Decreto Ristori: bonus per lavoratori sport e aiuti alle associazioni dilettantistiche

Decreto Ristori SportUn'indennità da 800 euro per i lavoratori dello sport e un Fondo da 50 milioni di euro per sostenere le associazioni e le società sportive dilettantistiche. Sono le misure previste dal decreto Ristori (dl 137-2020) per aiutare il mondo sportivo dopo le ultime restrizioni imposte dal Governo per contenere l'aumento dei contagi da Covid-19.

> Dalla ristorazione allo sport: tutte le misure del decreto Ristori

Bonus da 800 euro per i lavoratori dello sport

Il decreto Ristori (dl 137-2020 pubblicato in Gazzetta ufficiale il 28 ottobre) reitera per il mese di novembre il bonus per i lavoratori dello sport, già previsto dal dl Cura Italia e dal dl Rilancio, elevandolo però da 600 a 800 euro.

> Coronavirus e sport: i contributi per palestre, piscine e impianti sportivi

L'indennità è rivolta ai lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso il Comitato Olimpico Nazionale (CONI), il Comitato Italiano Paralimpico (CIP), le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva, riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale (CONI) e dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP), le società e associazioni sportive dilettantistiche, che - in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 - hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività.

Il bonus non concorre alla formazione del reddito e non è riconosciuto ai percettori di altro reddito da lavoro, del reddito di cittadinanza e del reddito di emergenza.

Per coloro che hanno già beneficiato del bonus nei mesi di marzo, aprile, maggio o giugno, l’indennità di 800 euro verrà erogata dalla società Sport e Salute Spa senza necessità di ulteriore domanda o accertamenti, anche per il mese di novembre 2020. Ai fini dell’erogazione automatica dell’indennità, si considerano cessati a causa dell’emergenza epidemiologica anche tutti i rapporti di collaborazione scaduti alla data del 31 maggio 2020 e non rinnovati.

I soggetti che invece non hanno beneficiato dell'indennità nei mesi precedenti devono presentare domanda - tramite procedura online - entro il 30 novembre 2020 alla società Sport e Salute Spa, che valuterà le richieste secondo l’ordine cronologico di presentazione.

Per l'erogazione dei bonus le risorse trasferite a Sport e Salute Spa sono incrementate di 124 milioni di euro per l’anno 2020.

Associazioni e società sportive dilettantistiche: Fondo da 50 milioni

Per far fronte alla crisi economica conseguente alle restrizioni per contenere l’emergenza epidemiologica, è istituito anche il Fondo per il sostegno delle associazioni e società sportive dilettantistiche.

Al Fondo - gestito dal Dipartimento per lo Sport - sono assegnati 50 milioni di euro per l’anno 2020, risorse che saranno utilizzate per l’adozione di misure di sostegno e ripresa delle associazioni e società sportive dilettantistiche che hanno cessato o ridotto la propria attività istituzionale a seguito dei provvedimenti statali di sospensione delle attività sportive.

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.