al miglioramento del benessere animale. Lo ha annunciato la Giunta regionale che - durante la riunione del 6 novembre 2012 - ha stanziato 20 milioni di euro - tramite il Programma di Sviluppo Rurale. Il bando intende sostenere il sistema allevatorio veneto nell’attuazione delle disposizioni normative europee in materia di miglioramento delle condizioni di igiene e benessere degli animali.

  • Agricoltura - foto di Andrea Grandi Pubblicati in gazzeta ufficiale i quattro decreti che approvano il cofinanziamento di programmi per l'agricoltura e la pesca a carico del fondo di rotazione ex legge n. 183/1987. Il primo, il decreto n. 17 del 1 agosto 2012, relativo all'assegnazione dell'annualità 2012 dei Piani di sviluppo rurale 2007-2013. Ad esso si aggiungono i decreti n. 21 e 23, sempre del 1 agosto 2012, relativi al cofinanziamento nazionale dei programmi per azioni di informazione e promozione dei prodotti ortofrutticoli freschi e dei prodotti agricoli sul mercato interno e i paesi terzi. Infine il decreto n. 20/2012 relativo al programma di controllo dell'attività di pesca.

  • Catania e Ciolos - fonte: Credit © European Union, 2012Da Lussemburgo, dove ha partecipato al Consiglio Agricoltura, dedicato al dibattito sulla riforma della Politica agricola comunee della Politica comune della pesca, il ministro per le Politiche agricole Mario Catania respinge l'ipotesi di aiuti per ettaro uniformi, il cosiddetto flat rate, entro il 2019. "Se applicassimo la proposta della Commissione europea, per alcune delle imprese agricole italiane ci sarebbe una riduzione del livello di aiuti del 90%", ha spiegato il ministro, concludendo che l'Italia "non può accettare un flat rate nel 2019".

  • Altopiano Asiago - foto di Renzo BorgattiNovità in arrivo per la produzione vinicola e la tutela delle foreste in Veneto. In occasione della riunione del Comitato di sorveglianza del Programma di sviluppo rurale è stata presentata una proposta per evitare la possibile sovrapposizione tra le misure del Psr 2007-2013 e l’utilizzo dei fondi dell’Organizzazione comune di mercato per il settore vino (Ocm). A questa iniziativa si aggiunge lo stanziamento di 20 milioni di euro contro l’abbandono delle zone rurali marginali.

  • Cascina - foto di Yorick39Diversificazione verso attività non agricole e Sostegno alla creazione e allo sviluppo di microimprese. Sono queste le finalità dei due bandi del Programma di Sviluppo rurale 2007-2013, in attuazione delle misure 311 e 312, che la Regione conta di pubblicare entro la metà di ottobre. "Attraverso queste iniziative vogliamo sostenere il mondo dell'agricoltura mediante una ponderata diversificazione delle proprie attività, con progettualità capaci di creare nuovo reddito, ma anche sviluppo e progresso sociale per il territorio", ha spiegato il Governatore della Regione Michele Iorio.

  • Cibo - foto di manulele.it Ammontano a 2 milioni e 800 mila euro le risorse destinate dalla Regione alle associazioni di produttori per sostenere attività di informazione e promozione dei prodotti che rientrano nei sistemi di qualità alimentare. Ad annunciare i bandi, a valere sulla Misura 133 del Programma di sviluppo rurale 2007-2013, l'assessore regionale alle Politiche agricole Fernanda Cecchini.

  • Bestiame - foto di exRowanTutelare e conservare la diversità genetica delle specie animali e vegetali presenti sul territorio regionale. E’ questo l’obiettivo della misura 214/h - Pagamenti agro-ambientali – prevista dal Programma di sviluppo rurale 2007-2013, per cui la Regione ha stanziato 2 milioni di euro. Le richieste di contributo possono essere presentate da enti di diritto pubblico che operano in ambito regionale nel campo della biodiversità di interesse agrario fino al 31 ottobre 2012.

  • Dacian Cioloş - European commission creditRendere la Politica agricola comune più comprensibile e trasparente è “essenziale”. Lo ha dichiarato il commissario Ue per l’agricoltura Dacian Cioloş il 25 settembre a Bruxelles, giornata in cui la Commissione europea ha adottato il nuovo regolamento sulla trasparenza. La normativa – revisionata a seguito delle preoccupazioni manifestate nel 2010 dalla Corte di giustizia europea – stabilisce nuovi parametri per la protezione dei dati riguardanti i beneficiari del Fondo europeo agricolo di garanzia(Feaga) e il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr).

  • Neve, campagna danneggiata - foto di © GiorgioNell'ambito del pacchetto di provvedimenti previsto dalla Regione per fronteggiare i danni provocati nel Lazio dalle eccezionali nevicatedi febbraio scorso, la Giunta Polverini dà il via libera al bando pubblico da 5,5 milioni di euro a sostegno delle aziende agricole colpite dall'evento calamitosonei comuni delle province di Frosinone, Rieti, Roma e Viterbo. Si attende ora la pubblicazione del testo sul Bollettino Ufficiale.

  • Oliveti - foto di chany14L'Italia dovrà restituire 28 milioni di euro alla Commissione europea nell'ambito della procedura di liquidazione dei conti, in particolare per i fondi della politica agricola comune (Pac) indebitamente spesi dagli stati membri. Sono state riscontrate, infatti, lacune nel calcolo dei diritti all'aiuto e una carente integrazione del settore dell'olio di oliva nel Regime di Pagamento Unico (Rpu). A farci compagnia, Austria, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lussemburgo, Portogallo, Regno Unito, Romania, Svezia e Ungheria.

  • Cascata delle Marmore - foto di supersumL'Umbria decide di investire su ciò che maggiormente la contraddistingue: i parchi e il paesaggio agricolo. Si muove in tale direzione il programma approvato dalla Giunta regionale per attivare la misura 323 del Programma di sviluppo rurale 2007-2013, quella che punta alla tutela e alla riqualificazione del patrimonio verde. Una misura che, da sola, metterà in moto risorse pari a 5,3 milioni di euro tra finanziamenti comunitari, regionali e di altri enti pubblici.

  • Spoleto - foto di ZyanceLa Giunta regionale ha stanziato oltre 2 milioni di euro per migliorare la qualità dell'offerta turistica rurale, a valere sula misura 313del PSR 2007-2013. Più della metà delle risorse, pari a 1,1 milioni di euro, servirà ad integrare lo stanziamento del bando 2011-2012, mentre i fondi rimanenti sono destinati alle iniziative per il periodo 2012-2013. Il relativo avviso sarà emanato a breve e finanzierà interventi a supporto delle attività turistiche, con particolare attenzione ai processi di informazione e comunicazione, ai servizi che agevolano l'incontro tra domanda-offerta e all'integrazione dell'offerta turistica-enogastronomica.

  • Trattore - foto di Lellovski77 La Giunta regionale ha integrato con 10 milioni di euro le risorse destinate alla misura 121 del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013, volta a promuove l’innovazione di processo, di prodotto e la riconversione produttiva delle aziende agricole. Il nuovo stanziamento, derivante da fondi ''avanzati'' dai Pacchetti giovani, si aggiunge, dunque, al budget iniziale di 32 milioni di euro.

  • Agricoltura - foto di Hinrich "Gli strumenti di gestione del rischio proposti dalla Commissione europea possono essere una risposta adeguata alle esigenze del settore, a condizione che siano messi in condizione di operare". Così l'Italia, durante il Consiglio Agricoltura di Bruxelles sulla riforma della Politica agricola comune, commenta il quadro di misure proposto dalla Commissione europea per migliorare la gestione dei rischi nel comparto agricolo e stabilizzare il reddito degli agricoltori. Tra le proposte, l'incremento del massimale di aiuto europeo di compensazione delle perdite dal livello attuale - 65% - all'80%.

  • AgricolturaLa plenaria del Parlamento europeo approva a grande maggioranza - 650 voti a favore, 23 contrari e 16 astensioni – la relazione dell'eurodeputato Luis Manuel Capoulas Santos sul regolamento transitorio per la Politica agricola Comune (PAC). In questo modo, gli agricoltori europei potranno ricevere gli aiuti diretti della Pac fino alla fine del 2013.

  • Pianura Padana - foto di SailkoAnche quest’anno, come nell’ultimo triennio, le aziende agricole lombarde riceveranno entro la fine del mese di luglio l'acconto del 50% del premio della Politica Agricola Comune (PAC). Nel corso del mese saranno assegnati, in due tranche, 204 milioni di euro ad oltre 30mila aziende.

  • Giovani agricoltoriI giovani imprenditori al centro della nuova Politica agricola comune (PAC). Ad annunciarlo l'assessore regionale Franco Manzato, durante la presentazione del Rapporto 2012 sull'agroindustria e l'agricoltura del Nord Est a Legnaro (Pd).

  • Proposte Ue per la fiforma della PAC - foto di Lellovski77

    Pagamenti diretti agli agricoltori dell'Ue più equi, semplificazione dei controlli sul modo di spendere i fondi comunitari e delle procedure burocratiche. Sono alcune delle proposte di riforma della PAC 2014-2020 elaborate dagli europarlamentari della commissione Agricoltura. I deputati di Bruxelles hanno inoltre espresso le loro posizioni sulla possibilità di prolungare i diritti di impianto per il settore vitivinicolo, sul regime delle quote per lo zucchero e sulle misure per favorire il greening, compatibilmente con i bisogni di ogni Stato membro.

  • Campagna - foto di RobertoniA seguito dell’approvazione da parte della Commissione Ue della proposta di modifica del Programma di sviluppo rurale 2007-2013, la Regione Veneto si prepara a ricevere oltre 66,3 milioni di euro per accrescere la competitività del settore agricolo. Le nuove risorse finanzieranno interventi a valere sull’Asse 1 (Competitività) e sull’Asse 3 (Diversificazione) del PSR 2007-2013.

  • Convegno - fonte: Fedagri-confcooperativeItalia, Spagna, Francia e Portogallo insieme per portare avanti le proprie proposte in tema di riforma della Politica agricola comune 2014-2020. Una serie di emendamenti al testo della Commissione europea, per promuovere l'aggregazione dell'offerta, che le organizzazioni della cooperazione agricola dei 4 paesi hanno discusso - nel corso del convegno organizzato a Roma da Fedagri-Confcooperative - con il presidente della commissione Agricoltura del Parlamento europeo Paolo De Castro, il relatore della proposta del Pe sull'organizzazione comune del mercato e il ministro delle Politiche agricole Mario Catania.

  • macchine agricole - foto di Charles and HudsonNon tutti i paesi comunitari usano gli aiuti destinati all'ammodernamento delle aziende agricole europee – di cui alla misura 121 dei Programmi di Sviluppo Rurale (Psr) - in maniera efficace. Questo il giudizio della Corte dei conti europea (CCE) che, nella relazione speciale n. 8/2012, ribadisce come i fondi disponibili debbano essere utilizzati in modo più mirato rispetto alle priorità dell’Ue e ai bisogni specifici degli Stati membri. La Corte chiede, dunque, un controllo maggiore sia da parte dei singoli Stati, che da parte della Commissione nell'approvare i PSR.

  • Agricoltura - foto di swisscanEvitare sanzioni eccessive per gli agricoltori che non rispettano i vincoli Ue in materia di inverdimento, ma anche esentare dagli obblighi le aziende che dedicano a colture virtuose, dal punto di vista ambientale, la maggior parte della superficie coltivata. Sono alcune delle proposte che il ministro per le Politiche agricole Mario Catania ha presentato oggi al Consiglio Agricoltura di Bruxelles in tema di PAC 2014-2020 e soprattutto di greening.

  • lewandoski - autore: Credit © European Union, 2012Entra nel vivo la battaglia delle prospettive finanziarie, il bilancio dell’Ue per il periodo 2014-2020. A combatterla saranno la Commissione europea, che chiede un aumento del bilancio rispetto agli ultimi anni, e alcuni Paesi membri, tra cui Italia, Francia e Germania, persuasi che l’austerità debba riguardare anche i bilanci comunitari. Tutto gira attorno a cento miliardi circa di copertura che, secondo i segnali che stanno emergendo in queste settimane, dovrebbero essere trovati tagliando le risorse del programma quadro di ricerca, della Pac e delle politiche di coesione.

  • Agricoltura - foto di Trevor RickardVanno nella giusta direzione le proposte di riforma della PACpresentate dalla Commissione europea. Ad affermarlo è il ministro delle Politiche agricole Mario Catania, in questi giorni a Lussemburgo per il Consiglio dei ministri Ue dell'Agricoltura. Non mancano però anche aspetti critici: sulla definizione di agricoltore attivo, la redistribuzione degli aiuti e i pagamenti diretti per i piccoli produttori l'Italia chiede più flessibilità.

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.