Accesso Iscriviti

Accesso

Accedi con uno dei tuoi account social...

...o con il tuo account FASI.biz

FASI.biz

Cars - foto di ZhousiyuanCinque settimane di tempo e una spesa di circa 400 euro. Tanto costa ai cittadini europei immatricolare un auto in uno Stato membro diverso da quello di residenza. Ma, se la mobilità di cittadini e imprese all'interno del mercato unico è per la Commissione una delle condizioni per la crescita, anche semplificare i trasferimenti di veicoli all'interno dell'Ue può contribuire all'obiettivo. La pensa così il vicepresidente della Commissione europea e commissario all'Industria Antonio Tajani, che ha presentato una proposta in materia.

Nelle previsioni di Tajani, una semplificazione delle procedure amministrative collegate al trasferimento delle auto nell'Ue potrebbe condurre a un risparmio complessivo di circa 1,5 miliardi di euro l'anno, tra imprese, cittadini e autorità di immatricolazione.

Queste in sintesi le misure proposte:

  • il veicolo deve essere immatricolato nel paese di residenza del proprietario, senza necessità di ricorrere alla reimmatricolazione se questi trascorre lunghi periodi in un altro stato membro; allo stesso modo le imprese dovranno immatricolare i propri mezzi solo nel paese in cui la società ha sede;
  • per chi lavora in uno stato diverso da quello di residenza e guida un veicolo già immatricolato dal datore di lavoro cade l'obbligo di immatricolarlo anche nel proprio paese;
  • per chi invece si trasferisce in un altro paese membro, la reimmatricolazione dovrà essere effettuata entro 6 mesi;
  • vengono semplificate le procedure in caso di acquisto o vendita di veicoli di seconda mano in un paese Ue diverso da quello di residenza;
  • viene meno l'obbligo di reimmatricolare i veicoli in caso di trasferimento di flotte di veicoli all'interno dell'Ue da parte delle società di autonoleggio, con una conseguente riduzione dei prezzi dell'autonoleggio;
  • abolizione di alcuni controlli, in parallelo però all'aumento della cooperazione tra le autorità nazionali competenti in materia, in particolare per quanto riguarda l'identificazione dei veicoli rubati.

A seguito dell'approvazione da parte del Parlamento europeo e del Consiglio, la Commissione chiarirà agli Stati membri la nuova normativa e adotterà una raccomandazione su come migliorare il funzionamento del mercato unico rispetto ai temi della tassazione delle autovetture e del noleggio transfrontaliero.

Links

Taking your car abroad in Europe – fewer registration formalities